Sanità internazionale 15 Febbraio 2022 11:20

Usa e Gb temporeggiano sulla vaccinazione dei bambini più piccoli

Gli Stati Uniti rimandano la decisione di estendere la vaccinazione ai bambini dai 6 mesi di vita ai 4 anni, mentre il Regno Unito ritarda la sua approvazione alla vaccinazione della fascia d’età 5-11 anni

Usa e Gb temporeggiano sulla vaccinazione dei bambini più piccoli

Sia gli Stati Uniti che il Regno Unito hanno rimandato le decisioni riguardo la vaccinazione dei bambini. Gli Usa, dove già si vaccinano i bambini della fascia d’età 5-11 anni, attendono ulteriori dati per dare il via libera alla vaccinazione della fascia d’età 6 mesi e 4 anni. Il Regno unito, invece, temporeggia proprio sulla vaccinazione dei bambini tra i 5 e gli 11 anni d’età, una fascia della popolazione che in Italia stiamo già vaccinando da mesi.

Gli Usa aspettano ulteriori dati per estendere la vaccinazione dei bambini dai 6 mesi di vita ai 4 anni

La Food and Drug Administration (FDA) statunitense infatti ha rimandato la decisione sull’approvazione del vaccino Pfizer/BioNTech per i bambini di età compresa tra i 6 mesi e i 4 anni. Decisione, questa, che potrebbe essere sbloccata da un giorno all’altro. Lo scorso 11 febbraio, l’agenzia americana ha dichiarato di voler aspettare e valutare ulteriori dati provenienti da studi clinici che coinvolgono minori di 5 anni prima di dare la sua approvazione. All’inizio di questo mese, Pfizer e BioNTech hanno presentato alla FDA i dati su due dosi di vaccino di un regime a tre dosi per bambini di età compresa tra 6 mesi e 5 anni, ma «ha senso attendere i dati di sicurezza ed efficacia su tutte e tre le dosi prima di prendere una decisione su questo vaccino», ha affermato Paul Offit, membro del comitato consultivo dei vaccini e dei prodotti biologici della FDA. I dati sulle tre dosi dovrebbero essere disponibili all’inizio di aprile.

Nel Regno Unito ancora dubbi sulla vaccinazione della fascia 5-11 anni

Nel frattempo, il governo del Regno Unito deve ancora prendere una decisione sulla vaccinazione dei bambini di età compresa tra 5 e 11 anni, a seguito di un avviso da parte del Joint Committee on Vaccination and Immunisation (JCVI) più di una settimana fa, i cui dettagli non sono ancora stati reso pubblici. La decisione era già stata rimandata l’11 febbraio scorso, poi nuovamente ieri e ora è stata annunciata per il prossimo 21 febbraio, la data in cui dovrebbero essere resi pubblici i piani del Primo Ministro Boris Johnson sulla gestione a lungo termine dell’emergenza Covid. Sebbene la raccomandazione di JCVI non sia nota, si ritiene che il gruppo di esperti sia favorevole a offrire vaccini a tutti i bambini di questa fascia di età.

Il governo inglese ha sposato una strategia prudenziale

Di recente, nel Regno Unito è stato dato il via libera alla vaccinazione solo ai bambini di età compresa tra 5 e 11 anni che sono ritenuti vulnerabili o che vivono con persone immunocompromesse. Il governo inglese sta dimostrando molta prudenza – per alcuni troppa – nella vaccinazione dei bambini. In effetti gli Stati Uniti e Israele hanno iniziato a offrire i vaccini ai bambini di età compresa tra 5 e 11 anni lo scorso novembre. Mentre in Italia si è partiti lo scorso dicembre.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Virus respiratorio sinciziale, con anticorpo monoclonale alla nascita -70% di ricoveri
La somministrazione alla nascita di un farmaco contenente anticorpi contro il virus respiratorio sinciziale ha ridotto di circa il 70% i ricoveri nei bambini con meno di 6 mesi, in Lussemburgo, dove è stato introdotto questo programma di immunizzazione. Questi sono i dati che emergono da un'analisi coordinata dal ministero della Salute lussemburghese, i cui risultati sono stati pubblicati su Eurosurveillance
Dagli igienisti della SItI una Guida alle buone pratiche vaccinali
La Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) ha presentato il documento "Guida alle buone pratiche vaccinali", con l'obiettivo di promuovere e garantire servizi vaccinali di eccellenza in tutto il territorio nazionale
di V.A.
Diabete di tipo 1, se compare in bimbi under 10 ruba 16 anni di vita
L'Italia è il primo paese al mondo ad aver istituito uno screening del diabete di tipo 1 che come prima e importante conseguenza positiva consentirà di prevenire la chetoacidosi. Oggi infatti il 40% delle diagnosi di diabete di tipo 1 avviene in ritardo a seguito di un esordio drammatico, Senza contare che, quando la malattia ha un esordio precoce, prima dei 10 anni di età, si possono arrivare a perdere ben 16 anni di aspettativa di vita. Questi sono i messaggi lanciati da Valentino Cherubini, presidente della Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica (Siedp) che lancia un appello in occasione della Giornata Mondiale del Diabete che si celebra domani
di V.A.
Allarme antibiotico-resistenza, molti farmaci non funzionano più contro comuni infezioni infantili
Uno studio dell'Università di Sidney ha concluso che molti farmaci per il trattamento di infezioni comuni nei bambini e nei neonati non sono più efficaci in gran parte del mondo.L'allarme è stato lanciato sulla rivista The Lancet Regional Health Southeast Asia
Il Nobel per la Medicina ai «genitori» dei vaccini a mRNA contro il Covid e non solo
Drew Weissman, 64 anni, e Katalin Karikò, 68 anni, sono i due nuovi vincitori del Nobel per la Medicina 2023. I due scienziati hanno sviluppato la tecnologia che ha permesso, nel giro di pochissimi mesi, di sviluppare i vaccini anti-Covid a mRNA, che hanno salvato milioni di vite umane nel mondo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.