Sanità internazionale 15 Febbraio 2022 11:20

Usa e Gb temporeggiano sulla vaccinazione dei bambini più piccoli

Gli Stati Uniti rimandano la decisione di estendere la vaccinazione ai bambini dai 6 mesi di vita ai 4 anni, mentre il Regno Unito ritarda la sua approvazione alla vaccinazione della fascia d’età 5-11 anni

Usa e Gb temporeggiano sulla vaccinazione dei bambini più piccoli

Sia gli Stati Uniti che il Regno Unito hanno rimandato le decisioni riguardo la vaccinazione dei bambini. Gli Usa, dove già si vaccinano i bambini della fascia d’età 5-11 anni, attendono ulteriori dati per dare il via libera alla vaccinazione della fascia d’età 6 mesi e 4 anni. Il Regno unito, invece, temporeggia proprio sulla vaccinazione dei bambini tra i 5 e gli 11 anni d’età, una fascia della popolazione che in Italia stiamo già vaccinando da mesi.

Gli Usa aspettano ulteriori dati per estendere la vaccinazione dei bambini dai 6 mesi di vita ai 4 anni

La Food and Drug Administration (FDA) statunitense infatti ha rimandato la decisione sull’approvazione del vaccino Pfizer/BioNTech per i bambini di età compresa tra i 6 mesi e i 4 anni. Decisione, questa, che potrebbe essere sbloccata da un giorno all’altro. Lo scorso 11 febbraio, l’agenzia americana ha dichiarato di voler aspettare e valutare ulteriori dati provenienti da studi clinici che coinvolgono minori di 5 anni prima di dare la sua approvazione. All’inizio di questo mese, Pfizer e BioNTech hanno presentato alla FDA i dati su due dosi di vaccino di un regime a tre dosi per bambini di età compresa tra 6 mesi e 5 anni, ma «ha senso attendere i dati di sicurezza ed efficacia su tutte e tre le dosi prima di prendere una decisione su questo vaccino», ha affermato Paul Offit, membro del comitato consultivo dei vaccini e dei prodotti biologici della FDA. I dati sulle tre dosi dovrebbero essere disponibili all’inizio di aprile.

Nel Regno Unito ancora dubbi sulla vaccinazione della fascia 5-11 anni

Nel frattempo, il governo del Regno Unito deve ancora prendere una decisione sulla vaccinazione dei bambini di età compresa tra 5 e 11 anni, a seguito di un avviso da parte del Joint Committee on Vaccination and Immunisation (JCVI) più di una settimana fa, i cui dettagli non sono ancora stati reso pubblici. La decisione era già stata rimandata l’11 febbraio scorso, poi nuovamente ieri e ora è stata annunciata per il prossimo 21 febbraio, la data in cui dovrebbero essere resi pubblici i piani del Primo Ministro Boris Johnson sulla gestione a lungo termine dell’emergenza Covid. Sebbene la raccomandazione di JCVI non sia nota, si ritiene che il gruppo di esperti sia favorevole a offrire vaccini a tutti i bambini di questa fascia di età.

Il governo inglese ha sposato una strategia prudenziale

Di recente, nel Regno Unito è stato dato il via libera alla vaccinazione solo ai bambini di età compresa tra 5 e 11 anni che sono ritenuti vulnerabili o che vivono con persone immunocompromesse. Il governo inglese sta dimostrando molta prudenza – per alcuni troppa – nella vaccinazione dei bambini. In effetti gli Stati Uniti e Israele hanno iniziato a offrire i vaccini ai bambini di età compresa tra 5 e 11 anni lo scorso novembre. Mentre in Italia si è partiti lo scorso dicembre.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Epatite misteriosa, Rezza: «In Italia 34 casi probabili, situazione stabile»
In occasione dell'evento "Epatite pediatrica: un incontro per capirne di più e lavorare insieme sulla prevenzione" della onlus Etica, massimi esperti italiani fanno il punto sull'emergenza in Italia e nel mondo
Ricompare la poliomielite in Europa, in Gb massima allerta
Nel Regno Unito è stato segnalato un potenziale focolaio di poliomielite, in seguito al ritrovamento di tracce del virus nelle acque reflue. Secondo l'Oms, ci sono oltre 100 paesi che non raggiungono la copertura vaccinale raccomandata
Omicron 4 e 5, impennata contagi. Ricciardi: «Contagiosissime, un rischio aver tolto obbligo mascherina al chiuso»
I dati del monitoraggio Gimbe: +58,9% in una settimana. Aumentano ricoveri ordinari (+14,4%) e terapie intensive (+12,6%). Ricciardi: «Bisogna stare all’erta, con un virus così contagioso negli ambienti chiusi ci si contagia. Tanti i fragili a rischio»
Gb: meno visite faccia a faccia fanno bene all’ambiente e al portafogli
Nel Regno Unito c'è un acceso dibattito sull'opportunità di aumentare le visite a distanza dei pazienti per i suo effetti benefici contro l'inquinamento e per il risparmio economico
È record di bambini obesi in Italia. Le strategie per vincere i disturbi legati al cibo
Educazione alimentare e mense a km 0 nelle scuole, la proposta di Coldirette piace ai pediatri. Appello di SIMPEF E SIPPS perché genitori e insegnanti siano alleati nella divulgazione dei corretti stili di vita con cibo sano e attività fisica all’aria aperta
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali