Sanità internazionale 18 Maggio 2021 13:11

Il Regno Unito ora teme la variante indiana. E i medici di Tokyo chiedono lo stop alle Olimpiadi

Dopo settimane di tranquillità, gli esperti inglesi di nuovo preoccupati per i contagi: la variante indiana si sta diffondendo. A Gaza distrutto l’unico laboratorio per test Covid, l’India non esporterà più vaccini. Da Combivacs i risultati: una dose Pfizer dopo una AstraZeneca è sicura

Il Regno Unito ora teme la variante indiana. E i medici di Tokyo chiedono lo stop alle Olimpiadi

“Non abbassare la guardia”, con il Covid questo è diventato il mantra di tutto il mondo specie nelle situazioni in cui il virus sembra finalmente arretrare. Se ne sta accorgendo il Regno Unito, che dopo le prime settimane di sblocco torna a parlare di lockdown locali.

Uk, variante indiana destinata a diventare dominante

George Eustice, segretario all’Ambiente, ha ammesso che le prossime settimane saranno decisive per capire se le restrizioni rimaste in Uk saranno effettivamente revocate il 21 giugno. Il problema in questo momento è rappresentato dalla variante indiana, la B.1.617.2, che secondo gli esperti diventerà il ceppo dominante nel Paese in pochi giorni.

È stata messa in atto una sorveglianza intensiva in alcune aree dove i contagi sono raddoppiati in breve tempo. Come a Bedford per esempio, che ha il secondo tasso più alto di casi Covid in Inghilterra. Da tre o quattro casi al giorno, la zona ha superato i 10 nello spazio di qualche giorno. La variante indiana è più contagiosa del 50% rispetto a quella del Kent, avvertono gli esperti. Bisogna circoscriverla al più presto. Intanto Eustice ha invitato tutti gli inglesi a vaccinarsi, specie in quelle zone: «È ancora l’arma migliore».

India, ospedali spostati per il ciclone

In India, dopo qualche giorno di numeri al ribasso, anche ieri ci sono stati 4.329 decessi per Covid. La condizione precaria degli ospedali è stata messa ulteriormente a dura prova dal ciclone Taukate, che ha costretto molti malati dell’area di Mumbai a un trasferimento d’emergenza. Gli esperti hanno inoltre comunicato che, per via dei numeri record, l’India dovrà ritardare l’esportazione di vaccini almeno ad ottobre, per utilizzarli sulla propria popolazione.

Tokyo, i medici non vogliono le Olimpiadi. A Gaza grave emergenza

In Giappone, la Tokyo Medical Practitioners Association ha chiesto di annullare le Olimpiadi di quest’anno. Gli ospedali sono sopraffatti e in questo clima tre mesi di nuovi arrivi e di Giochi potrebbero danneggiare ancora di più la situazione. «Le istituzioni mediche che si occupano di Covid-19 hanno le mani impegnate e non hanno quasi nessuna capacità di riserva», hanno scritto in una lettera.

Intanto a Gaza, gli attacchi aerei israeliani hanno distrutto l’unico laboratorio di test Covid-19. Lì il tasso di positivi è uno dei più alti al mondo, il 28%.

Le nuove campagne vaccinali e lo studio Combivacs

Cambiano in corso d’opera in molti Paesi le priorità vaccinali. La Germania ha deciso di eliminare ogni priorità dal 7 giugno e di concedere a tutti un’inoculazione previa prenotazione. In Egitto il governo ha invece deciso di mandare avanti i lavoratori del turismo. L’obbiettivo per l’estate è offrire due aree di villeggiatura a vaccinazione totale. Lavoratori di hotel, resort, aziende e ristoranti del Sud Sinai e del Mar Rosso riceveranno il loro shot.

Buone notizie arrivano dalla Spagna con i primi risultati dello studio di miscelazione dei vaccini Covid “Combivacs”. Con una dose Pfizer dopo la prima iniezione di AstraZeneca il risultato è «sicuro e incoraggiante», secondo i ricercatori. La risposta immunitaria nelle persone che hanno ricevuto un’iniezione Pfizer era tra 30 e 40 volte maggiore rispetto a un gruppo di controllo che aveva solo la dose di AstraZeneca. Pochi effetti collaterali gravi sono stati segnalati tra i 600 partecipanti, hanno detto gli autori.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Variante Delta, quanto proteggono i vaccini? Il caso Uk
Quella che fino a poco tempo fa chiamavamo “variante indiana” è molto più contagiosa e pericolosa di quella inglese. I vaccini attualmente disponibili offrono una protezione adeguata?
Mucormicosi, che cos’è il fungo nero che in India sta infettando migliaia di sopravvissuti al Covid-19
Andrea Savarino (ISS) spiega quali sono i rischi di questa micosi, perché sta colpendo in questo momento gli indiani e se è correlata a fattori particolari che possono essere presenti anche in Europa
di Peter D'Angelo
Uk totalizza zero decessi, in India invece manca l’ossigeno. Usa dice sì a Pfizer per 12-15enni
Finalmente il numero zero è tornato nel Regno Unito, nessun morto per un giorno e Boris Johnson festeggia. In Usa vaccino anche ai più piccoli: Pfizer ok per i dodicenni. L'India vede numeri leggermente più bassi, ma è ancora emergenza ossigeno
Adozioni internazionali al tempo del Covid, tra ritardi e blocchi le associazioni fanno rete
Bertolusso (Amici di Don Bosco): «La pandemia tra le tante difficoltà ci ha insegnato a lavorare meglio insieme, ma non tutti i paesi collaborano»
di Federica Bosco
Covid, in Israele e Uk sembra tutto finito. Mentre India e America Latina vivono il peggior momento
La situazione mondiale della battaglia contro Covid ha diverse facce: nel Sud del mondo i vaccini non arrivano e si continua a morire, la situazione indiana spaventa anche i paesi limitrofi. Mentre in occidente Israele e Uk guidano la strada verso la normalità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM