Sanità internazionale 12 Gennaio 2016 15:45

Sanità internazionale

La marcia inarrestabile del dispositivo medico 

Tutori, occhiali, apparecchi acustici, busti ortopedici, ausili per la mobilità personale e pacemaker sono solo alcuni dei dispositivi medici più utilizzati; bastano, però, a far capire quanto la loro presenza incida sulla qualità della vita di milioni di persone che, grazie a queste tecnologie, possono vivere serenamente la propria quotidianità. Secondo il Rapporto sulla spesa rilevata dalle strutture sanitarie pubbliche del Ssn per l’acquisto di dispositivi medici 2014, curato dal Ministero della Salute italiano, gli Stati Uniti d’America sono leader mondiale in produzione e consumo, rappresentando complessivamente il 40% del mercato globale, seguiti dall’Europa che ne detiene il 25%, dal Giappone con il 17%, lasciando al resto del mondo circa il 15%.

Lo scorso anno, il mercato statunitense equivaleva a oltre 125 miliardi di dollari (Espicom, 2015), con previsioni di un tasso di crescita media annuale fino al 2018 di 6,1%. In Europa, lo stesso mercato costa 5,67 miliardi di euro, in salita del 9,1% rispetto all’anno precedente, e genera un fatturato di circa 100 miliardi di euro l’anno impiegando oltre 575mila persone (Eucomed, 2013). Germania, Francia, Gran Bretagna, Italia, e Spagna costituiscono il 70% del fatturato totale. Cifre in crescita a livello mondiale, rispetto al 2013, per cui gli analisti stimano che il tasso di crescita del settore sarà del 5% (CAGR) entro il 2020, raggiungendo un fatturato complessivo di 514 miliardi di dollari (EvaluateMedTech, 2014).

Articoli correlati
La Sanità è diventata un bene di lusso, cresce l’impoverimento delle famiglie
Secondo il 19° Rapporto del CREA Sanità "al Ssn servono 15 miliardi per non aumentare il distacco dal resto dell’UE, personale carente e sottopagato. Rispetto ai partner EU, il nostro Paese investe meno nella Sanità, aumenta la spesa privata ed è a rischio l’equità del sistema". Digitalizzazione necessaria per le “nuove cronicità"
Nel 2050 SSN non sostenibile senza interventi, nuovo report
La sanità pubblica non sarà sostenibile se non ci saranno interventi di correzione rispetto alle attuali dinamiche socio sanitarie. Questo è quanto emerso dal rapporto Meridiano Sanità realizzato da The European House - Ambrosetti e presentato a Roma
Govoni: «Per vaccini Covid impegno economico e una cooperazione mai visti prima»
Investimenti, cooperazione e scambio di informazioni i fattori che hanno portato ai vaccini anti Covid in tempi eccezionalmente brevi
di Paola Perrotta
L’allarme di Confindustria Dispositivi Medici: apparecchiature di diagnostica vetuste, rinnovare parco tecnologico
In base a uno studio dell’Osservatorio parco installato sono 18mila le apparecchiature di diagnostica per immagini obsolete, come risonanze magnetiche, Pet, Tac, angiografi e mammografi. Il presidente Boggetti: «Payback penalizza industria, così rischiamo di dover importare la gran parte dei dispositivi per gli ospedali»
Nel 2040 saranno oltre 2,5 milioni le persone con Alzheimer in Italia
Costa: «Il costo medio annuo per paziente, comprensivo dei costi diretti e indiretti, sia familiari sia a carico del sistema sanitario nazionale e della collettività, è pari a 70.587 euro, cifra che, moltiplicata per la quota attuale di malati, si traduce in oltre 42 miliardi di euro»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...
Salute

Tumore del polmone: per osimertinib e durvalumab ottimi risultati negli studi LAURA e ADRIATIC al Congresso ASCO

Nello studio LAURA osimertinib ha ridotto il rischio di progressione di malattia o di morte dell’84% nel tumore del polmone non a piccole cellule di Stadio III. Nello studio ADRIATIC, invece, du...