Sanità internazionale 12 gennaio 2016

Sanità internazionale

La marcia inarrestabile del dispositivo medico 

Tutori, occhiali, apparecchi acustici, busti ortopedici, ausili per la mobilità personale e pacemaker sono solo alcuni dei dispositivi medici più utilizzati; bastano, però, a far capire quanto la loro presenza incida sulla qualità della vita di milioni di persone che, grazie a queste tecnologie, possono vivere serenamente la propria quotidianità. Secondo il Rapporto sulla spesa rilevata dalle strutture sanitarie pubbliche del Ssn per l’acquisto di dispositivi medici 2014, curato dal Ministero della Salute italiano, gli Stati Uniti d’America sono leader mondiale in produzione e consumo, rappresentando complessivamente il 40% del mercato globale, seguiti dall’Europa che ne detiene il 25%, dal Giappone con il 17%, lasciando al resto del mondo circa il 15%.

Lo scorso anno, il mercato statunitense equivaleva a oltre 125 miliardi di dollari (Espicom, 2015), con previsioni di un tasso di crescita media annuale fino al 2018 di 6,1%. In Europa, lo stesso mercato costa 5,67 miliardi di euro, in salita del 9,1% rispetto all’anno precedente, e genera un fatturato di circa 100 miliardi di euro l’anno impiegando oltre 575mila persone (Eucomed, 2013). Germania, Francia, Gran Bretagna, Italia, e Spagna costituiscono il 70% del fatturato totale. Cifre in crescita a livello mondiale, rispetto al 2013, per cui gli analisti stimano che il tasso di crescita del settore sarà del 5% (CAGR) entro il 2020, raggiungendo un fatturato complessivo di 514 miliardi di dollari (EvaluateMedTech, 2014).

Articoli correlati
Dispositivi medici, Boggetti (Assobiomedica): «Sono sicuri, Ministero fa controlli accurati. In caso di dubbi andate dal medico»
Il caso nato dall’inchiesta giornalistica “Implant Files”. Positivo il giudizio del presidente dell’associazione che raccoglie le aziende del settore biomedicale sul Sunshine Act: «Bene rendere trasparenti i rapporti professionali ma non sia demonizzazione»
Protesi e dispositivi killer, l’inchiesta giornalistica che smaschera l’assenza di controlli
Sono migliaia le morti causate in tutto il mondo da impianti medicali difettosi o di scarsa qualità. Pacemaker, protesi delle anche o delle ginocchia, spirali anticoncezionali o reti sintetiche che causano dolori e lesioni e, in alcuni casi, il decesso del paziente. Impianti incrinati nella schiena, defibrillatori impiantabili che si inceppano, contraccettivi che causano danni […]
Contributo del 5,5 % delle spese sostenute per attività promozionali
Tra gli obblighi delle imprese del settore dei dispositivi medici vi è quello di inviare alla Direzione generale dei dispositivi medici e del servizio farmaceutico una dichiarazione concernente le spese per attività promozionali e provvedere al versamento del contributo del 5,5% delle spese. La dichiarazione e il versamento devono essere effettuati entro il 30 aprile di ogni anno.
di Beatrice Lorenzin - Ministro della Salute
Il manifesto di Assobiomedica: più soldi a Ssn e spazio a innovazione e ricerca. Boggetti: «Sanità torni al centro dell’agenda politica»
Il presidente della federazione di Confindustria che rappresenta le imprese del settore dei dispositivi medici chiede anche la difesa dei brevetti e l’allungamento del periodo di status start-up innovativa. Poi aggiunge: «Serve collaborazione tra medici e imprese, ma oggi viene vista male»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...