Sanità internazionale 9 Febbraio 2016 11:57

Sanità internazionale

Malasanità: medici, attenti al precedente

Cause per malasanità negli USA: 66.426 risarcite, su oltre 54mila intentate nei confronti dei camici bianchi dal 2005 al 2014; ed è soltanto l’1% dei medici ad avere a carico ben il 32% di tutti i sinistri pagati. Questi sono i risultati di uno studio della Standford University pubblicato recentemente sul New England Journal of Medicine. Per riuscire a rintracciare il loro profilo professionale, e poter poi di conseguenza migliorare la qualità delle cure, i ricercatori americani hanno analizzato le cifre della banca dati National Practitioner e ne è emerso che il rischio di accusa recidiva aumenta con il numero delle precedenti condanne: nell’arco del periodo preso in esame, tra tutti i medici accusati e condannati, l’84% ne ha presa solo una (pari al 68% del totale), il 16% almeno due (pari al 32% del totale), il 4% almeno 3 (pari al 12% del totale). Una più alta percentuale di rischio dipende anche molto dalla specialità del professionista: ad esempio, per un neurochirurgo è di gran lunga superiore rispetto ad uno psichiatra o ad un internista. Tra le categorie a minor rischio, ci sono i pediatri. E ancora, i medici maschi hanno il 38% di rischio in più di una seconda denuncia, rispetto alle colleghe donne. Importante anche il fattore età: i medici under 35 rischiano meno dei colleghi più anziani. Lo studio dimostra che riuscire ad individuare l’esigua minoranza di “malpractitioner” potrebbe ridimensionare queste cifre in rapida ascesa. Anche in Francia, le denunce per malasanità ai danni dei professionisti sono in aumento, ma il dato preoccupante riguarda l’Italia, poiché il numero di denunce è più che raddoppiato negli ultimi 20 anni: ad oggi si registrano circa 30mila denunce ogni anno, circa 2,6 casi ogni 1000 ricoveri. Dal canto loro, i medici si dicono in difficoltà per i costi sempre più alti delle polizze assicurative che sono obbligati a stipulare.

Articoli correlati
Medici bersagli di studi legali, l’avvocato Spangaro: «Drastico calo della deontologia»
L'avvocato fiduciario di Cisl Medici Lazio: «Ci sono troppi legali e non c'è lavoro per tutti, quindi prendono in giro i malati»
di Vanessa Seffer
Calvizie femminile, AME: «Gli androgeni non sono sempre una “spia”»
In Italia ne soffrono 4 milioni di donne. Gli esperti di AME: «È meglio intervenire tempestivamente, quando il danno è ancora limitato»
Covid-19 e responsabilità medica, D’Elia (Procura Roma): «Mi chiedo se legge Gelli sia adeguata all’emergenza»
Nel confronto su Covid e responsabilità medica tra medici, avvocati e giuristi dell’Università Cattolica e Fondazione Policlinico A. Gemelli, si prospettano i possibili scenari del contenzioso medico legale post-epidemia
Legge Gelli: a che punto siamo? Siciliano (Tribunale Milano): «Medici da tutelare»
Troppe denunce nei confronti dei camici bianchi. Per il procuratore Tiziana Siciliano occorre incidere sulle cause ingiustificate e pretestuose finalizzate al risarcimento. Rossi (OMCeO Milano): «Non archiviato solo l’8% delle denunce, e di queste molte si concludono con l’assoluzione in sede penale»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 15 gennaio, sono 93.129.104 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.994.440 i decessi. Ad oggi, oltre 35,57 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...