Sanità internazionale 1 Dicembre 2015 12:18

Sanità internazionale

La salute al tempo dei social

In Gran Bretagna, sempre più pazienti lamentano problemi nella comunicazione con il proprio medico di base. Questo è ciò che si evince da una recente indagine del National Audit Office. Negli anni 2011-2012, il 19% della popolazione ha dichiarato di non riuscire a contattare telefonicamente il professionista di fiducia, mentre nel biennio 2014-2015, questo dato è salito al 27%.
In Italia, sono invece i camici bianchi ad interrogarsi su some migliorare la relazione con i proprio assistiti. Un sondaggio di Consulcesi rivela che il 91% dei medici è convinto della necessità di una maggiore attenzione nella comunicazione con i pazienti per aumentare la qualità e la quantità dell’attività professionale e per il 72% risultano importanti, se non fondamentali, strumenti di comunicazione di nuova generazione quali social network, sito internet e App mobile. E’ significativo che il 48% dei medici usa un sito internet per promuovere la propria attività, il 16% fa ampio uso dei social network e il 14% delle App. E questi numeri sono destinati a crescere notevolmente, se si pensa che solo un medico su cinque (il 22%) si affida ancora ai metodi pubblicitari tradizionali.
Il vice-presidente del Consiglio Nazionale dell’ordine dei medici francese Jacques Lucas, nella stessa ottica, dichiara: “Il nostro Sistema sanitario deve velocemente adattarsi a queste innovazioni in campo medico. Come la comparsa del telefono ha avvicinato medico e paziente, gli strumenti tecnologici possono facilitare maggiormente questo, spesso difficile, rapporto”.

Articoli correlati
Stati generali comunicazione Salute, Speranza: «In emergenza contrastato il virus della disinformazione. Facciamone tesoro»
La due giorni organizzata da Federsanità ha preso il via al Policlinico Umberto I di Roma. Frittelli: «Solo se impareremo l’importanza della comunicazione per la salute, potremo contribuire alla salvaguardia del nostro SSN. Se sapremo comunicarlo, in ogni occasione, sarà più facile in ogni sede riuscire a difenderlo»
Andreoni: «Covid molto più pericoloso del vaccino. Rischioso ritardare somministrazione seconda dose»
L'infettivologo: «Tante persone rinunciano alla vaccinazione in maniera insensata. Centinaia di decessi giornalieri dovrebbero spaventare molto di più di fenomeni gravissimi ma eccezionali»
Cancro e impatto sulla famiglia: come gestire e comunicare la diagnosi ai figli
«Il cancro si impone come “membro aggiunto” della famiglia: è importante che tutti si impegnino a tenere aperto il canale della comunicazione - spiega Flavia Vicinanza, psiconcologa a Sanità Informazione - non lasciare i nostri figli da soli e accompagnarli in questo cammino difficile ma percorribile»
Comunicazione medico-paziente, un italiano su tre cerca informazioni sul web. Ecco perché
L’esperta: «Mancano i corsi di formazione su counselling e comunicazione e durante la visita c’è poco tempo per parlare. Quando il malato nega la diagnosi, è portato a cercare affannosamente altrove conferme»
Emergenza Covid-19: la comunicazione con la famiglia del paziente
di Livia Carullo, Infermiera
di Livia Carullo, Infermiera
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 luglio, sono 551.283.678 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.342.322 i decessi. Ad oggi, oltre 11,77 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...