Salute 4 Marzo 2022 17:39

Stati generali comunicazione Salute, Speranza: «In emergenza contrastato il virus della disinformazione. Facciamone tesoro»

La due giorni organizzata da Federsanità ha preso il via al Policlinico Umberto I di Roma. Frittelli: «Solo se impareremo l’importanza della comunicazione per la salute, potremo contribuire alla salvaguardia del nostro SSN. Se sapremo comunicarlo, in ogni occasione, sarà più facile in ogni sede riuscire a difenderlo»

«Una comunicazione accurata, efficace e tempestiva è uno degli strumenti principali di promozione e tutela della salute. Comunicare in modo corretto, contrastare le fake news, può fare la differenza in una situazione di emergenza. È questa una delle lezioni che abbiamo appreso nel corso di una pandemia che ci ha visto fare i conti anche con il virus della disinformazione. Oggi, anche in tema di comunicazione, è il tempo giusto per far tesoro degli insegnamenti del Covid-19: la sfida più importante del nostro presente». È questo il fulcro del messaggio del ministro Speranza inviato agli Stati generali della comunicazione per la salute. L’evento organizzato da Federsanità ha preso il via oggi al Policlinico Umberto I di Roma. Ha visto come partner autorevoli ISS, Fnomceo, Fnopi, Gimbe e Ordine dei Giornalisti.

Il convegno ruota attorno al ruolo decisivo della comunicazione in sanità. Il tema centrale, l’importanza di fornire informazioni esaustive, efficaci ed affidabili ai cittadini soprattutto in una fase di emergenza. Comunicatori, giornalisti, social media manager di aziende sanitarie e professionisti del SSN si sono alternati con interventi istituzionali, relazioni e momenti di discussione e confronto.

Frittelli (Federsanità): «Imparando l’importanza della comunicazione per la salute salvaguarderemo il SSN»

Ad aprire i lavori il Direttore Generale del Policlinico Umberto I, Fabrizio d’Alba, insieme alla Presidente di Federsanità, Tiziana Frittelli.  «Questo evento – ha detto la presidente – è nato da un monito spontaneo quando nei momenti più duri dell’emergenza pandemica, molte aziende sanitarie e ospedali sono stati vittime di attacchi informatici che hanno messo a rischio l’erogazione dei servizi pubblici di assistenza e cura di pazienti. Gruppi non ben identificati, tramite la “maschera del no vax”, hanno fatto viaggiare in rete messaggi di incitazione all’odio contro le strutture sanitarie e chi vi lavora con dedizione e sacrificio ogni giorno. Conseguenza immediata – ha continuato – il ripresentarsi di episodi di violenza verbale e fisica contro i nostri operatori e le nostre strutture».

Federsanità ha quindi deciso di lanciare l’esortazione “Non smettiamo di comunicare” per «contrastare con la trasparente e corretta informazione il clima di intolleranza verso le nostre strutture. Difendere e disseminare i valori universalistici e solidaristici del nostro servizio sanitario nazionale. Condividere – ha aggiunto – con tutti gli stakeholder obiettivi, proposte programmi. Solo se impareremo, insieme, l’importanza della comunicazione per la salute, potremo contribuire alla salvaguardia del nostro SSN, uno dei beni più preziosi del nostro Paese. Se sapremo comunicarlo, in ogni occasione, sarà più facile in ogni sede riuscire a difenderlo» ha concluso Frittelli.

Brusaferro (ISS): «Stiamo uscendo nella maniera migliore possibile. Guardare con fiducia il futuro»

Il Presidente dell’Istituto superiore di sanità (ISS) Silvio Brusaferro ha ricordato nel suo intervento che «il SSN si è dimostrato, in pandemia, un bene prezioso. Attuale ed essenziale, dobbiamo potenziarlo e rafforzarlo». Poi sulla situazione epidemiologica che stiamo vivendo, ha detto: «Stiamo affrontando questa nuova fase grazie alla scienza, alla tecnologia e all’organizzazione dei servizi e all’impegno di tutti i professionisti. Ne stiamo uscendo anche nella maniera migliore possibile. Dobbiamo guardare con fiducia il futuro».

Anelli (Fnomceo): «Condividere obiettivi di salute con i giornalisti»

Il Presidente Fnomceo Filippo Anelli ha proposto di modificare il Codice di deontologia medica perché non si parli più soltanto di comunicazione medico-paziente ma di come i medici possano utilizzare la comunicazione per raggiungere obiettivi di salute. «Anche la comunicazione fatta da voi giornalisti – ha spiegato ai nostri microfoni – deve diventare uno strumento per consentire alla nostra comunità nazionale e a tutti i cittadini di raggiungere quegli obiettivi di salute fondamentali. Se condividiamo gli obiettivi il numero delle fake news probabilmente diminuisce. Ma soprattutto diventiamo efficaci per far stare bene la gente. Tutti noi dobbiamo mettere al primo posto gli interessi di carattere generale. Qualche volta abbiamo avuto l’impressione che egli interessi di carattere economico siano stati prevalenti» ha sottolineato. Anelli ha poi ricordato le iniziative della Fnomceo per combattere la disinformazione. Dal sito “Dottoremeveroche” alle campagne per stimolare l’opinione pubblica sui temi importanti per la professione medica e la salute dei cittadini.

Mangiacavalli (Fnopi) contro le fiction tv: «Interpellarci per rappresentare i contesti sanitari e ospedalieri eviterebbe scivoloni»

La presidente della Fnopi, Barbara Mangiacavalli ha evidenziato l‘essenziale contributo degli infermieri nel SSN e nella comunità, dopo due anni di pandemia. «Il nuovo infermiere è un professionista laureato e sempre più frequentemente specializzato mediante master e percorsi di alta formazione post-universitaria». Nel suo lavoro, l’informazione corretta «ha un ruolo fondamentale – ha precisato Sanità Informazione -. Possiamo essere i professionisti più attenti nei confronti dell’assistito, dell’equipe e dell’istituzione sanitaria e sociosanitaria per cui lavoriamo. Ma se il messaggio che esce distorce il contenuto o si affida a stereotipi che appartengono al passato si crea un danno nei confronti del rapporto di fiducia che dobbiamo instaurare con i cittadini».

La Mangiacavalli ha criticato infatti «una certa stampa e televisione, che è rimasta “affezionata” a una vecchia e retorica rappresentazione dell’infermiere, ma più in generale di tutte le professioni sanitarie». E ha lanciato un appello a tutti gli attuali player del mercato delle fiction tv. «Nella fase di scrittura e nell’allestimento delle scenografie si interpellino gratuitamente, tramite Federsanità, noi professioni sanitarie, noi aziende sanitarie e ospedaliere, per descrivere e rappresentare in modo coerente i contesti professionali, sanitari e ospedalieri che ci vedono coinvolti. Eviterebbero degli scivoloni loro, e aumenterebbe di molto il gradimento da parte del pubblico» ha concluso.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Infermieri, primo rapporto sulle violenze: 125mila casi sommersi in un anno, 75% contro donne
Mangiacavalli (presidente FNOPI): «Da eroi del Covid a vittime invisibili. Subito inserimento nella categoria lavori usuranti»
Aggressioni operatori sanitari, consegnato il premio Federsanità-Simeu “Curare la violenza”
Quattro le aree tematiche individuate dalla Commissione di Valutazione presieduta dalla dott.ssa Maria Pia Ruggieri, past president SIMEU per evidenziare impegno e buone pratiche sulla prevenzione della violenza contro medici ed infermieri messe a punto dalle tante aziende sanitarie e ospedaliere partecipanti
Giornata internazionale infermiere, Fnopi: «Da eroi a fantasmi, con un vuoto di organico di 70mila unità»
La Presidente della Federazione nazionale ordini professioni infermieristiche (Fnopi) Barbara Mangiacavalli: «Giornata dedicata ai 90 infermieri morti per il Covid, ora più formazione e riconoscimento professionale»
Quarta dose al palo, Anelli (Fnomceo): «Medico torni a essere punto di riferimento»
La quarta dose stenta a decollare. Per il presidente della Fnomceo, Filippo Anelli, solo restituendo al medico le sue competenze è possibile rilanciare il secondo richiamo
di Valentina Arcovio
Paziente esperto nei comitati etici, Van Doorne (AdPEE): «Ne sanno più dei medici stessi»
L’Accademia del Paziente Esperto Eupati chiede a Speranza l’inserimento dei rappresentanti dei pazienti all’interno dei comitati etici. «La sua visione è differente perché ha vissuto la malattia - spiega la presidente AdPEE a Sanità Informazione - e il suo parere è fondamentale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 maggio, sono 527.393.956 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.283.228 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto
Cause

Medici specializzandi, apertura della Cassazione su prescrizione, rivalutazione interessi e borse di studio

Due ordinanze della Cassazione riaprono la vertenza, con udienza pubblica. L’avvocato Tortorella: «La giurisprudenza può rivedere le sue posizioni in senso più favorevole ai ...