Sanità internazionale 21 Luglio 2020 10:16

Regno Unito, uno studio del King’s College identifica sei “tipi” di Covid-19

La ricerca del team londinese ha diviso i cluster a seconda dei sintomi. A seconda delle manifestazioni del virus, si potrebbero prevedere i ricoveri otto giorni prima dell’aggravarsi delle condizioni del paziente

Regno Unito, uno studio del King’s College identifica sei “tipi” di Covid-19

Esisterebbero sei “tipi” diversi di Covid-19, con sintomi e prognosi differenziate. Quanto hanno concluso gli scienziati del King’s College di Londra, analizzando i dati dell’app Covid Symptom Study. I risultati, se confermati, potrebbero aiutare nella gestione clinica della malattia da Sars-CoV-2, prevedendo i pazienti più a rischio. La ricerca prestampata e senza peer review si trova su “medRxiv“, a firma di Carole H. Sudre e altri.

Nonostante tosse continua, febbre e anosmia (perdita dell’olfatto) risultino ormai i sintomi chiave di Covid-19, secondo i dati dell’app molte persone hanno sperimentato sintomi diversi durante la malattia. Tra questi mal di testa, dolori muscolari, affaticamento diffuso, diarrea, senso di confusione, respiro difficoltoso e perdita di appetito. Molti contagiati pauci-sintomatici tuttavia, sperimentano una simil-influenza o anche una semplice eruzione cutanea, eppure possono arrivare a contrarre la malattia gravemente.

UN ALGORITMO PER SEI TIPI DI COVID

L’idea del team londinese è stata quella di indagare quali possano essere le spie sintomatiche di un’evoluzione nefasta del nuovo coronavirus. Utilizzando un algoritmo che apprende automaticamente, hanno analizzato i dati di 1.600 persone confermati casi Covid-19. Utenti che da marzo ad aprile hanno registrato regolarmente l’andamento della malattia.

Ne sono risultati sei gruppi distinti di manifestazioni per sei “tipi” di Covid. Poi confermati da un secondo set di dati tra mille persone provenienti da Regno Unito, Stati Uniti e Svezia che hanno fatto lo stesso a maggio. Alcuni sintomi sono apparsi comuni a tutti, come mal di testa e perdita dell’olfatto. Altri, come confusione e dolore addominale, erano relativamente “nuovi”, eppure hanno accomunato tutte le forme più gravi.

I cluster rilevati sono stati:

  • “simil-influenza” senza febbre: mal di testa, perdita dell’olfatto, dolori muscolari, tosse, mal di gola, dolore toracico, nessuna febbre.
  • “simil-influenza” con febbre: mal di testa, perdita dell’olfatto, tosse, mal di gola, raucedine, febbre, perdita di appetito.
  • gastrointestinale: mal di testa, perdita dell’olfatto, perdita dell’appetito, diarrea, mal di gola, dolore toracico, nessuna tosse.
  • livello 1 grave, affaticamento: mal di testa, perdita dell’olfatto, tosse, febbre, raucedine, dolore toracico, affaticamento.
  • livello 2 grave, confusione: mal di testa, perdita dell’olfatto, perdita di appetito, tosse, febbre, raucedine, mal di gola, dolore toracico, affaticamento, confusione, dolore muscolare.
  • livello tre grave, addominale e respiratorio: mal di testa, perdita dell’olfatto, perdita dell’appetito, tosse, febbre, raucedine, mal di gola, dolore toracico, affaticamento, confusione, dolore muscolare, respiro corto, diarrea, dolore addominale.

I RISULTATI

Tra i sei tipi di Covid, solo l’1,5% delle persone con il cluster 1 ha poi necessitato di supporto respiratorio, il 4,4% del tipo 2 e il 3,3% del tipo 3. Le percentuali raddoppiano con i tipi 4,5 e 6. Rispettivamente all’8,6%, 9,9% e 19,8%. Queste ultime tre tipologie sembra colpissero maggiormente persone anziane e fragili, con condizioni di sovrappeso e malattie preesistenti.

Da qui l’elaborazione di un modello che combina sesso, età e comorbilità con i sintomi dei primi cinque giorni di malattia. Una soluzione che ha previsto il ricovero con una minore possibilità di errore per gli appartenenti ai gruppi sintomatici più a rischio. Dato che il ricovero avviene generalmente 13 giorni dopo le prime manifestazioni, gli otto giorni di anticipo nella previsione potrebbero rivelarsi un aiuto importante.

«Se riesci a prevedere chi sono queste persone al quinto giorno – ha affermato la dott.ssa Claire Steves del King’s College di Londra – hai il tempo di dare loro supporto e interventi precoci come il monitoraggio dell’ossigeno nel sangue e i livelli di zucchero e assicurandoti che siano adeguatamente idratati. Cure semplici che potrebbero essere fornite a casa, prevenendo i ricoveri e salvare vite».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, Von der Leyen: «Ue leader mondiale sui vaccini. Ora evitare pandemia dei non vaccinati»
La Presidente della Commissione Europea Ursula Von der Leyen, nel corso del discorso sullo Stato dell'Unione, ha rivendicato con orgoglio il lavoro fatto da tutti gli Stati membri nel corso della pandemia
Ho contratto il Covid-19 dopo la prima dose di vaccino, cosa devo fare?
Cosa fare se una persona contrae il Covid-19 successivamente alla somministrazione della prima dose di vaccino? Il Ministero della Salute ha fornito i chiarimenti necessari tramite una circolare firmata dal Direttore della Prevenzione, Gianni Rezza
L’affondo di Villani (SIP): «Vaccino contro il morbillo reso obbligatorio con 8 morti al giorno»
Ricciardi al webinar Altems dedicato al ritorno in classe: «Sono preoccupato. I casi di Covid-19 tra i bambini sono molti, e alcuni finiscono in terapia intensiva. Nelle scuole non ci siano adulti non vaccinati»
Vaccino antinfluenzale, Maio (Fimmg): «Dall’anti-Covid attendere almeno un mese»
La responsabile dell’area vaccini di Fimmg: «Consigliato a over 60, soggetti fragili e lavoratori a rischio. Migliora la diagnosi differenziale tra influenza stagionale e Covid-19 ed evita il sovraffollamento degli ospedali»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco