Sanità internazionale 21 Luglio 2020

Regno Unito, uno studio del King’s College identifica sei “tipi” di Covid-19

La ricerca del team londinese ha diviso i cluster a seconda dei sintomi. A seconda delle manifestazioni del virus, si potrebbero prevedere i ricoveri otto giorni prima dell’aggravarsi delle condizioni del paziente

Immagine articolo

Esisterebbero sei “tipi” diversi di Covid-19, con sintomi e prognosi differenziate. Quanto hanno concluso gli scienziati del King’s College di Londra, analizzando i dati dell’app Covid Symptom Study. I risultati, se confermati, potrebbero aiutare nella gestione clinica della malattia da Sars-CoV-2, prevedendo i pazienti più a rischio. La ricerca prestampata e senza peer review si trova su “medRxiv“, a firma di Carole H. Sudre e altri.

Nonostante tosse continua, febbre e anosmia (perdita dell’olfatto) risultino ormai i sintomi chiave di Covid-19, secondo i dati dell’app molte persone hanno sperimentato sintomi diversi durante la malattia. Tra questi mal di testa, dolori muscolari, affaticamento diffuso, diarrea, senso di confusione, respiro difficoltoso e perdita di appetito. Molti contagiati pauci-sintomatici tuttavia, sperimentano una simil-influenza o anche una semplice eruzione cutanea, eppure possono arrivare a contrarre la malattia gravemente.

UN ALGORITMO PER SEI TIPI DI COVID

L’idea del team londinese è stata quella di indagare quali possano essere le spie sintomatiche di un’evoluzione nefasta del nuovo coronavirus. Utilizzando un algoritmo che apprende automaticamente, hanno analizzato i dati di 1.600 persone confermati casi Covid-19. Utenti che da marzo ad aprile hanno registrato regolarmente l’andamento della malattia.

Ne sono risultati sei gruppi distinti di manifestazioni per sei “tipi” di Covid. Poi confermati da un secondo set di dati tra mille persone provenienti da Regno Unito, Stati Uniti e Svezia che hanno fatto lo stesso a maggio. Alcuni sintomi sono apparsi comuni a tutti, come mal di testa e perdita dell’olfatto. Altri, come confusione e dolore addominale, erano relativamente “nuovi”, eppure hanno accomunato tutte le forme più gravi.

I cluster rilevati sono stati:

  • “simil-influenza” senza febbre: mal di testa, perdita dell’olfatto, dolori muscolari, tosse, mal di gola, dolore toracico, nessuna febbre.
  • “simil-influenza” con febbre: mal di testa, perdita dell’olfatto, tosse, mal di gola, raucedine, febbre, perdita di appetito.
  • gastrointestinale: mal di testa, perdita dell’olfatto, perdita dell’appetito, diarrea, mal di gola, dolore toracico, nessuna tosse.
  • livello 1 grave, affaticamento: mal di testa, perdita dell’olfatto, tosse, febbre, raucedine, dolore toracico, affaticamento.
  • livello 2 grave, confusione: mal di testa, perdita dell’olfatto, perdita di appetito, tosse, febbre, raucedine, mal di gola, dolore toracico, affaticamento, confusione, dolore muscolare.
  • livello tre grave, addominale e respiratorio: mal di testa, perdita dell’olfatto, perdita dell’appetito, tosse, febbre, raucedine, mal di gola, dolore toracico, affaticamento, confusione, dolore muscolare, respiro corto, diarrea, dolore addominale.

I RISULTATI

Tra i sei tipi di Covid, solo l’1,5% delle persone con il cluster 1 ha poi necessitato di supporto respiratorio, il 4,4% del tipo 2 e il 3,3% del tipo 3. Le percentuali raddoppiano con i tipi 4,5 e 6. Rispettivamente all’8,6%, 9,9% e 19,8%. Queste ultime tre tipologie sembra colpissero maggiormente persone anziane e fragili, con condizioni di sovrappeso e malattie preesistenti.

Da qui l’elaborazione di un modello che combina sesso, età e comorbilità con i sintomi dei primi cinque giorni di malattia. Una soluzione che ha previsto il ricovero con una minore possibilità di errore per gli appartenenti ai gruppi sintomatici più a rischio. Dato che il ricovero avviene generalmente 13 giorni dopo le prime manifestazioni, gli otto giorni di anticipo nella previsione potrebbero rivelarsi un aiuto importante.

«Se riesci a prevedere chi sono queste persone al quinto giorno – ha affermato la dott.ssa Claire Steves del King’s College di Londra – hai il tempo di dare loro supporto e interventi precoci come il monitoraggio dell’ossigeno nel sangue e i livelli di zucchero e assicurandoti che siano adeguatamente idratati. Cure semplici che potrebbero essere fornite a casa, prevenendo i ricoveri e salvare vite».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Real World Evidence e Covid, Trifirò (farmacologo): «Con studi sul “mondo reale” dati per decisioni certe»
«In una situazione di emergenza sanitaria i trial clinici non forniscono risultati in tempi ragionevoli. Gli studi osservazionali, basati su dati di Real Evidence, sono più veloci e, se condotti da professionisti esperti, molto attendibili»
di Isabella Faggiano
Migranti, interrogazione di Regimenti (Lega) a Commissione Ue: «Salute pubblica a rischio, valuti blocco navale per gestire flussi»
In una interrogazione alla Commissione Regimenti chiede anche di «affrontare la questione degli sbarchi nei Paesi del Mediterraneo in coordinazione col Consiglio, con riferimento al pericolo costituito dai migranti contagiosi», risultati positivi al Covid-19
«Quando parliamo di coronavirus dobbiamo usare la parola razzismo»
Due articoli paralleli su New England Journal of Medicine e Lancet affrontano il peso delle disparità razziali: il Covid-19 non colpisce tutti allo stesso modo. Sei misure per intervenire
di Tommaso Caldarelli
Strascichi psichiatrici per più di metà dei guariti da Covid-19, i risultati di uno studio italiano
Le più colpite sono le donne, in cui gli straschichi psichiatrici sono più forti: depressione, ansia e insonnia. Tra le causa risposta immuntaria e stress
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...