Sanità internazionale 5 Agosto 2019

Regno Unito, l’annuncio di Boris Johnson: «1,8 miliardi di sterline alla sanità pubblica»

Il primo ministro del Regno Unito, Boris Johnson, ha annunciato uno stanziamento di 1,8 miliardi di sterline (circa 1.960 milioni di euro) per introdurre miglioramenti al Servizio sanitario nazionale (Nhs), in linea con una delle sue grandi promesse della campagna elettorale. Nel 2016, Johnson ha utilizzato l’Nhs come uno degli argomenti principali per spiegare gli […]

Il primo ministro del Regno Unito, Boris Johnson, ha annunciato uno stanziamento di 1,8 miliardi di sterline (circa 1.960 milioni di euro) per introdurre miglioramenti al Servizio sanitario nazionale (Nhs), in linea con una delle sue grandi promesse della campagna elettorale.

Nel 2016, Johnson ha utilizzato l’Nhs come uno degli argomenti principali per spiegare gli effetti benefici dell’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea, sostenendo che i fondi destinati all’UE potessero essere utilizzati per migliorare la salute pubblica. Ha più volte ribadito che, rompendo con l’Unione, il Regno Unito potrebbe spendere 350 milioni di sterline a settimana per l’assistenza sanitaria.

Ora, in veste di primo ministro, è ora di passare ai fatti: Johnson ha quindi confermato un piano per migliorare le strutture e le attrezzature sanitarie di tutto il Paese. Circa 850 milioni di sterline serviranno per sostituire macchinari e migliorare strutture obsolete di una ventina di ospedali, mentre l’ulteriore miliardo sarà destinato a sviluppare e accelerare progetti di rinnovamento già esistenti. Questi fondi verranno aggiunti ai 33,9 miliardi di sterline (36,9 miliardi di euro) che il Regno Unito assegna annualmente alla sanità pubblica nei suoi bilanci.

«È giunto il momento di affrontare la sfida e garantire i fondi di cui il Servizio sanitario nazionale ha bisogno», con l’obiettivo di «continuare ad avere le migliori cure mediche al mondo», ha dichiarato Johnson in una nota, in cui ha ribadito di voler segnare una «vera differenza» nelle vite di professionisti e pazienti.

Il ministro della Sanità Matt Hancock ha applaudito al rafforzamento del bilancio per «rivitalizzare» gli ospedali e migliorarne le strutture. «È solo l’inizio del nostro piano di infrastrutture sanitarie, i cui benefici saranno apprezzati dai pazienti nei prossimi anni», ha affermato.

LEGGI ANCHE: REGNO UNITO, L’NHS PUNTA A DIVENTARE MODELLO GLOBALE DI SANITA’ DIGITALE

Articoli correlati
A Londra i numeri del Covid-19 non spaventano. Un cardiologo italiano racconta come viene gestita la pandemia
Francesco Logiudice: «Ospedali pronti per tempo, buoni margini in terapia intensiva. 70% dei pazienti curato a casa con paracetamolo, 30% in ospedale con ossigeno, tra 5 e 10% in terapia intensiva». E si inizia a pensare alla riapertura
di Federica Bosco
È Brexit. Ecco cosa ne pensano i nostri giovani medici nel Regno Unito
Chi è in Uk da pochissimo, chi ci ha portato la famiglia, chi ha deciso di tornare. In un clima di ‘vigile attesa’, abbiamo raccolto testimonianze, preoccupazioni, previsioni
Pronto soccorso, nel Regno Unito l’Nhs utilizza le farmacie per decongestionarli
In base al nuovo servizio Cpcs (Community pharmacy consultation service), attivo in duemila città, chi chiama il numero di emergenza 111 può essere dirottato sul più vicine farmacie per problemi di salute minori
Brexit, rapporto National Audit Office mette in guardia: fornitura medicinali a rischio con no deal
Con l’avvicinarsi del 31 ottobre, data prevista per la Brexit, non è chiaro se il sistema sanitario nazionale (Nhs) britannico riuscirà a gestire l’impatto di un possibile no-deal. È quanto sottolineato nel rapporto del National Audit Office, citato dal Guardian, secondo il quale ci sono ancora rischi dal momento che il Dipartimento della Salute ha […]
Sanità pubblica: tagliati 37 miliardi di euro in 10 anni. I dati del Rapporto Gimbe
«In tal senso la prima cartina al tornasole è rappresentata dall`imminente Nota di Aggiornamento del DEF 2019», sottolinea Nino Cartabellotta, Presidente della Fondazione Gimbe
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 13 luglio, sono 12.910.357 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 569.128 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 12 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)