Sanità internazionale 5 Agosto 2019 13:34

Regno Unito, l’annuncio di Boris Johnson: «1,8 miliardi di sterline alla sanità pubblica»

Il primo ministro del Regno Unito, Boris Johnson, ha annunciato uno stanziamento di 1,8 miliardi di sterline (circa 1.960 milioni di euro) per introdurre miglioramenti al Servizio sanitario nazionale (Nhs), in linea con una delle sue grandi promesse della campagna elettorale. Nel 2016, Johnson ha utilizzato l’Nhs come uno degli argomenti principali per spiegare gli […]

Il primo ministro del Regno Unito, Boris Johnson, ha annunciato uno stanziamento di 1,8 miliardi di sterline (circa 1.960 milioni di euro) per introdurre miglioramenti al Servizio sanitario nazionale (Nhs), in linea con una delle sue grandi promesse della campagna elettorale.

Nel 2016, Johnson ha utilizzato l’Nhs come uno degli argomenti principali per spiegare gli effetti benefici dell’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea, sostenendo che i fondi destinati all’UE potessero essere utilizzati per migliorare la salute pubblica. Ha più volte ribadito che, rompendo con l’Unione, il Regno Unito potrebbe spendere 350 milioni di sterline a settimana per l’assistenza sanitaria.

Ora, in veste di primo ministro, è ora di passare ai fatti: Johnson ha quindi confermato un piano per migliorare le strutture e le attrezzature sanitarie di tutto il Paese. Circa 850 milioni di sterline serviranno per sostituire macchinari e migliorare strutture obsolete di una ventina di ospedali, mentre l’ulteriore miliardo sarà destinato a sviluppare e accelerare progetti di rinnovamento già esistenti. Questi fondi verranno aggiunti ai 33,9 miliardi di sterline (36,9 miliardi di euro) che il Regno Unito assegna annualmente alla sanità pubblica nei suoi bilanci.

«È giunto il momento di affrontare la sfida e garantire i fondi di cui il Servizio sanitario nazionale ha bisogno», con l’obiettivo di «continuare ad avere le migliori cure mediche al mondo», ha dichiarato Johnson in una nota, in cui ha ribadito di voler segnare una «vera differenza» nelle vite di professionisti e pazienti.

Il ministro della Sanità Matt Hancock ha applaudito al rafforzamento del bilancio per «rivitalizzare» gli ospedali e migliorarne le strutture. «È solo l’inizio del nostro piano di infrastrutture sanitarie, i cui benefici saranno apprezzati dai pazienti nei prossimi anni», ha affermato.

LEGGI ANCHE: REGNO UNITO, L’NHS PUNTA A DIVENTARE MODELLO GLOBALE DI SANITA’ DIGITALE

Articoli correlati
Covid-19, scoperta in Sudafrica variante del virus ancora più contagiosa
Una nuova mutazione del coronavirus è stata individuata nel Regno Unito proveniente dal Sudafrica
Variante inglese di Sars-CoV-2, cos’è e cosa dicono gli esperti
Individuata in Gran Bretagna una nuova mutazione di Sars-CoV-2 che mostrerebbe maggiore trasmissibilità. L'indicazione internazionale è di frenarne la diffusione, ma gli esperti ribadiscono che non dovrebbe inficiare l'efficacia dei vaccini già pronti
Covid-19, Londra tra soft lockdown e attesa per il vaccino. Il racconto di un medico italiano
Francesco Logiudice, cardiologo: «Gli ospedali si sono organizzati meglio. No alla mascherina in strada, negozi e uffici chiusi, ma scuole aperte»
di Federica Bosco
Sanità pubblica e sanità privata, quale futuro per l’Italia?
Cicchetti (Altems): «Il privato si differenzi dal pubblico. Investimenti in sanità dopo il Covid? Non supereranno il 6,8-6,9% del Pil»
di Peter D'Angelo
Regno Unito: ostetriche, farmacisti e studenti potrebbero somministrare il vaccino anti-Covid
Dopo la modifica del regolamento sui medicinali, il Regno Unito ha approvato l'uso in emergenza di un vaccino contro Covid e la creazione di una "forza lavoro ampliata"
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 aprile, sono 139.109.041 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.986.608 i decessi. Ad oggi, oltre 840,94 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...