Sanità internazionale 7 Maggio 2019

Germania, 2500 euro di multa e niente scuola per i bambini non vaccinati

Il ministro della Salute tedesco Jens Spahn ha presentato una proposta di legge che obbliga i genitori a vaccinare i propri figli contro il morbillo, pena multe fino a 2500 euro e l’esclusione dalle scuole materne.   Anche in Germania negli ultimi mesi si è acceso il dibattito sull’obbligatorietà dei vaccini. Spahn, annunciando la sua proposta […]

Immagine articolo

Il ministro della Salute tedesco Jens Spahn ha presentato una proposta di legge che obbliga i genitori a vaccinare i propri figli contro il morbillo, pena multe fino a 2500 euro e l’esclusione dalle scuole materne.  

Anche in Germania negli ultimi mesi si è acceso il dibattito sull’obbligatorietà dei vaccini. Spahn, annunciando la sua proposta sulle colonne del Bild, ha così chiaramente espresso la sua posizione.

«Voglio eliminare il morbillo», ha dichiarato il Ministro proprio a pochi giorni dall’allarme lanciato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, secondo la quale nei primi tre mesi del 2019 è stato registrato un aumento del 300% dei contagi. 

Come riportato dalla Reuters, Spahn è convinto che la sua proposta di legge riceverà ampi consensi da parte della coalizione di governo formata da conservatori e social-democratici. L’esperto di politica sanitaria della SPD Karl Lauterbach ha parlato di ottime basi di discussione: «L’obbligo non funziona senza multe», ha concluso.

LEGGI ANCHE: EPIDEMIA MORBILLO A NEW YORK, PARLA IL DIRETTORE DELL’ISTITUTO USA MALATTIE INFETTIVE: «NO AD ESENZIONE VACCINI PER RAGIONI ‘FILOSOFICHE’»

Articoli correlati
La Fimp replica a D’Amato: «Nel Lazio i Pediatri sono 757 e non 1100»
«Le critiche rivolte al nostro operato ci amareggiano, ma non ci abbattono perché il nostro ruolo e il nostro compito principale rimane quello di tutelare la salute dei bambini e di sostenere le famiglie» così il Segretario della F.I.M.P Teresa Rongai
Vaccini antinfluenzali, Federfarma Roma: «Già esaurite le prime 20mila dosi»
Già disponibili altre 20mila dosi per la popolazione tra i 18 e i 59 anni. Cicconetti: «Ulteriore prova dell’importanza delle farmacie nel sistema salute regionale e italiano. Entrare nella rete di sorveglianza sanitaria ci permetterà di seguire i soggetti eventualmente positivi fino alla somministrazione del tampone»
Vaccini in farmacia. Magi (Omceo Roma): «Pronti a collaborare purché si cambi la norma. Altrimenti siamo tutti fuorilegge»
La posizione del presidente dell’ordine dei medici di Roma, Antonio Magi, in merito al tavolo tecnico che si è svolto ieri in regione Lazio. «La legge purtroppo impedisce la presenza del medico in farmacia. La vaccinazione è e resta un atto medico»
Aumento casi Covid, Anelli (FNOMCeO): «Siamo preoccupati. Tamponi rapidi possono essere svolta»
Intervenuto al Congresso della Fimmg, il presidente della Federazione degli Ordini dei Medici: «Mai più carenza mascherine per medici. Superato il modello del medico di medicina generale che lavora da solo»
Influenza, per il 50% dei medici di famiglia le dosi di vaccino non saranno sufficienti
Sondaggio Fimmg: l'86% dei medici di famiglia aumenterà la presenza in studio per effettuare le vaccinazioni, ma il 66% segnala carenza di dpi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 ottobre, sono 43.514.678 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.159.708 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 26 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare