Sanità internazionale 7 Luglio 2020 14:36

«Cosa ho visto nei giorni del Covid e perché non potrò mai dimenticarlo. Ora è la riabilitazione dei guariti a far paura»

La lettera di una fisioterapista inglese

«Cosa ho visto nei giorni del Covid e perché non potrò mai dimenticarlo. Ora è la riabilitazione dei guariti a far paura»

«Sono fisioterapista da quasi un quarto di secolo. Ma il 2020 è stato l’anno più impegnativo che io abbia vissuto finora. Nella mia carriera, ho curato pazienti di tutti i tipi, ma quello che ho visto durante la pandemia di coronavirus mi tormenterà per il resto della mia vita. Ogni caso di Covid-19 è diverso, anche se dopo un po’ ti rendi conto di aver già visto da qualche parte ogni pezzo del puzzle. Ma è il livello e la complessità della riabilitazione dopo il Covid di cui hanno bisogno alcuni sopravvissuti per poter tornare alle loro vite a spaventarmi».

Inizia così le lettera di Cate Leighton, pubblicata nella rubrica del Guardian ‘Blood, sweat and tears’. Sangue, sudore e lacrime, in italiano. Tre parole che ben descrivono quello che medici e professionisti sanitari di tutto il mondo hanno dovuto attraversare in questi mesi di pandemia, che in tante aree del mondo continua a causare quelle immagini devastanti da cui l’Italia fortunatamente sembra essersi allontanata. Ma è del dopo, che la dottoressa Leighton, fisioterapista inglese, intende parlare. Cosa aspetta chi è sopravvissuto alle terapie intensive e alla fase acuta del Covid?

«In passato ho lavorato sul territorio aiutando i pazienti a raggiungere i loro obiettivi nelle loro case. Ho lavorato in terapie intensive neonatali, neurochirurgiche, cardiologiche e generali. Ho aiutato pazienti che soffrivano di malattie che non saprei neanche scrivere. Ho visto esami diagnostici stranissimi e bellissimi. Mi sono chiesta, guardando la complessità di un trauma cerebrale in un’immagine, come avrei potuto far tornare quel paziente a camminare. E ho sentito l’euforia, quando ci sono riuscita».

«Ma mai avevo visto polmoni, simili a vetro crepato, come quelli dei pazienti Covid – continua la dottoressa -. Ho fissato quelle immagini, chiedendomi da dove arrivasse il loro ossigeno, come riuscissero a coniugare lo sforzo di respirare con lo stare seduti, alzarsi, camminare, muoversi. Vivere».

«Molti pazienti sono morti, a causa del Covid – si legge ancora nella lettera -. Per quelli sopravvissuti, la strada verso la guarigione può essere complessa. Ripida e tortuosa come l’Everest. I riflettori sulle terapie intensive si sono spenti, ora è il turno dei servizi di riabilitazione. E la difficoltà del compito che ci aspetta mi sveglia di notte. Ci sono troppi ‘e se’ che tormentano il mio sonno. E se il personale non è sufficiente? E se i programmi terapeutici non sono abbastanza? E se non avessi fatto bene la mia parte?».

«Se il Covid si è unito ad un’altra patologia, poi, magari un ictus o un’anca rotta, quella verso la guarigione sarà un’impresa erculea. I pazienti dovranno lavorare sodo per riacquistare movimenti normali. Utilizzare in modo corretto le braccia, portare le mani alla bocca, muovere le labbra per baciare i propri cari».

«C’è un paziente, in particolare, che mi è rimasto impresso. È stato sedato e ventilato artificialmente, e ha avuto tutti i sintomi collegabili al Covid. Il suo percorso di riabilitazione ha reso necessari quattro fisioterapisti per consentirgli di sedersi, e altre quattro persone con specifici macchinari per farlo alzare e camminare. Aveva bisogno di assistenza per attività quotidiane come lavarsi o vestirsi. Ogni parte di lui era rallentata, così come i progressi che faceva ogni giorno. Piccoli, lenti, ma costanti. Grazie ad un team di fisioterapisti che lo aiutava in ogni sua mossa, pian piano è diventato sempre più indipendente. Ma ci vorranno ancora 12 mesi di lavoro prima di tornare alla normalità».

«Mai come ora, il mondo della fisioterapia è unito e ha tutte le intenzioni di lavorare, insieme, verso il successo della riabilitazione di ogni paziente. È la nostra natura, essere tenaci e risolvere problemi. Statene certi, non ci arrenderemo», conclude la dottoressa Leighton.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
«Fisioterapia essenziale nella prevenzione, ma da valorizzare di più nel DM71». Parla Simone Cecchetto (AIFI)
Ad Exposanità AIFI (Associazione italiana di Fisioterapia) ha presentato alcune best practice di fisioterapia territoriale. E nelle scuole è successo per la campagna “la schiena va a scuola”, portata in 400 classi. Cecchetto: «Prossima giornata mondiale della Fisioterapia dedicata all’artrite e alle malattie reumatiche»
di Francesco Torre
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...