Sanità internazionale 7 Luglio 2020 14:36

«Cosa ho visto nei giorni del Covid e perché non potrò mai dimenticarlo. Ora è la riabilitazione dei guariti a far paura»

La lettera di una fisioterapista inglese

«Cosa ho visto nei giorni del Covid e perché non potrò mai dimenticarlo. Ora è la riabilitazione dei guariti a far paura»

«Sono fisioterapista da quasi un quarto di secolo. Ma il 2020 è stato l’anno più impegnativo che io abbia vissuto finora. Nella mia carriera, ho curato pazienti di tutti i tipi, ma quello che ho visto durante la pandemia di coronavirus mi tormenterà per il resto della mia vita. Ogni caso di Covid-19 è diverso, anche se dopo un po’ ti rendi conto di aver già visto da qualche parte ogni pezzo del puzzle. Ma è il livello e la complessità della riabilitazione dopo il Covid di cui hanno bisogno alcuni sopravvissuti per poter tornare alle loro vite a spaventarmi».

Inizia così le lettera di Cate Leighton, pubblicata nella rubrica del Guardian ‘Blood, sweat and tears’. Sangue, sudore e lacrime, in italiano. Tre parole che ben descrivono quello che medici e professionisti sanitari di tutto il mondo hanno dovuto attraversare in questi mesi di pandemia, che in tante aree del mondo continua a causare quelle immagini devastanti da cui l’Italia fortunatamente sembra essersi allontanata. Ma è del dopo, che la dottoressa Leighton, fisioterapista inglese, intende parlare. Cosa aspetta chi è sopravvissuto alle terapie intensive e alla fase acuta del Covid?

«In passato ho lavorato sul territorio aiutando i pazienti a raggiungere i loro obiettivi nelle loro case. Ho lavorato in terapie intensive neonatali, neurochirurgiche, cardiologiche e generali. Ho aiutato pazienti che soffrivano di malattie che non saprei neanche scrivere. Ho visto esami diagnostici stranissimi e bellissimi. Mi sono chiesta, guardando la complessità di un trauma cerebrale in un’immagine, come avrei potuto far tornare quel paziente a camminare. E ho sentito l’euforia, quando ci sono riuscita».

«Ma mai avevo visto polmoni, simili a vetro crepato, come quelli dei pazienti Covid – continua la dottoressa -. Ho fissato quelle immagini, chiedendomi da dove arrivasse il loro ossigeno, come riuscissero a coniugare lo sforzo di respirare con lo stare seduti, alzarsi, camminare, muoversi. Vivere».

«Molti pazienti sono morti, a causa del Covid – si legge ancora nella lettera -. Per quelli sopravvissuti, la strada verso la guarigione può essere complessa. Ripida e tortuosa come l’Everest. I riflettori sulle terapie intensive si sono spenti, ora è il turno dei servizi di riabilitazione. E la difficoltà del compito che ci aspetta mi sveglia di notte. Ci sono troppi ‘e se’ che tormentano il mio sonno. E se il personale non è sufficiente? E se i programmi terapeutici non sono abbastanza? E se non avessi fatto bene la mia parte?».

«Se il Covid si è unito ad un’altra patologia, poi, magari un ictus o un’anca rotta, quella verso la guarigione sarà un’impresa erculea. I pazienti dovranno lavorare sodo per riacquistare movimenti normali. Utilizzare in modo corretto le braccia, portare le mani alla bocca, muovere le labbra per baciare i propri cari».

«C’è un paziente, in particolare, che mi è rimasto impresso. È stato sedato e ventilato artificialmente, e ha avuto tutti i sintomi collegabili al Covid. Il suo percorso di riabilitazione ha reso necessari quattro fisioterapisti per consentirgli di sedersi, e altre quattro persone con specifici macchinari per farlo alzare e camminare. Aveva bisogno di assistenza per attività quotidiane come lavarsi o vestirsi. Ogni parte di lui era rallentata, così come i progressi che faceva ogni giorno. Piccoli, lenti, ma costanti. Grazie ad un team di fisioterapisti che lo aiutava in ogni sua mossa, pian piano è diventato sempre più indipendente. Ma ci vorranno ancora 12 mesi di lavoro prima di tornare alla normalità».

«Mai come ora, il mondo della fisioterapia è unito e ha tutte le intenzioni di lavorare, insieme, verso il successo della riabilitazione di ogni paziente. È la nostra natura, essere tenaci e risolvere problemi. Statene certi, non ci arrenderemo», conclude la dottoressa Leighton.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid, alcune persone potrebbero aver perso l’olfatto per sempre? L’ipotesi allarmante in uno studio
La perdita dell'olfatto a causa di Covid-19 potrebbe durare a lungo o addirittura per sempre. Uno studio rivela che una persona su 20 non l'ha recuperato dopo 18 mesi
A Bologna il primo ospedale parco per la riabilitazione intensiva neurologica e ortopedica
La nuova Villa Bellombra realizzata con una sinergia pubblico-privato permette ai pazienti di usufruire di attrezzatura concepite con le più moderne tecnologie robotiche. Orta (AD Consorzio ospedaliero Colibrì) «I cittadini avranno una struttura paragonabile a quelle di Boston o Tokyo, senza dover pagare nulla»
Chiuso per ferie? Rossetto (FLI): «La riabilitazione non può andare in vacanza»
La presidente della Federazione Logopedisti Italiani: «In estate non solo difficoltà di accesso ai servizi sanitari nazionali, ma anche di continuità di erogazione delle prestazioni in corso, riabilitazione compresa. Negare la terapia riabilitativa significa aggravare la condizione di malati gravi e cronici»
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
«Fisioterapia essenziale nella prevenzione, ma da valorizzare di più nel DM71». Parla Simone Cecchetto (AIFI)
Ad Exposanità AIFI (Associazione italiana di Fisioterapia) ha presentato alcune best practice di fisioterapia territoriale. E nelle scuole è successo per la campagna “la schiena va a scuola”, portata in 400 classi. Cecchetto: «Prossima giornata mondiale della Fisioterapia dedicata all’artrite e alle malattie reumatiche»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.