Sanità internazionale 7 Luglio 2020

«Cosa ho visto nei giorni del Covid e perché non potrò mai dimenticarlo. Ora è la riabilitazione dei guariti a far paura»

La lettera di una fisioterapista inglese

Immagine articolo

«Sono fisioterapista da quasi un quarto di secolo. Ma il 2020 è stato l’anno più impegnativo che io abbia vissuto finora. Nella mia carriera, ho curato pazienti di tutti i tipi, ma quello che ho visto durante la pandemia di coronavirus mi tormenterà per il resto della mia vita. Ogni caso di Covid-19 è diverso, anche se dopo un po’ ti rendi conto di aver già visto da qualche parte ogni pezzo del puzzle. Ma è il livello e la complessità della riabilitazione dopo il Covid di cui hanno bisogno alcuni sopravvissuti per poter tornare alle loro vite a spaventarmi».

Inizia così le lettera di Cate Leighton, pubblicata nella rubrica del Guardian ‘Blood, sweat and tears’. Sangue, sudore e lacrime, in italiano. Tre parole che ben descrivono quello che medici e professionisti sanitari di tutto il mondo hanno dovuto attraversare in questi mesi di pandemia, che in tante aree del mondo continua a causare quelle immagini devastanti da cui l’Italia fortunatamente sembra essersi allontanata. Ma è del dopo, che la dottoressa Leighton, fisioterapista inglese, intende parlare. Cosa aspetta chi è sopravvissuto alle terapie intensive e alla fase acuta del Covid?

«In passato ho lavorato sul territorio aiutando i pazienti a raggiungere i loro obiettivi nelle loro case. Ho lavorato in terapie intensive neonatali, neurochirurgiche, cardiologiche e generali. Ho aiutato pazienti che soffrivano di malattie che non saprei neanche scrivere. Ho visto esami diagnostici stranissimi e bellissimi. Mi sono chiesta, guardando la complessità di un trauma cerebrale in un’immagine, come avrei potuto far tornare quel paziente a camminare. E ho sentito l’euforia, quando ci sono riuscita».

«Ma mai avevo visto polmoni, simili a vetro crepato, come quelli dei pazienti Covid – continua la dottoressa -. Ho fissato quelle immagini, chiedendomi da dove arrivasse il loro ossigeno, come riuscissero a coniugare lo sforzo di respirare con lo stare seduti, alzarsi, camminare, muoversi. Vivere».

«Molti pazienti sono morti, a causa del Covid – si legge ancora nella lettera -. Per quelli sopravvissuti, la strada verso la guarigione può essere complessa. Ripida e tortuosa come l’Everest. I riflettori sulle terapie intensive si sono spenti, ora è il turno dei servizi di riabilitazione. E la difficoltà del compito che ci aspetta mi sveglia di notte. Ci sono troppi ‘e se’ che tormentano il mio sonno. E se il personale non è sufficiente? E se i programmi terapeutici non sono abbastanza? E se non avessi fatto bene la mia parte?».

«Se il Covid si è unito ad un’altra patologia, poi, magari un ictus o un’anca rotta, quella verso la guarigione sarà un’impresa erculea. I pazienti dovranno lavorare sodo per riacquistare movimenti normali. Utilizzare in modo corretto le braccia, portare le mani alla bocca, muovere le labbra per baciare i propri cari».

«C’è un paziente, in particolare, che mi è rimasto impresso. È stato sedato e ventilato artificialmente, e ha avuto tutti i sintomi collegabili al Covid. Il suo percorso di riabilitazione ha reso necessari quattro fisioterapisti per consentirgli di sedersi, e altre quattro persone con specifici macchinari per farlo alzare e camminare. Aveva bisogno di assistenza per attività quotidiane come lavarsi o vestirsi. Ogni parte di lui era rallentata, così come i progressi che faceva ogni giorno. Piccoli, lenti, ma costanti. Grazie ad un team di fisioterapisti che lo aiutava in ogni sua mossa, pian piano è diventato sempre più indipendente. Ma ci vorranno ancora 12 mesi di lavoro prima di tornare alla normalità».

«Mai come ora, il mondo della fisioterapia è unito e ha tutte le intenzioni di lavorare, insieme, verso il successo della riabilitazione di ogni paziente. È la nostra natura, essere tenaci e risolvere problemi. Statene certi, non ci arrenderemo», conclude la dottoressa Leighton.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Real World Evidence e Covid, Trifirò (farmacologo): «Con studi sul “mondo reale” dati per decisioni certe»
«In una situazione di emergenza sanitaria i trial clinici non forniscono risultati in tempi ragionevoli. Gli studi osservazionali, basati su dati di Real Evidence, sono più veloci e, se condotti da professionisti esperti, molto attendibili»
di Isabella Faggiano
Migranti, interrogazione di Regimenti (Lega) a Commissione Ue: «Salute pubblica a rischio, valuti blocco navale per gestire flussi»
In una interrogazione alla Commissione Regimenti chiede anche di «affrontare la questione degli sbarchi nei Paesi del Mediterraneo in coordinazione col Consiglio, con riferimento al pericolo costituito dai migranti contagiosi», risultati positivi al Covid-19
«Quando parliamo di coronavirus dobbiamo usare la parola razzismo»
Due articoli paralleli su New England Journal of Medicine e Lancet affrontano il peso delle disparità razziali: il Covid-19 non colpisce tutti allo stesso modo. Sei misure per intervenire
di Tommaso Caldarelli
Strascichi psichiatrici per più di metà dei guariti da Covid-19, i risultati di uno studio italiano
Le più colpite sono le donne, in cui gli straschichi psichiatrici sono più forti: depressione, ansia e insonnia. Tra le causa risposta immuntaria e stress
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...