Sanità internazionale 21 Maggio 2019

L’aborto, l’Alabama e le elezioni presidenziali

L’Alabama ha adottato la legge più restrittiva d’America sull’aborto, vietato anche in caso di stupro, e il tema è entrato a pieno titolo nella campagna elettorale per le elezioni del 2020

L’aborto, l’Alabama e le elezioni presidenziali

L’Alabama ha adottato la legge più restrittiva d’America sull’aborto, definendolo un reato anche in caso di stupro e consentendo l’interruzione di gravidanza solo se necessaria a tutelare la salute della madre. I medici che la praticano rischiano fino a 99 anni di carcere, chi tenta di far abortire una donna fino a 10 anni.

A Montgomery, la capitale dello stato americano, centinaia di persone sono scese in piazza e hanno protestato contro la norma in lunghi cortei e manifestazioni accompagnati da cori e slogan. “My body, my choice” è stato senz’altro il più cantato. Ma simili proteste si sono registrate anche nelle città dell’Alabama di Birmingham e Huntsville.

L’Alabama ha ottenuto il primato per aver adottato la normativa più severa, ma non è l’unico stato americano ad essere intervenuto sul tema negli ultimi mesi. Anche Kentucky, Mississippi, Ohio e Georgia hanno vietato l’aborto dal momento in cui è possibile rilevare il battito cardiaco del feto. Cosa che può avvenire anche alla sesta settimana di gravidanza.

Una ventata conservatrice che entra a pieno titolo nella campagna elettorale per le presidenziali del 2020. I democratici promettono di dar battaglia ai provvedimenti anche dinanzi alla Corte Suprema dove, tuttavia, la maggioranza conservatrice potrebbe non assicurare una vittoria così scontata. E non è escluso che sia proprio questo l’obiettivo di chi vuole vietare l’aborto in tutti gli Stati Uniti: basterebbe una sentenza della Corte Suprema a favore dei provvedimenti contro l’aborto per ribaltare completamente l’attuale legislazione.

I conservatori, dal canto loro, si stanno dividendo sul tema, ma la maggior parte segue le orme del suo presidente. Anche Donald Trump ha infatti preso le distanze dal provvedimento dell’Alabama, sottolineando in una serie di tweet la sua posizione “Pro life” ma al contempo favorevole all’aborto in caso di stupro o incesto. «La stessa posizione di Ronald Reagan», ha scritto. Per gli analisti si tratta di una mossa meramente politica, volta a placare gli animi dei conservatori più moderati, preoccupati dalla svolta estremista che alcuni Stati stanno prendendo su tematiche così delicate ma al contempo viscerali per l’opinione pubblica. Anche perché dagli ultimi sondaggi risulta che due terzi degli americani siano favorevoli al mantenimento dell’aborto legale.

LEGGI ANCHE: “TESTA O CROCE? NON AFFIDARTI AL CASO”. A BOLOGNA I MAXI POSTER DELLA CAMPAGNA UAAR SUI MEDICI OBIETTORI | FOTO

Articoli correlati
USA, il neo-eletto Joe Biden annuncia la sua task-force contro il coronavirus
Tre presidenti e dieci esperti nella task force contro Covid-19 annunciata da Joe Biden, vincitore delle elezioni presidenziali negli Stati Uniti. Il candidato democratico punta a distanziarsi quanto possibile dalla gestione trumpiana e vuole farlo con la scienza
Elezioni Usa, quando anche la scienza diventa un argomento politico
L'atteggiamento scettico di Donald Trump nei confronti della scienza ha portato il partito democratico a inserirla nell'agenda politica. Società e riviste scientifiche hanno preso posizione per la prima volta e molti medici sono entrati in politica contro le fake news. Ma la polarizzazione della scienza è una cosa positiva?
Elezioni Usa, cosa pensano Biden e Trump della sanità?
Poco più di venti giorni all’election day: come cambierà il sistema sanitario USA fra una presidenza democratica o repubblicana
di Tommaso Caldarelli
Usa, Trump annuncia: «Io e Melania positivi a Covid-19»
Il presidente statunitense Trump è risultato positivo a Covid-19. Con lui anche la consorte Melania. L'annuncio questa mattina su Twitter. Il terzo ad ammalarsi dopo Boris Johnson e Jair Bolsonaro
Viaggio nell’ospedale degli Apache della Montagna Bianca, tra modernità e comunità
La reazione al Covid-19 delle tribù degli indiani d'America, il sistema sanitario delle riserve indigene e la sintesi fra medicina tradizionale e le moderne strutture sanitarie: intervista al dottor Ryan Close
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 novembre, sono 60.420.355 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.421.650 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli