Sanità internazionale 21 Maggio 2019 09:00

L’aborto, l’Alabama e le elezioni presidenziali

L’Alabama ha adottato la legge più restrittiva d’America sull’aborto, vietato anche in caso di stupro, e il tema è entrato a pieno titolo nella campagna elettorale per le elezioni del 2020

L’aborto, l’Alabama e le elezioni presidenziali

L’Alabama ha adottato la legge più restrittiva d’America sull’aborto, definendolo un reato anche in caso di stupro e consentendo l’interruzione di gravidanza solo se necessaria a tutelare la salute della madre. I medici che la praticano rischiano fino a 99 anni di carcere, chi tenta di far abortire una donna fino a 10 anni.

A Montgomery, la capitale dello stato americano, centinaia di persone sono scese in piazza e hanno protestato contro la norma in lunghi cortei e manifestazioni accompagnati da cori e slogan. “My body, my choice” è stato senz’altro il più cantato. Ma simili proteste si sono registrate anche nelle città dell’Alabama di Birmingham e Huntsville.

L’Alabama ha ottenuto il primato per aver adottato la normativa più severa, ma non è l’unico stato americano ad essere intervenuto sul tema negli ultimi mesi. Anche Kentucky, Mississippi, Ohio e Georgia hanno vietato l’aborto dal momento in cui è possibile rilevare il battito cardiaco del feto. Cosa che può avvenire anche alla sesta settimana di gravidanza.

Una ventata conservatrice che entra a pieno titolo nella campagna elettorale per le presidenziali del 2020. I democratici promettono di dar battaglia ai provvedimenti anche dinanzi alla Corte Suprema dove, tuttavia, la maggioranza conservatrice potrebbe non assicurare una vittoria così scontata. E non è escluso che sia proprio questo l’obiettivo di chi vuole vietare l’aborto in tutti gli Stati Uniti: basterebbe una sentenza della Corte Suprema a favore dei provvedimenti contro l’aborto per ribaltare completamente l’attuale legislazione.

I conservatori, dal canto loro, si stanno dividendo sul tema, ma la maggior parte segue le orme del suo presidente. Anche Donald Trump ha infatti preso le distanze dal provvedimento dell’Alabama, sottolineando in una serie di tweet la sua posizione “Pro life” ma al contempo favorevole all’aborto in caso di stupro o incesto. «La stessa posizione di Ronald Reagan», ha scritto. Per gli analisti si tratta di una mossa meramente politica, volta a placare gli animi dei conservatori più moderati, preoccupati dalla svolta estremista che alcuni Stati stanno prendendo su tematiche così delicate ma al contempo viscerali per l’opinione pubblica. Anche perché dagli ultimi sondaggi risulta che due terzi degli americani siano favorevoli al mantenimento dell’aborto legale.

LEGGI ANCHE: “TESTA O CROCE? NON AFFIDARTI AL CASO”. A BOLOGNA I MAXI POSTER DELLA CAMPAGNA UAAR SUI MEDICI OBIETTORI | FOTO

Articoli correlati
Uk totalizza zero decessi, in India invece manca l’ossigeno. Usa dice sì a Pfizer per 12-15enni
Finalmente il numero zero è tornato nel Regno Unito, nessun morto per un giorno e Boris Johnson festeggia. In Usa vaccino anche ai più piccoli: Pfizer ok per i dodicenni. L'India vede numeri leggermente più bassi, ma è ancora emergenza ossigeno
Lutto perinatale, la psicologa: «Impossibile fingere che quel bambino non sia mai esistito»
Di recente la Nuova Zelanda ha approvato una legge che riconosce il congedo per lutto retribuito ad entrambi i genitori sia in caso di aborto spontaneo che di bambino nato morto. In Italia, solo dopo 180 giorni dalla data di inizio della gravidanza esiste una sorta di congedo simile alla maternità
di Isabella Faggiano
Aborto farmacologico o chirurgico? Come orientarsi nella scelta: cambiano le tempistiche e le modalità
Dopo la Toscana, la Regione Lazio ha approvato la somministrazione della pillola abortiva anche al di fuori delle strutture ospedaliere. Viora (Aogoi): «La RU486 può essere utilizzata pure a seguito di un aborto spontaneo per evitare il raschiamento»
di Isabella Faggiano
Via mascherine e distanziamento per i vaccinati, un passo verso la normalità negli Usa
I Cdc, l'autorità sanitaria statunitense, hanno stabilito che tra soggetti vaccinati potranno esserci incontri a porte chiuse senza mascherina. Un primo passo verso la normalità, anche se l'obbligo nei luoghi pubblici resta
Immunità di gregge negli Usa entro aprile? Secondo alcuni esperti è possibile
Il prof. Makary della Johns Hopkins School of Medicine sostiene che entro aprile gli Usa saranno fuori dalla pandemia, con il raggiungimento dell'immunità di gregge. Ma è possibile o ci sono altre spiegazioni?
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 13 maggio, sono 161.188.177 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.344.757 i decessi. Ad oggi, oltre 1,38 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...