Sanità internazionale 21 Maggio 2019

L’aborto, l’Alabama e le elezioni presidenziali

L’Alabama ha adottato la legge più restrittiva d’America sull’aborto, vietato anche in caso di stupro, e il tema è entrato a pieno titolo nella campagna elettorale per le elezioni del 2020

Immagine articolo

L’Alabama ha adottato la legge più restrittiva d’America sull’aborto, definendolo un reato anche in caso di stupro e consentendo l’interruzione di gravidanza solo se necessaria a tutelare la salute della madre. I medici che la praticano rischiano fino a 99 anni di carcere, chi tenta di far abortire una donna fino a 10 anni.

A Montgomery, la capitale dello stato americano, centinaia di persone sono scese in piazza e hanno protestato contro la norma in lunghi cortei e manifestazioni accompagnati da cori e slogan. “My body, my choice” è stato senz’altro il più cantato. Ma simili proteste si sono registrate anche nelle città dell’Alabama di Birmingham e Huntsville.

L’Alabama ha ottenuto il primato per aver adottato la normativa più severa, ma non è l’unico stato americano ad essere intervenuto sul tema negli ultimi mesi. Anche Kentucky, Mississippi, Ohio e Georgia hanno vietato l’aborto dal momento in cui è possibile rilevare il battito cardiaco del feto. Cosa che può avvenire anche alla sesta settimana di gravidanza.

Una ventata conservatrice che entra a pieno titolo nella campagna elettorale per le presidenziali del 2020. I democratici promettono di dar battaglia ai provvedimenti anche dinanzi alla Corte Suprema dove, tuttavia, la maggioranza conservatrice potrebbe non assicurare una vittoria così scontata. E non è escluso che sia proprio questo l’obiettivo di chi vuole vietare l’aborto in tutti gli Stati Uniti: basterebbe una sentenza della Corte Suprema a favore dei provvedimenti contro l’aborto per ribaltare completamente l’attuale legislazione.

I conservatori, dal canto loro, si stanno dividendo sul tema, ma la maggior parte segue le orme del suo presidente. Anche Donald Trump ha infatti preso le distanze dal provvedimento dell’Alabama, sottolineando in una serie di tweet la sua posizione “Pro life” ma al contempo favorevole all’aborto in caso di stupro o incesto. «La stessa posizione di Ronald Reagan», ha scritto. Per gli analisti si tratta di una mossa meramente politica, volta a placare gli animi dei conservatori più moderati, preoccupati dalla svolta estremista che alcuni Stati stanno prendendo su tematiche così delicate ma al contempo viscerali per l’opinione pubblica. Anche perché dagli ultimi sondaggi risulta che due terzi degli americani siano favorevoli al mantenimento dell’aborto legale.

LEGGI ANCHE: “TESTA O CROCE? NON AFFIDARTI AL CASO”. A BOLOGNA I MAXI POSTER DELLA CAMPAGNA UAAR SUI MEDICI OBIETTORI | FOTO

Articoli correlati
Cassazione: feto durante il travaglio è una persona. Condannata ostetrica per omicidio colposo
Sottolinea la Cassazione: l'ostetrica negligente che provoca la morte del feto risponde di omicidio colposo e non di aborto colposo
Vaccini, New York abolisce le esenzioni per motivi religiosi
Lo Stato di New York ha abolito le esenzioni dalle vaccinazioni per motivazioni religiose. La misura è stata adottata dal governatore Andrew Cuomo e approvata dal Congresso di New York nel tentativo di porre un freno all’epidemia di morbillo scoppiata nella Grande Mela dove, nel 2019, sono stati accertati 588 casi di morbillo, soprattutto nelle […]
Prezzo farmaci, Grillo: «Serve maggiore trasparenza in tutta Europa». In Usa maxi causa contro case farmaceutiche
«Nei prossimi giorni a Ginevra ci sarà la discussione della nostra Risoluzione presso l’OMS», è l’annuncio del ministro della Salute, Giulia Grillo
Usa, sì agli antibiotici sugli agrumi. Gli scienziati: «Una strada pericolosa che rischia di aumentare l’antibiotico-resistenza»
Ignorando i moniti degli esperti, l’Epa (Ente di protezione ambientale statunitense) ha autorizzato l'utilizzo di antibiotici come pesticidi sugli agrumi. Un decisione che sconcerta per il rischio di aumentare a dismisura il problema della resistenza batterica mettendo in pericolo la salute delle persone
“Testa o croce? Non affidarti al caso”. A Bologna i maxi poster della campagna UAAR sui medici obiettori | FOTO
«Avere un ginecologo di fiducia del quale sono note le opinioni su questi aspetti è fondamentale. La nostra libertà è un bene prezioso, esercitiamola sin dall’inizio e fino alla fine. Non affidiamoci al caso» così l’Unione degli atei e degli agnostici razionalisti (UAAR) avvisa le donne
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone