Sanità internazionale 17 Maggio 2022 17:20

A Delhi più di 49°C, paura per effetti del caldo su anziani e bambini

Un’intensa ondata di caldo sta investendo l’India settentrionale con temperature che hanno raggiunto il record di 49,2°C in alcune parti della capitale, Delhi. Preoccupanti i rischi per la salute delle fasce di popolazioni più fragili

A Delhi più di 49°C, paura per effetti del caldo su anziani e bambini

Un’intensa ondata di caldo sta investendo l’India settentrionale con temperature che hanno raggiunto il record di 49,2°C in alcune parti della capitale, Delhi. Himachal Pradesh, Haryana, Uttarakhand, Punjab e Bihar  sono gli stati che hanno assistito all’aumento delle temperature negli ultimi giorni, ha affermato il dipartimento meteorologico indiano. Preoccupanti anche i rischi sulla salute, soprattutto della fascia di popolazione più fragile, come i neonati, gli anziani e le persone con malattie croniche, avvertono le istituzioni sanitarie locali.

Un’ondata di calore così intensa mette a rischio la salute dei soggetti fragili

All’inizio di questo mese, il primo ministro Narendra Modi ha chiesto ai capi dei ministri statali di elaborare piani per mitigare l’impatto del caldo estremo poiché le temperature sono aumentate più velocemente del solito. Naresh Kumar, scienziato del Dipartimento meteorologico indiano (IMD), attribuisce l’attuale ondata di caldo a fattori atmosferici locali e agli effetti del riscaldamento globale. Le conseguenze del caldo sono già visibili. Gli agricoltori affermano che gli imprevisti picchi di temperatura hanno influenzato il loro raccolto di grano, uno sviluppo che potrebbe potenzialmente avere conseguenze globali date le interruzioni dell’approvvigionamento dovute alla guerra in Ucraina. Si teme per la salute di anziani, bambini e malati.

Il caldo estremo può compromettere la qualità della vita delle persone

Nonostante venga data più attenzione alla mortalità dovuta alle ondate di caldo, Chandni Singh, ricercatore senior presso l’Indian Institute for Human Settlements e autore principale dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), afferma che i responsabili politici dovrebbero anche concentrarsi su come il clima estremo influisce sulla qualità della vita delle persone. «Le ondate di calore possono avere gravi conseguenze per la salute. Se le temperature sono elevate anche di notte, il corpo non ha la possibilità di riprendersi, aumentando la possibilità di malattie e spese mediche più elevate», afferma il ricercatore. Una «visione a lungo termine», afferma, è essenziale quando si pianifica il futuro.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Caldo e salute mentale, perché i pazienti psichiatrici soffrono più il cambiamento climatico
Zanalda (SIP): «Necessario porre in essere campagne di prevenzione come per altre categorie fragili»
In estate più malati che in inverno. Colpa del Covid o del caldo?
Questa estate sembra essersi verificato un aumento delle infezioni. Nel Regno Unito ipotizzano un legame con le restrizioni anti-Covid. Per Cricelli (Simg) ad essere determinante è il troppo caldo
Caldo record: a luglio +21% di decessi. Anziani categoria più a rischio, soprattutto se malati cronici
I dati sono emersi dall’ultimo bollettino del sistema di sorveglianza del Ministero della Salute, che esamina i decessi tra le persone con oltre 65 anni di età in 33 città. Temperature e mortalità superiori alla media stagionale già dal mese di maggio, con picchi, tra fine giugno e la prima settimana di luglio, tra i 37 e i 40 gradi
L’estate italiana 2022 è la più calda di sempre. Bollino rosso in 16 città
L’ondata di calore sarà molto intensa, ma di durata inferiore rispetto alle precedenti. Coldiretti: «La tendenza al surriscaldamento in Italia è evidente e la classifica degli anni più caldi negli ultimi due secoli si concentra nell’ultimo decennio»
Corno d’Africa, per la siccità è allarme malnutrizione. Il racconto di Josephine: «Qui si muore di fame»
A raccogliere la testimonianza di Josephine è stata CESVI, al centro nutrizionale di Ngaremara gestito dalla stessa Fondazione, dove si trova il suo ultimo figlio, gravemente malnutrito. Se entro settembre la siccità non dovesse dare tregua a rischio 20 milioni di persone
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Covid-19, che fare se...?

Che differenza c’è tra Australiana e Covid-19?

In questo periodo è molto più difficile riuscire a distinguere tra Australiana e Covid-19, ci sono piccole differenze che può essere importante valutare. Ma per sciogliere ogni du...