Salute 6 Maggio 2021 18:30

XV Giornata europea dei diritti del malato: la resilienza dei sistemi sanitari passa per la trasparenza e la cooperazione a livello internazionale

La conferenza europea organizzata da ACN ha acceso i riflettori sulle nuove esigenze di salute globale e i modi per affrontarle

XV Giornata europea dei diritti del malato: la resilienza dei sistemi sanitari passa per la trasparenza e la cooperazione a livello internazionale

Nonostante la pandemia di Sars Cov-2 sia stato un fenomeno pressoché totalizzante dal punto di vista sanitario, tutte le altre patologie non hanno cessato di esistere nel frattempo, alcune anzi si sono aggravate a causa dei mancati controlli, terapie e interventi, altre non sono state diagnosticate, ed altre ancora sono state “l’emergenza nell’emergenza”, perché è noto che la presenza di patologie pregresse è fattore predisponente allo sviluppo della forma grave di Covid e al decesso.

La conferenza europea organizzata nelle giornate del 5 e 6 maggio da Active Citizenship Network (ACN) in occasione della XV Giornata Europea per i Diritti del Malato ha acceso i riflettori, grazie alle osservazioni degli stakeholder coinvolti, sull’esigenza di implementare le sinergie multidisciplinari e la cooperazione internazionale per affrontare le nuove esigenze di salute della comunità globale, anche alla luce delle problematiche organizzative comuni alla maggior parte dei sistemi sanitari nazionali che la pandemia ha contribuito a portare alla luce.

La conferenza è stata inoltre l’occasione per fare il punto su come le associazioni dei pazienti stiano continuando a fornire risposte ai cittadini, gestendo servizi, costruendo alleanze, segnalando rapidamente le nuove norme necessarie o le modifiche alle procedure, mobilitando risorse (sia umane che economiche), introducendo e promuovendo pratiche da cui sarà necessario non tornare indietro anche dopo l’attuale emergenza. L’evento ha inoltre rimarcato quali azioni sarebbero necessarie per avere sistemi sanitari maggiormente resilienti, e illustrato nel dettaglio le sfide a cui i pazienti di alcune patologie sono stati chiamati nel corso dell’emergenza Covid-19.

«Un attivismo e un coinvolgimento a supporto delle istituzioni e a beneficio delle comunità locali – commenta  Mariano Votta, direttore di Active Citizenship Network – che non è riportato invece all’interno del recente Regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio relativo alle gravi minacce per la salute a carattere transfrontaliero e che abroga la decisione n. 1082/2013/UE. La proposta rivela una grave e ingiustificata mancanza, alla luce di ciò che la pandemia avrebbe dovuto insegnarci”. Tra pochi giorni comincerà la Conferenza per il futuro dell’Europa, e la speranza è che i problemi legati alla salute siano al centro del dibattito, come succederà in occasione del prossimo Summit sulla Salute Globale, in programma a Roma per il 21 maggio. “Dall’importanza che verrà data alle tematiche legate alla salute in questo quadro politico Europeo – afferma Votta – comprenderemo se ‘la necessità di creare una forte sanità dell’Unione Europea’ come sottolineato dal Presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen, è solo uno slogan oppure l’attuale direzione presa dalle istituzioni europee, nonché il punto chiave per permetterci di valutarne il lavoro svolto”

Nonostante le criticità, i fondi del Recovery Plan saranno una boccata d’aria fresca e un’imperdibile opportunità per gli Stati membri: «L’auspicio è che questi fondi verranno utilizzati adeguatamente anche per implementare la digitalizzazione, che è uno dei requisiti per la trasparenza e la cooperazione in sanità – afferma Marco Annoni, autore e ricercatore del CNR e Coordinatore del Comitato Etico della Fondazione Veronesi – ma anche, soprattutto nel nostro Paese, per finanziare la ricerca scientifica, uno dei settori più trascurati ma rivelatisi, oggi più che mai, essenziali. Fondamentale inoltre – ha aggiunto Annoni – sarà lavorare per modificare il paradigma di coesistenza tra l’uomo e gli ecosistemi animali, le tecniche di agricoltura, di aumentare insomma l’awareness riguardo alle tematiche ambientali, i cui effetti si riversano a cascata sulla salute globale ponendoci in allerta costante riguardo a nuove minacce pandemiche, dovute non solo a virus ma anche a batteri antibioticoresistenti».

Infine, un’importante invito alla cooperazione a livello europeo  da parte dell’ex Commissario Europeo per la salute Vytenis Andriukaitis: «La pandemia ci ha mostrato le nostre debolezze, e ora più che mai sappiamo che in materia di salute pubblica l’unione fa la forza, e la collaborazione, la condivisione, l’opportunità di “fare sistema” a livello europeo deve essere implementata. Questo vale non solo per fronteggiare eventi sanitari straordinari, come quello che stiamo vivendo, ma anche e soprattutto l’ordinario. Perché ogni essere umano – ha concluso l’ex Commissario Europeo – deve avere il diritto di accedere in tempi ragionevoli a un sistema sanitario equo ed efficiente».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Igienisti dentali, Di Marco (CDN): «PNRR occasione unica per assistiti con vulnerabilità sanitaria e sociale»
La presidente della Commissione d'Albo nazionale degli Igienisti Dentali Caterina Di Marco: «Una presenza maggiore nel SSN contribuirebbe a ridurre le spese terapeutiche sia per patologie odontoiatriche che sistemiche, come cardiopatie, diabete, parti pre-termine»
di Isabella Faggiano
Case di Comunità e dipendenza MMG da SSN, tutti i rischi della riforma della medicina di famiglia
Le opinioni di Pina Onotri (SMI), Domenico Crisarà (FIMMG) e Angelo Testa (SNAMI) sul progetto contenuto nel Recovery Plan che punta al riassetto della medicina del territorio con le Case di Comunità
CIMO-FESMED: «PNRR ignora dramma carenza medici. Interventi insufficienti e nessuna svolta strutturale»
«Anche l’Istat oggi certifica come il depauperamento della sanità, i minori investimenti e il sovraccarico di lavoro sui medici, il cui numero è insufficiente, sono stati elementi che hanno aggravato gli effetti della pandemia in Italia. Anche l’Istituto, cui è demandata l’asciutta rilevazione e analisi dei dati ha oggi puntato l’indice – e senza complimenti […]
Ospedali di Comunità, telemedicina, e assistenza domiciliare: come saranno impiegati i 15,63 miliardi del PNRR per la sanità
Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza è arrivato in Parlamento dove sarà illustrato dal premier Draghi prima del voto. Al comparto salute in tutto 20,82 miliardi considerando anche il Fondo complementare e il React EU. Il Piano in tutto prevede investimenti per 222,1 miliardi. Previsti fondi per aumentare le borse per la medicina generale e le specializzazioni mediche
Il Pd riparte dalla sanità. Zampa: «Vissuto in prima persona conseguenze di mancati investimenti»
L’ex sottosegretaria oggi è responsabile Salute della nuova segreteria dem targata Enrico Letta. E non risparmia autocritiche alla sua coalizione: «Anche centrosinistra ha disinvestito in sanità. Solo con Conte e Speranza inversione di tendenza già prima del Covid». Inviato al segretario Pd un piano con spunti per il PNRR
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 ottobre, sono 245.021.851 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.972.731 i decessi. Ad oggi, oltre 6,88 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Assicurativo

Questionario assicurativo, come compilarlo in caso di avviso di garanzia dopo denuncia/querela da parte di paziente?

Sono un Cardiochirurgo e mi sto accingendo a compilare un questionario assicurativo per poter richiedere un preventivo. Nel moduli di preventivazione trovo 2 domande alle quali non so rispondere in qu...