Salute 16 Settembre 2020

L’Italia ospiterà il Global Health Summit 2021

L’annuncio di Von der Leyen oggi in aula plenaria del Parlamento europeo: sarà italiana l’edizione 2021 del Global Health Summit. Gli auguri di Conte, Speranza e Sileri

L’Italia ospiterà il Global Health Summit 2021

«L’Italia ospiterà il prossimo Global Health Summit. Lo ha appena annunciato Ursula Von der Leyen d’intesa con Giuseppe Conte. È bello che l’Italia sia al centro della sfida per costruire una nuova sanità capace di tutelare la salute di tutti». Su Facebook si congratula il ministro della Salute, Roberto Speranza, che su Twitter aggiunge: «Sarà un’occasione molto importante. L’Europa può e deve essere l’avanguardia nelle politiche a tutela della salute di tutti».

«Dobbiamo costruire un’unione della sanità», è natta nel suo discorso la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, all’Eurocamera, a Bruxelles. «Con il presidente del consiglio Giuseppe Conte e la presidenza italiana del G20 organizzeremo un vertice globale sulla sanità, in Italia, per dimostrare che l’Europa c’è per proteggere i cittadini», ha aggiunto come riporta Ansa.

Non si fa attendere anche il messaggio del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che annuncia su Twitter: «Felice di ospitare come Presidenza italiana del G20 nel 2021 il Global Health Summit con Ursula Von der Leyen. Uniti proteggiamo la nostra salute e costruiamo un futuro migliore per le prossime generazioni #Soteu».

«Covid ci ha ricordato, tra le tante cose, che la salute è il nostro bene comune. Lavoriamo uniti, propositivi sui problemi, forti sulle difficoltà, orgogliosi sui risultati come questi: un primo passo per un futuro migliore. #G20 #GlobalHealthSummit», ha aggiunto Pierpaolo Sileri, viceministro alla Salute.

Potrebbe tenersi a Roma il vertile globale, sebbene i luoghi non siano ancora stati definiti. Ansa riporta, tuttavia, la possibilità che la Capitale sia il luogo prescelto quando la presidenza del G20 sarà italiana.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Chi resta in zona rossa? La nuova ordinanza. Speranza: «Dati incoraggianti»
Quattro regioni restano in zona rossa, due in zona arancione. L'ordinanza di Speranza anticipa i dati di oggi. Sui vaccini si vede la luce in fondo al tunnel
Speranza alla Camera: «Parametri condivisi con Regioni da aprile. Nessuna punizione»
Speranza spiega che i dati hanno imposto le decisioni della Cabina di regia e ricorda la carenza di personale sanitario come vulnus principale
Proteste dalle Regioni rosse e arancioni. Speranza: «Non c’è spazio per polemiche»
Fontana lo ha definito «uno schiaffo ai lombardi», Musumeci accusa «strategie politiche» sulla Sicilia, Spirlì contro la Calabria rossa impugna l'ordinanza
Conte firma il nuovo Dpcm, le misure previste nelle tre fasce
L'Italia divisa in tre fasce: chiusi i negozi nella rossa e spostamenti vietati anche nell'arancione. Provvedimenti in vigore da domani, in arrivo l'ordinanza sulla classificazione delle regioni
Conte alla Camera: «Italia divisa in tre aree di rischio. Circolazione limitata tra regioni e tra persone “a tarda sera”»
Entro mercoledì arriverà il nuovo Dpcm. Conte alla Camera illustra le nuove restrizioni proposte: centri commerciali chiusi nei weekend, chiusi centri scommesse, mezzi pubblici al 50%, Dad integrale per le scuole superiori
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 novembre, sono 60.997.052 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.432.299 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 26 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli