Salute 9 Febbraio 2021 17:34

Recovery Plan, Urbani (Min. Salute): «Investire su territorio, case di comunità e assistenza domiciliare»

Le proposte di Andrea Urbani, direttore generale della Direzione generale della programmazione sanitaria del Ministero della Salute, nel corso della sua audizione alla Commissione Affari sociali

Case di comunità, nuovi modelli standard e modalità condivise nella gestione dell’assistenza sanitaria, investimento nelle infrastrutture, nei macchinari e nelle strutture intermedie. Sono questi alcuni degli obiettivi da raggiungere attraverso le risorse del Recovery Plan per migliorare, in maniera decisa e sistemica, la sanità italiana. Li ha elencati Andrea Urbani, direttore generale della Direzione generale della programmazione sanitaria del Ministero della Salute, nel corso della sua audizione alla Commissione Affari sociali, nell’ambito dell’esame in sede consultiva della proposta di piano nazionale di ripresa e resilienza.

Urbani ha esordito sottolineando che si tratta di un argomento «ancora in evoluzione. Personalmente – ha spiegato – sono intervenuto in una serie di proposte che poggiano sull’esigenza di valorizzare e rafforzare, con adeguati investimenti, una delle aree maggiormente oggetto di discussione nelle settimane e nei mesi precedenti: il territorio. È necessario – ha spiegato Urbani – un forte investimento sulla sanità territoriale», per la quale «servono modelli standard e modalità di gestione condivise nell’ambito dell’assistenza sanitaria e socio-sanitaria».

Altra idea su cui puntare sono «le case della comunità», grazie alle quali «potersi fare carico in toto della persona» attraverso «un pool di professionisti diversi. Ciò vuol dire pensare all’ambiente, all’alimentazione, alla salute in generale».

Altri investimenti andranno fatti in «strutture intermedie per decongestionare gli ospedali» e nell’ «assistenza domiciliare, a seconda delle condizioni economico-sociali dei pazienti. Laddove possibile – ha spiegato – dobbiamo essere noi a muoverci e non il paziente». Investimenti anche per le «strutture ospedaliere, al fine di ammodernare l’edilizia e adeguarle alle normative sismiche e antincendio», oltre che per «sostituire strumenti obsoleti, ovvero che hanno almeno 5 anni». In aggiunta, «informatizzazione e digitalizzazione, strumenti necessari per collegare le strutture sanitarie al territorio». Infine, bisognerà ammodernare anche «la legislazione e i percorsi che consentono di far partire i cantieri», necessari alla ristrutturazione o costruzione delle strutture, e «dei flussi informativi».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Nuovo report Cabina di regia: «Indice Rt a 0,89, in leggera risalita ma cala incidenza»
Brusaferro: «Lieve aumento Rt messo in conto con aperture». Rezza: «Per raggiungere immunità di gregge dovremmo vaccinare il 60-70% della popolazione. Ma alcuni fattori possono far alzare soglia». Sicilia, Sardegna e Valle d'Aosta in arancione
Terapia domiciliare Covid, i medici del Comitato scendono in piazza e insistono: «Tachipirina e vigile attesa è un errore»
«Il nostro obiettivo è bloccare la patologia ai suoi esordi», spiega Nino Pignataro, uno dei medici che hanno aderito al Comitato Cura Domiciliare Covid-19 presieduto dall’avvocato Erich Grimaldi. Sabato 8 maggio manifestazione a piazza del Popolo
XV Giornata europea dei diritti del malato: la resilienza dei sistemi sanitari passa per la trasparenza e la cooperazione a livello internazionale
La conferenza europea organizzata da ACN ha acceso i riflettori sulle nuove esigenze di salute globale e i modi per affrontarle
Sud e sviluppo sostenibile, Colao (cattedra Unesco): «Preoccupante la riduzione degli screening di prevenzione oncologica»
All'evento promosso dalla Cattedra Unesco della Federico II di Napoli la prof. Colao: «Quest’anno ha portato una riduzione dell’aspettativa di vita che è più drammatica al Nord e un po’ più limitata al Sud, ma perché il Sud aveva già una riduzione dell'aspettativa di vita»
Nuovo report Cabina di regia: «Miglioramento generale del rischio. Nessuna Regione a rischio alto»
Con l’ultima ordinanza del Ministro Speranza Valle d'Aosta in rosso e la Sardegna in arancione. Brusaferro: «Il virus muta in continuazione ma non tutte le varianti devono preoccupare». Rezza: «Aperture graduali e caute. Cogliere i segnali di allarme»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 maggio, sono 156.080.676 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.256.425 i decessi. Ad oggi, oltre 1,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco