Salute 10 Settembre 2021 12:02

Vaccino antinfluenzale, Maio (Fimmg): «Dall’anti-Covid attendere almeno un mese»

La responsabile dell’area vaccini di Fimmg: «Consigliato a over 60, soggetti fragili e lavoratori a rischio. Migliora la diagnosi differenziale tra influenza stagionale e Covid-19 ed evita il sovraffollamento degli ospedali»

di Isabella Faggiano

Il vaccino contro l’influenza stagionale e quello anti-Covid non possono essere somministrati contemporaneamente. «Deve trascorrere almeno un mese tra l’inoculazione del vaccino contro il Covid-19 e la somministrazione di qualunque altra tipologia di vaccino – spiega Tommasa Maio, responsabile dell’area vaccini di Fimmg -. Tuttavia, nel giorno in cui si effettuerà quello antinfluenzale è possibile, soprattutto per la popolazione adulta e previo consiglio del proprio medico curante, mettersi al riparo da herpes zoster e pneumococco».

Per questo, è consigliabile programmare fin da subito il proprio personale calendario vaccinale. «La campagna vaccinale antinfluenzale comincerà i primi giorni di ottobre e, così come ribadito da una direttiva diffusa già durante l’estate, dovrà essere garantita la massima puntualità ed efficienza», sottolinea Maio.

Vaccino antinfluenzale, chi deve farlo

«Il vaccino antinfluenzale è consigliato a tutti i soggetti di età superiore ai sessant’anni e non solo. Al di là della classificazione per età, infatti – aggiunge la responsabile area vaccini della Fimmg – esistono delle classi di lavoratori per i quali risulta ugualmente indicato: operatori sanitari, impiegati che lavorano a contatto con il pubblico o chi, come gli allevatori, è sempre accanto agli animali».

Poi, ci sono le cosiddette categorie fragili: «Bambini con più di sei mesi di vita – continua Maio -, donne in gravidanza e soggetti anche giovani ma che, soffrendo di patologie croniche, potrebbero incorrere in serie complicanze contraendo l’influenza».

Perché farlo

Da non trascurare la somiglianza della sintomatologia di esordio dell’influenza con quella del Covid-19: «In soggetti non vaccinati – spiega il medico di famiglia – sarebbe molto più complesso effettuare la diagnosi differenziale. Ancora, ammalarsi di meno significa pure limitare l’accesso ai pronto soccorso ed evitare che le persone fragili, costrette a recarsi in ospedale per controlli e terapie, possano entrare in contatto con il virus dell’influenza. Senza considerare che abbassare il numero di pazienti che contraggono l’influenza in modo severo eviterebbe di gravare sulle strutture ospedaliere che, purtroppo, ci aspettiamo (anche se speriamo di sbagliarci)  saranno nuovamente sotto pressione per la gestione dell’emergenza Covid».

Ma un’aspettativa positiva c’è: «Crediamo che anche quest’anno, come nel 2020, ci sarà una richiesta di vaccinazioni antinfluenzali superiore all’epoca pre-Covid. Per questo, è stato già deciso che la campagna vaccinale continuerà anche nel periodo natalizio, così da permettere ai ritardatari ed anche a chi per motivi familiari o di lavoro si trova all’estero, di assicurarsi la protezione contro l’influenza».

Effetti collaterali del vaccino antinfluenzale

Niente paura, il vaccino antinfluenzale non rovinerà di certo il Natale: «Gli effetti collaterali riferiti sono sempre piuttosto trascurabili, con rare manifestazioni di dolore nella sede di inoculo o lieve innalzamento della temperatura – assicura Maio -. Per evitare possibili complicanze più gravi è fondamentale effettuare sempre un’accurata anamnesi pre-vaccinale affidandosi ai pediatri di libera scelta o ai medici di medicina generale a conoscenza di eventuali reazioni allergiche gravi, come un’anafilassi, dopo l’inoculazione di un vaccino o – conclude – di uno dei suoi componenti».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
La quarta dose è obbligatoria?
La quarta dose di vaccino anti-Covid è importante per rafforzare l'immunità in vista della stagione invernale. Tuttavia, viene solo raccomandata e non c'è alcun obbligo per nessuno, neanche per gli operatori sanitari
La nuova variante BQ.1 è più pericolosa delle altre?
La variante B.Q1 sarà presto dominante in Europa e, quindi, anche in Italia. Le prime informazioni indicano che ha una maggiore capacità di eludere i vaccini, ma non sembra più pericolosa delle altre
Si può scegliere il tipo di vaccino da fare?
Non è possibile scegliere il vaccino anti-Covid da fare. Tuttavia, al momento della prenotazione è possibile selezionare la struttura in base al tipo di vaccino che somministra
Vaiolo delle scimmie: scoperta nuova variante in Congo, potrebbe diventare globale
Nella Repubbica Democratica del Congo si è diffusa una variante pericolosa del vaiolo delle scimmie che, secondo gli esperti, potrebbe diffondersi anche a livello globale
FIMMG, Scotti riconfermato Segretario: «Serve medicina generale forte. Le Case di comunità così non funzionano»
Concluso il 79° Congresso Nazionale FIMMG. La squadra che supporterà Scotti per i prossimi quattro anni è composta da Pier Luigi Bartoletti, Nicola Calabrese, Fiorenzo Corti, Domenico Crisarà, Alessandro Dabbene e Noemi Lopes
di Arnaldo Iodice e Ciro Imperato
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 6 febbraio 2023, sono 671.739.364 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.844.833 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Ecm

Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?

La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso material...