Salute 28 Settembre 2020 08:00

Vaccino anti-influenza salva anche il cuore, l’appello a raddoppiare la copertura

Agli over 65 l’invito della Fondazione italiana per il cuore a fare il vaccino anti-influenza per proteggersi e ridurre l’impatto sul sistema sanitario, specie in tempi di Covid che colpisce di più chi ha problemi cardio-vascolari

Vaccino anti-influenza salva anche il cuore, l’appello a raddoppiare la copertura

Il vaccino antinfluenzale protegge anche la nostra salute cardiovascolare. Ma serve raggiungere il tasso di copertura vaccinale del 75-95%, molto più del doppio di quello esistente che si attesta al 31%. L’appello arriva dalla Fondazione italiana per il cuore alla vigilia della Giornata mondiale del cuore, in calendario domani, per ricordare le indicazioni sui rischi delle malattie cardiovascolari, ancora oggi prima causa di morte.

Quest’edizione, in epoca di pandemia, «non può certo sorvolare sull’importanza di un controllo e un intervento massiccio sulla popolazione a rischio cardiovascolare particolarmente esposta al rischio di infezioni come il Covid-19. Il primo messaggio e appello parte, quindi, proprio dal vaccino antinfluenzale».

IN TEMPO DI COVID-19, ATTENZIONE AL CUORE

In tempo di Covid, infatti, è necessaria un’attenzione supplementare per chi soffre di malattie cardiovascolari che, si legge in una nota della Fondazione italiana per il cuore, «oltre a dover gestire la complessità del trattamento (terapie, visite di controllo, ricoveri), rientra nella fascia più a rischio di sviluppare forme gravi di infezione. Si aggiunge anche il fatto che dopo l’attacco del virus, il cuore potrebbe avere conseguenze negative anche in persone senza precedenti problemi cardiaci, con potenziali danni a lungo termine. Ultimo, ma non ultimo, l’effetto della paura del virus che ha già portato a un netto calo delle visite ospedaliere da parte di pazienti cardiopatici per cure di routine e di emergenza».

Da sempre il vaccino antinfluenzale, continua la nota, «si conferma come un’opportunità per la prevenzione e gestione delle patologie cardiovascolari. Evidenze cliniche confermano l’efficacia della vaccinazione antinfluenzale quale intervento di prevenzione secondaria dell’infarto miocardico che si colloca tra il 15 e il 45%, paragonabile a quella della cessazione dell’abitudine al fumo (32-43%), delle statine (19-30%) e degli antipertensivi (17-25%)».

OVER 65 CATEGORIA PIÙ A RISCHIO

«Uno studio su circa 3 milioni di americani, recentemente presentato al congresso della Società europea di cardiologia-Esc, dimostra che la vaccinazione antinfluenzale e quella antipneumococcica sono state associate a percentuali significativamente inferiori di morti intraospedaliere in pazienti con scompenso cardiaco», continua la nota che sottolinea però la scarsa aderenza alla vaccinazione in Italia nei gruppi a rischio cardiovascolare che nella popolazione al di sopra di 65 anni (poco più del 50% si vaccina) «età in cui, oltre a quelle cardiache, si riscontra maggior frequenza di patologie croniche quali quelle bronco-polmonari e il diabete».

«Per queste categorie, vaccinarsi quest’anno contro l’influenza sarà ancora più importante a causa della pandemia da Sars-Cov-2», spiega Luigi Biasio del Comitato scientifico della Fondazione Giovanni Lorenzini (Milano e New York). «I motivi sono numerosi, a partire dalla riduzione dell’impatto sul sistema sanitario, alla protezione per gli individui più fragili e poi anche alla possibile riduzione della mortalità e morbilità da Covid-19 nelle persone vaccinate contro l’influenza».

Oltre alla vaccinazione antinfluenzale la World Heart Federation (Whf), in occasione della Giornata mondiale per il cuore, ha lanciato il messaggio “usa il tuo cuore“, per fare le scelte migliori per la società, i nostri cari e noi stessi. Gli stili di vita sani sono al centro dei messaggi che Federazione, insieme a Conacuore, rinnova ogni 29 settembre. Nel corso del mese di settembre (e anche oltre) sono molte le iniziative aperte al pubblico in forma gratuita, organizzate da associazioni di pazienti, ospedali, aziende sanitarie locali, enti pubblici e privati per sensibilizzare le persone a prendersi cura del proprio cuore.

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Colesterolo, Lazzeroni (cardiologo): «Il 70% dei nostri pazienti dislipidemici non è a target. C’è un problema di sensibilizzazione»
«Circa otto eventi cardiovascolari su dieci sono prevenibili – spiega il cardiologo Davide Lazzeroni a Sanità Informazione - ma per farlo il tempo è fondamentale, bisogna agire subito sui pazienti a rischio»
Dall’esperienza del portale “Covid e cuore” nasce “Cuore e…”
Gianfranco Gensini, direttore scientifico IRCCS Multimedica Milano, spiega le motivazioni dell’evoluzione e i driver che hanno portato a questa scelta
Troponina T: il biomarcatore cardiaco è una spia pericolosa nei pazienti con Covid-19
Uno studio realizzato tra Milano e Wuhan dal dottor Ammirati del Cardio Center dell’Ospedale Niguarda con il supporto della Fondazione De Gasperis ha evidenziato, su 2068 pazienti ricoverati in terapia intensiva, come un aumento del biomarcatore di danno cardiaco si associ ad una maggiore mortalità
di Federica Bosco
Un pacemaker elettronico di gomma flessibile? Perrone Filardi (SIC): «Dispositivo innovativo, è la strada giusta»
Un team americano rilancia lo studio sui materiali in cardiologia, il presidente della Società di Cardiologia: «Monitoraggio in remoto è il futuro»
di Tommaso Caldarelli
Malattie cardiovascolari prima fonte di spesa sanitaria. Perrone Filardi (SIC): «Nel 2017 in Europa spesi 196 miliardi»
In occasione della Giornata mondiale del cuore, l'intervista al professor Perrone Filardi, presidente della Società Italiana di Cardiologia: «I numeri sono destinati a crescere»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 febbraio, sono 113.025.730 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.507.803 i decessi. Ad oggi, oltre 221,80 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Professioni Sanitarie

Osteopati, raggiunto l’accordo per la definizione del profilo professionale ma manca il decreto attuativo

Sciomachen (ROI): «Il Miur istituirà il percorso di laurea triennale in osteopatia. A completare l’iter verso il riconoscimento tra le professioni sanitarie sarà, poi, l’equipollenza dei titoli...
di Isabella Faggiano