Politica 9 Agosto 2018 11:29

Vaccini, presidi in rivolta: senza certificato della ASL niente scuola

I presidi bocciano la linea del Governo e annunciano: «Non è possibile far prevalere la nuova circolare Grillo-Busseti. Per noi resta in vigore la legge Lorenzin». Il Ministro della Salute: «Polemica surreale e tardiva»

Vaccini, presidi in rivolta: senza certificato della ASL niente scuola

«Il diritto alla Salute è prioritario rispetto a quello all’Istruzione». L’Associazione Nazionale Presidi scende in campo sul tema vaccini e dice no alla frequenza scolastica senza il certificato delle Asl. «Se non verrà presentato il certificato di avvenuta vaccinazione della Asl, non potremo permettere la frequenza dei bimbi a scuola, a nidi e materne. Non è possibile far prevalere la nuova circolare Grillo-Busseti». Una presa di posizione netta e convinta contro la decisione del Governo che sta lavorando per rinviare l’applicazione della legge: «Per ora, almeno fino all’inizio del nuovo anno scolastico, resta in vigore la Legge Lorenzin: sarà quest’ultima ad essere applicata» precisano i presidi.

Durante l’incontro che si è svolto al Ministero della Salute tra il Capo di Gabinetto Alfonso Celotto ed il presidente dell’Anp, Antonello Giannelli, quest’ultimo ha fatto presente che se «il decreto Lorenzin fosse modificato nel senso ipotizzato, la presenza di bambini non vaccinati nelle scuole relative alla fascia di età 0-6 anni metterebbe a rischio la salute dei bambini che non si possono vaccinare e di quelli le cui difese immunitarie sono indebolite anche temporaneamente a seguito di patologie varie».

LEGGI ANCHE: VACCINI, RINVIATO OBBLIGO E AUTOCERTIFICAZIONE. TUTTI I BAMBINI (ANCHE I NON VACCINATI) ACCEDERANNO A NIDI E SCUOLE INFANZIA

I presidi denunciano «un quadro sempre più confuso per le famiglie»: l’emendamento al decreto Milleproroghe, infatti, fa slittare di un anno l’obbligo – fornendo la possibilità a tutti i bambini di frequentare le scuole – ma sarà discusso definitivamente solo a settembre e a lezioni già iniziate. Troppo tardi. Alle scuole «servono norme chiare» secondo il punto di vista dei presidi che affermano: «Non vogliamo alzare muri, cercheremo di evitare di arrivare a questo punto ma fino a quando non c’è il certificato della Asl, l’iscrizione rimane ma la frequenza non è possibile, può avvenire solo dopo la consegna della documentazione a scuola».

Inoltre, dall’Associazione Nazionale Presidi arriva il no alle “classi differenziali”, composte dai soli bambini vaccinati in cui inserire i bambini immunodepressi per due motivi: si porrebbe un grave problema di carattere organizzativo ed i bambini non sarebbero comunque protetti nei momenti di ricreazione e negli spazi comuni.

Non si è fatta attendere la replica del ministro Giulia Grillo, ospite di Omnibus su La7: «La presa di posizione dei presidi italiani è una polemica assolutamente surreale e tardiva perchè l’autocertificazione è un atto deciso dal precedente governo e utilizzato per tutto il 2017, che è stato solo proseguito anche per il 2018». Si tratta dell’«ennesimo attacco politico, ma ormai ho le spalle larghe e mi sono abituata», ma avverte: «Autocertificare non significa certificare il falso, perchè sennò ti becchi sei mesi di carcere».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
È più rischioso prendere un aereo o fare il vaccino? La risposta è nel Micromort
Il Micromort è un’unità di rischio che indica una probabilità di morte su un milione e viene utilizzato per calcolare il rischio di morte per ogni attività quotidiana. Come applicarlo al caso J&J?
Biologi, ostetriche e tecnici sanitari vaccinatori, siglato il protocollo d’intesa
Ad annunciarlo il presidente Fedriga, per ampliare la piattaforma di somministratori. Il ringraziamento dal presidente dei Biologi D'Anna
Vaccini, C&P: «Per medici pensionati rischio di essere vittime di norma incostituzionale»
Ad esprimersi sulla vicenda che ha alimentato la preoccupazione di molte aziende sanitarie per i possibili contraccolpi in un momento di emergenza nazionale, sono gli avvocati di Consulcesi & Partners, network legale dell’azienda Consulcesi
Gimbe, numeri scendono ma salgono i decessi. 4 milioni di italiani hanno completato il ciclo vaccinale
Numeri del Covid cominciano a scendere, ma secondo gli esperti Gimbe in maniera "irregolare". Notevoli le differenze regionali nelle somministrazioni di vaccini anti-Covid: in Sardegna e Toscana solo il 30% degli over 80
MMG e campagna vaccinale, a che punto siamo nel Lazio?
Intervista a Giovanni Cirilli, Segretario FIMMG Lazio: «Peccato non essere stati messi in condizione di partire prima»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 aprile, sono 139.109.041 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.986.608 i decessi. Ad oggi, oltre 840,94 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...