Salute 9 agosto 2018

Vaccini, presidi in rivolta: senza certificato della ASL niente scuola

I presidi bocciano la linea del Governo e annunciano: «Non è possibile far prevalere la nuova circolare Grillo-Busseti. Per noi resta in vigore la legge Lorenzin». Il Ministro della Salute: «Polemica surreale e tardiva»

Immagine articolo

«Il diritto alla Salute è prioritario rispetto a quello all’Istruzione». L’Associazione Nazionale Presidi scende in campo sul tema vaccini e dice no alla frequenza scolastica senza il certificato delle Asl. «Se non verrà presentato il certificato di avvenuta vaccinazione della Asl, non potremo permettere la frequenza dei bimbi a scuola, a nidi e materne. Non è possibile far prevalere la nuova circolare Grillo-Busseti». Una presa di posizione netta e convinta contro la decisione del Governo che sta lavorando per rinviare l’applicazione della legge: «Per ora, almeno fino all’inizio del nuovo anno scolastico, resta in vigore la Legge Lorenzin: sarà quest’ultima ad essere applicata» precisano i presidi.

Durante l’incontro che si è svolto al Ministero della Salute tra il Capo di Gabinetto Alfonso Celotto ed il presidente dell’Anp, Antonello Giannelli, quest’ultimo ha fatto presente che se «il decreto Lorenzin fosse modificato nel senso ipotizzato, la presenza di bambini non vaccinati nelle scuole relative alla fascia di età 0-6 anni metterebbe a rischio la salute dei bambini che non si possono vaccinare e di quelli le cui difese immunitarie sono indebolite anche temporaneamente a seguito di patologie varie».

LEGGI ANCHE: VACCINI, RINVIATO OBBLIGO E AUTOCERTIFICAZIONE. TUTTI I BAMBINI (ANCHE I NON VACCINATI) ACCEDERANNO A NIDI E SCUOLE INFANZIA

I presidi denunciano «un quadro sempre più confuso per le famiglie»: l’emendamento al decreto Milleproroghe, infatti, fa slittare di un anno l’obbligo – fornendo la possibilità a tutti i bambini di frequentare le scuole – ma sarà discusso definitivamente solo a settembre e a lezioni già iniziate. Troppo tardi. Alle scuole «servono norme chiare» secondo il punto di vista dei presidi che affermano: «Non vogliamo alzare muri, cercheremo di evitare di arrivare a questo punto ma fino a quando non c’è il certificato della Asl, l’iscrizione rimane ma la frequenza non è possibile, può avvenire solo dopo la consegna della documentazione a scuola».

Inoltre, dall’Associazione Nazionale Presidi arriva il no alle “classi differenziali”, composte dai soli bambini vaccinati in cui inserire i bambini immunodepressi per due motivi: si porrebbe un grave problema di carattere organizzativo ed i bambini non sarebbero comunque protetti nei momenti di ricreazione e negli spazi comuni.

Non si è fatta attendere la replica del ministro Giulia Grillo, ospite di Omnibus su La7: «La presa di posizione dei presidi italiani è una polemica assolutamente surreale e tardiva perchè l’autocertificazione è un atto deciso dal precedente governo e utilizzato per tutto il 2017, che è stato solo proseguito anche per il 2018». Si tratta dell’«ennesimo attacco politico, ma ormai ho le spalle larghe e mi sono abituata», ma avverte: «Autocertificare non significa certificare il falso, perchè sennò ti becchi sei mesi di carcere».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Bambini plusdotati, ecco perché sono più bravi e veloci: il loro cervello ottimizza le risorse
Anna Maria Roncoroni (Aistap): «Non sono maggiormente esposti a disturbi psicopatologici, ma hanno bisogno di un percorso di apprendimento avanzato, studiato su misura. Attenzione a non soffocarli con pressioni o aspettative eccessive»
di Isabella Faggiano
Taranto, il 25 febbraio fiaccolata per le vittime dell’inquinamento industriale
L’Associazione Genitori tarantini sta organizzando un coordinamento di tutte le Associazioni territoriali dei siti più inquinati d’Italia per chiedere, insieme alla Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA), l’istituzione della Giornata Nazionale Vittime dell’Inquinamento Ambientale nella data del 25 Febbraio. «L’Italia intera soffre di malattie ambiente-correlate e i siti altamente inquinati sono a decine sul territorio […]
Medicina transnazionale delle malattie endocrine: il convegno a Udine il 22 febbraio
Di medicina transnazionale delle malattie endocrine si parlerà al convegno che si svolgerà a Udine dal 22 al 23 febbraio, dove saranno a confronto esperti italiani e colleghi dell’Alpe Adria. «Il convegno – spiega Franco Grimaldi, Direttore della Struttura operativa complessa Endocrinologia e Malattie del metabolismo dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Udine e organizzatore dell’incontro – vede […]
Alessio D’Amato (Regione Lazio): «Grazie Manuel per belle parole su personale San Camillo»
«Da oggi per Manuel inizia una nuova sfida e saremo al suo fianco per aiutarlo. Può contare su una famiglia stupenda e una comunità che gli si è stretta attorno e sono certo non farà mancare il suo affetto e il suo appoggio». Lo dichiara in una nota l’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della […]
Aggressioni ai medici, Nursing Up : «Ora basta, chiediamo presidi h24». Appello a Salvini: «Tuteli ordine pubblico»
Il sindacato degli infermieri Nursing Up ha espresso la sua opinione sulle violenze avvenute ieri all’ospedale di Boscotrecase, in provincia di Napoli, ai danni del personale sanitario da parte di alcuni familiari di una paziente deceduta nel nosocomio. «L’aggressione ai sanitari nell’ospedale di Boscotrecase, accompagnata dalle scene di devastazione del Pronto Soccorso, è un episodio gravissimo che condanniamo […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...