Salute 9 Agosto 2018

Vaccini, presidi in rivolta: senza certificato della ASL niente scuola

I presidi bocciano la linea del Governo e annunciano: «Non è possibile far prevalere la nuova circolare Grillo-Busseti. Per noi resta in vigore la legge Lorenzin». Il Ministro della Salute: «Polemica surreale e tardiva»

Immagine articolo

«Il diritto alla Salute è prioritario rispetto a quello all’Istruzione». L’Associazione Nazionale Presidi scende in campo sul tema vaccini e dice no alla frequenza scolastica senza il certificato delle Asl. «Se non verrà presentato il certificato di avvenuta vaccinazione della Asl, non potremo permettere la frequenza dei bimbi a scuola, a nidi e materne. Non è possibile far prevalere la nuova circolare Grillo-Busseti». Una presa di posizione netta e convinta contro la decisione del Governo che sta lavorando per rinviare l’applicazione della legge: «Per ora, almeno fino all’inizio del nuovo anno scolastico, resta in vigore la Legge Lorenzin: sarà quest’ultima ad essere applicata» precisano i presidi.

Durante l’incontro che si è svolto al Ministero della Salute tra il Capo di Gabinetto Alfonso Celotto ed il presidente dell’Anp, Antonello Giannelli, quest’ultimo ha fatto presente che se «il decreto Lorenzin fosse modificato nel senso ipotizzato, la presenza di bambini non vaccinati nelle scuole relative alla fascia di età 0-6 anni metterebbe a rischio la salute dei bambini che non si possono vaccinare e di quelli le cui difese immunitarie sono indebolite anche temporaneamente a seguito di patologie varie».

LEGGI ANCHE: VACCINI, RINVIATO OBBLIGO E AUTOCERTIFICAZIONE. TUTTI I BAMBINI (ANCHE I NON VACCINATI) ACCEDERANNO A NIDI E SCUOLE INFANZIA

I presidi denunciano «un quadro sempre più confuso per le famiglie»: l’emendamento al decreto Milleproroghe, infatti, fa slittare di un anno l’obbligo – fornendo la possibilità a tutti i bambini di frequentare le scuole – ma sarà discusso definitivamente solo a settembre e a lezioni già iniziate. Troppo tardi. Alle scuole «servono norme chiare» secondo il punto di vista dei presidi che affermano: «Non vogliamo alzare muri, cercheremo di evitare di arrivare a questo punto ma fino a quando non c’è il certificato della Asl, l’iscrizione rimane ma la frequenza non è possibile, può avvenire solo dopo la consegna della documentazione a scuola».

Inoltre, dall’Associazione Nazionale Presidi arriva il no alle “classi differenziali”, composte dai soli bambini vaccinati in cui inserire i bambini immunodepressi per due motivi: si porrebbe un grave problema di carattere organizzativo ed i bambini non sarebbero comunque protetti nei momenti di ricreazione e negli spazi comuni.

Non si è fatta attendere la replica del ministro Giulia Grillo, ospite di Omnibus su La7: «La presa di posizione dei presidi italiani è una polemica assolutamente surreale e tardiva perchè l’autocertificazione è un atto deciso dal precedente governo e utilizzato per tutto il 2017, che è stato solo proseguito anche per il 2018». Si tratta dell’«ennesimo attacco politico, ma ormai ho le spalle larghe e mi sono abituata», ma avverte: «Autocertificare non significa certificare il falso, perchè sennò ti becchi sei mesi di carcere».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Sanità, D’Amato (Regione Lazio): «Il Rapporto del Sole 24 Ore fornisce indicatori eterogenei»
«In relazione al cosiddetto indice della salute 2019 elaborato dal Sole 24 Ore, il rapporto fornisce indicatori eterogenei e non supportati dalle evidenze di letteratura scientifica e di strumenti che sintetizzano il profilo di salute di una popolazione come rilevato dal Dipartimento di Epidemiologia del Sistema sanitario regionale del Lazio. Basti pensare che le province […]
Salute donne, FNOPO: «Welfare più efficiente e promozione dell’allattamento i veri sostegni alla maternità e alle donne»
«Non è attraverso bonus per l’acquisto di latte artificiale (in polvere o liquido) che si sostengono le famiglie. L’emendamento presentato dal ministro per la Famiglia, Lorenzo Fontana, al decreto legge Crescita (che prevede tra l’altro anche sconti per l’acquisto di pannolini e un incremento del bonus bébé) non fa un buon servizio alle neo-mamme, al nascituro e, […]
Vaccini, parla il professor Fara: «Togliere obbligo è sbagliato, ma sogno un giorno in cui sarà la popolazione a ‘pretenderli’»
Gaetano Maria Fara, luminare di fama mondiale, scende in campo a favore dell’obbligo vaccinale. «Movimenti no vax sono sempre esistiti in tutto il mondo, per questo serve maggiore cultura vaccinale». Poi ricorda i risultati raggiunti dal vaccino anti poliomielite: «In pochi anni in Italia siamo passati da 10mila casi a 1-2»
Oncologia, Beretta (Aiom): «Screening organizzati fondamentali. Grandi potenzialità per la medicina di precisione»
«La formazione dei medici è fondamentale: da quando mi sono laureato ad oggi sono cambiate tantissime cose. È necessario ridefinire un sistema di welfare per evitare costi aggiuntivi della malattia sui pazienti», così il presidente eletto Aiom a margine del convegno al Senato
Vaccinazioni adulti, Maio(FIMMG): «Medico di famiglia è primo front office per il paziente»
Sulle fake news riguardanti i vaccini, il Segretario Nazionale Continuità Assistenziale FIMMG, Tommasa Maio sottolinea: «Pazienti ascoltino fonti attendibili»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...