Salute 6 settembre 2018

Vaccini, nuovo emendamento: autocertificazione prorogata al 2018-2019. Il premier Conte: «Dare certezze a famiglie»

Rimane l’emendamento presentato ieri, che ripristinava l’obbligatorietà. Protesta delle opposizioni

Immagine articolo

Vaccini, si cambia ancora. La maggioranza annuncia un emendamento depositato stamattina che proroga al 2018-2019 l’autocertificazione prevista già dalla legge Lorenzin. Rimane l’emendamento presentato ieri, che ripristinava l’obbligatorietà dei vaccini per frequentare asili e materne e abrogare l’articolo 6 del Decreto Milleproroghe, approvato al Senato, che fa slittare al 2019-2020 l’obbligo di certificazione vaccinale.

LEGGI ANCHE: VACCINI, L’OBBLIGO RIMANE: PRONTO EMENDAMENTO CONTRO RINVIO. E I NAS CONTROLLANO LE AUTOCERTIFICAZIONI

Tutti i testi devono ancora essere votati dalle Commissioni. La nuova mossa della maggioranza non è piaciuta alle opposizioni che hanno protestato, con in testa gli ex ministri Beatrice Lorenzin e Marianna Madia. Sul tema è intervenuto anche il Premier Giuseppe Conte: «Sui vaccini c’era stato quell’emendamento che aveva contribuito a un’incertezza, adesso dobbiamo risolverla questa incertezza perché dobbiamo dare certezza alle famiglie e assicurare ai bambini di poter frequentare le scuole», afferma il Presidente del Consiglio che poi annuncia: «Sulla materia ci sarà un intervento di sistema sul quale stiamo lavorando».

Fonti della maggioranza fanno sapere che così «la circolare Grillo avrà così forza di legge» e che entro il 10 marzo occorrerà dimostrare le vaccinazioni effettuate. Inoltre viene ribadito che «l’obbligo non è mai stato in discussione».

Le Commissioni Affari costituzionali e Bilancio, che stanno esaminando il Milleproroghe, hanno effettuato in apertura di seduta la riammissione di alcuni emendamenti dichiarati ieri inammissibili per estraneità di materia. A questo punto i relatori, Giuseppe Buompane e Vittoria Baldino, entrambi del M5S, hanno presentato il nuovo emendamento che se aggiunge a quello depositato ieri, con il quale si cancella la norma introdotta in Senato (emendamento Taverna) che cancellava l’obbligo. La Commissione è ora sospesa per dare il tempo ai deputati di presentare sub-emendamenti. L’ex ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha parlato di «un emendamento gravissimo perché abbiamo visto che esiste un movimento organizzato che predispone autocertificazioni false». «Se dovesse essere approvato l’emendamento, ha aggiunto, che dà forza di legge alla circolare del ministro Grillo, verrebbe messa a rischio la salute dei bimbi dei nidi, perché stiamo parlando di bambini sotto i 12 mesi che stanno insieme a quelli più grandi.

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Morbillo, Simit: «Nel 2018 cento casi in operatori sanitari. Italia fanalino di coda in Europa per lotta a malattia»
La denuncia della Società italiana malattie infettive e tropicali: «Ad oggi, e vista la situazione, l'obbligo vaccinale rigorosamente applicato resta l'unica via percorribile per un periodo che non è possibile prevedere di breve durata. Bisogna rilanciare la vaccinazione anche in ampi strati di giovani adulti rimasti fuori dagli interventi di prevenzione»
Aggressioni a medici, Dieni (M5S): «Aperti a contributi di operatori e opposizioni. Presto legge per tutelare chi salva vite»
La vicecapogruppo dei Cinque Stelle alla Camera assicura l’impegno del Movimento sul tema e apre a modifiche sul Ddl governativo. «Anche sblocco del turn over più aiutare a risolvere problema, stiamo lavorando in questa direzione»
Aggressioni ai medici, La Torre (CIC): «Sono anche colpa di mancato turn over. Necessario modificare figura operatore sanitario»
Per il presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi, che ha organizzato cun convegno sul tema, il fenomeno è collegato anche a «un momento di particolare criticità» che sta vivendo il sistema sanitario. Il deputato-ortopedico Misiti (M5S): «Maggioranza ha dovere di raccogliere suggerimenti che arriveranno sul tema»
Registro Tumori, la legge arriva al Senato. Castellone (M5S): «Avremo arma fondamentale per individuare tutte le Terre dei Fuochi italiane»
Il provvedimento approvato all’unanimità in Commissione, a giorni il passaggio in Aula. La senatrice, ricercatrice del CNR, è da sempre impegnata sul tema: «Componente ambientale decisiva nella formazione della malattia»
Test Medicina, si avvicina l’abolizione del numero chiuso. In Commissione Cultura alla Camera parte l’iter della legge
Il relatore sarà il deputato e medico Cinque Stelle Manuel Tuzi. Tutte le proposte prevedono l’abolizione della legge 264 del 1999. Tiramani (Lega) e D’Uva (M5S) propongono un meccanismo di selezione dopo il primo anno di studi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...
Formazione

Caos numero chiuso: tra annunci di abolizione e ondate di ricorsi

Governo vara stop ai test medicina, poi la retromarcia. Spiazzati Grillo (Salute) e Bussetti (MIUR): «Aumento accessi e borse di studio». Anelli (FNOMCeO): «Risolvere imbuto formativo». Ma l’esa...