Salute 5 Settembre 2018

Vaccini, l’obbligo rimane: pronto emendamento contro rinvio. E i Nas controllano le autocertificazioni

«Proroga rischiava di generare confusione sul piano normativo», si legge nel testo della maggioranza. M5S: «Tratteremo materia con ddl ad hoc». Opposizioni all’attacco, il segretario PD Martina: «Battuto oscurantismo»

di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Immagine articolo

La questione vaccini è sempre più confusa. E se ne è resa conto anche la maggioranza, che ha preparato un emendamento per confermare l’obbligo delle vaccinazioni per frequentare asili e materne e abrogare l’articolo 6 del Decreto Milleproroghe, approvato al Senato, che fa slittare al 2019-2020 l’obbligo di certificazione vaccinale.

La proroga di un anno dell’obbligo «rischia di generare una certa confusione sul piano normativo, anche in considerazione del fatto che essa entrerebbe in vigore ad anno scolastico già iniziato», scrive in un parere la commissione Affari sociali della Camera. Nel testo proposto dalla maggioranza M5S-Lega si evidenzia che «sarebbe sicuramente preferibile rimodulare le disposizioni in materia di prevenzione vaccinale intervenendo con una disciplina organica, attraverso un Progetto di legge di iniziativa parlamentare da esaminare in modo approfondito e compiuto presso entrambi i rami del Parlamento anziché con una disposizione di proroga inserita nel testo di un Decreto legge dal contenuto molto articolato». I relatori delle Commissioni Bilancio e Affari costituzionali, Giuseppe Buompane e Vittoria Baldino, che stanno esaminando il provvedimento, potrebbero dare parere positivo.

Un’iniziativa che giunge proprio all’indomani dell’audizione alla Camera di rappresentanti del mondo scientifico, medico e dei presidi che, compatti, si sono schierati contro il rinvio dell’obbligo vaccinale.

LEGGI ANCHE: VACCINI, PIERPAOLO SILERI (COMM. SANITÀ): «TEMA DELICATO TRAMUTATO IN BRACCIO DI FERRO POLITICO. CON NOSTRO DDL PROMOZIONE SERIA VACCINAZIONI»

Intanto, i carabinieri dei Nas stanno controllando, nelle scuole di tutta Italia, la veridicità delle documentazione presentata dalle famiglie in asili nido e scuole materne. Controlli che, nei prossimi giorni, proseguiranno a campione in altri istituti scolastici selezionati.

LE REAZIONI

Esprime soddisfazione il coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni, Antonio Saitta (Assessore Regione Piemonte): «Sul tema dei vaccini finalmente stanno prevalendo un atteggiamento di razionalità, le ragioni della scienza e l’esigenza della massima tutela possibile della salute dei bambini», dice. Positiva anche la reazione del presidente dell’Associazione nazionale presidi Antonello Giannelli: «È una buona notizia che denota sensibilità da parte del Parlamento rispetto alle ragioni da noi esposte in audizione davanti alle commissioni della Camera: avevamo rappresentato come Associazione presidi che l’ammissione negli asili e nelle scuole dell’infanzia dei bambini non vaccinati avrebbe comportato un rischio per la salute di quelli immunodepressi. È una grande vittoria di civiltà». «Mi ha fatto molto piacere che, dopo averci ascoltato in audizione, abbiano preso questa decisione. La politica ha chiesto a scienziati esperti e a professionisti stimati un parere sull’obbligatorietà dei vaccini e sono contento che sia arrivata a questa decisione» ha commentato Alberto Villani, presidente della Società italiana di pediatria (Sip).

Intanto infuria la polemica politica. Esulta il Partito democratico, da sempre fautore dell’obbligo vaccinale. «Dietrofront di Lega e Cinque Stelle sui vaccini, battuta la loro visione oscurantista. Resta l’obbligo. Grazie alle tantissime famiglie che si sono battute come noi per il diritto alla salute dei bambini e per la scienza», scrive su twitter il segretario dem, Maurizio Martina. Anche nel Movimento Cinque Stelle c’è chi saluta positivamente la scelta, come la biologa Elena Fattori: «Sono molto soddisfatta che questa maggioranza abbia ritrovato saggezza sui vaccini. Riguardo al nuovo disegno di legge mi auguro un dibattito sereno, aperto e trasversale che abbia come obiettivo la salute pubblica senza contrapposizione ideologica né concessioni a derive pseudoscientifiche». Anche Forza Italia esulta: «Sui vaccini un sussulto di ragione grazie alla battaglia di Forza Italia in Parlamento. D’altronde è o non è il governo del cambiamento?» scrive su Twitter Giorgio Mulè, deputato di Forza Italia e portavoce dei gruppi azzurri di Camera e Senato.

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Vaccini, parla Paolo Siani (Pd): «Ddl va modificato: l’obbligo si può togliere ma solo con copertura adeguata e anagrafe»
Il pediatra, membro della Commissione Affari sociali, ha apprezzato il discorso del premier Conte, in particolare la proposta sugli asili nido gratis per redditi bassi: «Governo ha preso una strada buona». Poi sul tema, spinoso, dell’obbligo vaccinale: «Prima di toglierlo bisogna avere la certezza che ci sia una copertura ‘tranquilla’ su tutto il territorio nazionale»
Vaccini, al via a Bruxelles il Summit Globale. Juncker (Ue): «Combattere le campagne di disinformazione»
«Nel 2012 è stato preso un impegno politico per eliminare il morbillo in 5 regioni su 6 regioni dell'Organizzazione mondiale della Sanità entro il 2020. Siamo nel 2019 e il numero dei casi di morbillo continua ad aumentare», ha spiegato il presidente della Commissione europea Jean-Claude Junker in apertura del summit
Conte bis, in sanità priorità per formazione e assunzioni. Vaccini, lotta agli sprechi, aggressioni: la nuova agenda in Commissione
A Montecitorio lungo discorso del premier che riserva un passaggio anche alla sanità. M5S-PD convinti dalle parole del premier, Lega e Fdi annunciano opposizione dura. Mandelli (Forza Italia): "Il vero banco di prova sono i fondi da destinare alla sanità"
Vaccini, scuola a rischio per pochi. Giannelli (ANP): «I no vax sono meno di quanti immaginiamo»
Per il presidente dell’Associazione nazionale dirigenti pubblici si tratta solo di «clamore mediatico», una percezione sbagliata causata dall’utilizzo di un megafono come i social network
Vaccini, entro il 2025 Gavi immunizzerà 300 milioni di persone nei Paesi in via di sviluppo
Tra il 2021 e il 2025 verranno vaccinati 300 milioni di bambini nei Paesi in via di sviluppo, con otto milioni di vite salvate. L’ambizioso programma è di Gavi, The Vaccine Alliance, che ha lanciato per questo piano una raccolta fondi da almeno 7,4 miliardi di dollari. In questo lasso di tempo, spiega il comunicato […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali