Salute 4 settembre 2018

Milleproroghe, alla Camera medici compatti contro il rinvio dell’obbligo vaccinale. Villani (SIP): «Inaccettabile vedere bambini morire di morbillo»

Audizione a Montecitorio dei principali esponenti del mondo medico e della scuola. Garattini: «Cambiare sarebbe grave errore». Anelli (FNOMCeO): «Potrebbe sembrare atteggiamento antiscientifico». I presidi: «Rischio insicurezza per la salute negli istituti»

«Un grave errore», «un atteggiamento antiscientifico», «troppo spazio ai no-vax». È una presa di posizione quasi unanime quella dei rappresentanti del mondo medico e della scuola che oggi ha parlato in audizione nella Sala Mappamondo della Camera dei deputati davanti alle Commissioni riunite Affari costituzionali e Bilancio. Un’audizione convocata per avere dei pareri tecnici sul Decreto Milleproroghe, approvato al Senato, in particolare l’articolo 6 che fa slittare al 2019-2020 l’obbligo di certificazione vaccinale per l’accesso a nidi e materne.

Tra i contrari Silvio Garattini, presidente dell’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri, secondo cui «cambiare la legge sull’obbligo vaccinale sarebbe un grave errore, cambierebbe un orientamento che ormai era largamente accettato perché la maggior parte della gente aveva capito il senso dell’obbligo. Non vaccinare creerebbe problemi. Quanto all’obbligatorietà flessibile basta conoscere un minimo l’italiano per sapere che è impossibile combinare le due cose».

LEGGI ANCHE: DDL VACCINI, ECCO IL TESTO: VIA LE DIECI VACCINAZIONI OBBLIGATORIE. MA IN CASO DI PIANI STRAORDINARI SANZIONI ED ESCLUSIONE DA SCUOLA

Ancora più netto Filippo Anelli, presidente della Federazione nazionale medici chirurghi e odontoiatri, che ha sottolineato: «I medici considerano non giustificabile il rinvio dell’obbligo di presentare la certificazione della vaccinazione per l’iscrizione all’anno scolastico 2018-2019». Per Anelli «l’eliminazione dell’obbligo potrebbe essere interpretata come un atteggiamento antiscientifico». Il presidente FNOMCeO ha presentato in commissione il documento approvato dalla Federazione nel 2016 con cui si auspicava l’obbligo vaccinale. «Questo documento – ha spiegato – mantiene tutta la sua validità e la sua attualità e rappresenta una visione lungimirante, da parte dei Presidenti degli Ordini dei Medici, sul tema della prevenzione attraverso l’uso dei vaccini. Lo proponiamo nuovamente, integrandolo con alcune osservazioni relative all’attuale contesto». L’allarme dei camici bianchi si è focalizzato soprattutto sul morbillo: 14.451 i casi segnalati in Europa nel 2017, che hanno causato 30 decessi. Erano stati 4.643 nel 2016.

Si è accalorato Alberto Villani, presidente della Società italiana di pediatria, parlando della sua esperienza da medico: «Vedo morire bambini di morbillo ed è inaccettabile e indegno, avendo gli strumenti per combatterli. L’ultimo caso è quello di una bambina di 14 mesi non vaccinata, che ha rischiato di morire per l’infezione di l’Haemophilus influenzae di tipo B che in Italia era quasi dimenticato e il vaccino è compreso nell’esavalente. Oggi non abbiamo nessuno strumento per far sì che questa bambina venga immunizzata, pur avendo parlato con la famiglia».

Contrario alla sospensione dell’obbligo vaccinale anche Giovanni Rezza, direttore del Dipartimento Malattie Infettive dell’Iss, che ha fatto un’analisi a tutto campo: «I no-vax, secondo nostre indagini, rappresentano lo 0,7% della popolazione, eppure sono fasce che risultano particolarmente rumorose, specie sui media». Poi spiega: «In Italia c’è una fase contingente» composta da bassa cultura scientifica e grande risalto sui media, molto più ampio rispetto a quella che è la consistenza numerica di questi gruppi; inoltre registriamo molte critiche alla classe medica a causa di informazioni discordanti date ai genitori, da li’ nascono paura e diffidenza nei confronti dell’atto vaccinale».

Davanti ai deputati ha parlato anche Silvestro Scotti, Segretario nazionale della Federazione nazionale dei medici di medicina generale, che ha chiesto che i medici di famiglia possano vaccinare nei loro studi i pazienti: «Se come medici di famiglia facciamo un’azione di educazione sanitaria, anche sul vaccino, e la facciamo nei nostri studi ma a latere non abbiamo la possibilità di erogare le vaccinazioni, quel paziente quando appena esce trova altre ‘fonti’, dal web ai conoscenti, così il lavoro del medico viene meno. Non ci stiamo a questo cortocircuito, sarebbe opportuno permetterci di vaccinare i nostri pazienti».

Infine il mondo della scuola, rappresentato Antonello Giannelli, presidente dell’Associazione Nazionale Presidi (ANP), che ha escluso la possibilità di creare classi particolari per gli immunodepressi in modo da aggirare l’obbligo della copertura vaccinale per l’iscrizione a scuola. «È un tipo di segregazione che il nostro ordinamento ripugna, almeno dal periodo post bellico. Anche dal punto di vista organizzativo non sarebbe possibile, la scuola non è un reparto epidemiologico». Giannelli ha chiesto che la norma venga ritirata: «Se passa, abbiamo per questo anno scolastico un rischio di insicurezza per la salute».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Caso ‘INPS’, Fnomceo: «Chiediamo al Ministro Grillo un tavolo sui medici fiscali e convenzionati»
«Chiediamo che il Ministro della Salute Giulia Grillo intervenga per lo stralcio, da parte dell’Inps, di quelle parti del Piano della Performance incompatibili con il Codice di Deontologia Medica, e istituisca un Tavolo sulle problematiche della Medicina fiscale». Torna a parlare del “caso Inps” il Presidente della Fnomceo Filippo Anelli, a una settimana di distanza […]
MMG, Scotti a Grillo: «No a sanatorie, non svendere futuro giovani medici». La replica del Ministro: «Valorizzeremo merito»
Botta e risposta tra il Segretario della Fimmg e la titolare della Salute sul tema dei medici precari e della formazione dei medici di famiglia: «I provvedimenti annunciati dal ministero – spiega Scotti - altro non farebbero che gettare alle ortiche il grande lavoro fatto per ottenere l’incremento delle borse»
Ponte Morandi, il racconto del medico: «Noi camici bianchi genovesi in prima linea. Ora la città ha voglia di ripartire»
Stefano Alice era in servizio quel fatidico 14 agosto: dal suo studio si vede il viadotto crollato. «Nelle prime ore libere che ho avuto – racconta - mi sono unito alle squadre dei soccorsi per organizzare l’assistenza agli sfollati». Al Congresso Fimmg omaggio alle vittime con un flash mob
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Fimmg, Scotti rieletto segretario. Studio CGIA Mestre: «Più anziani al lavoro ma più malati. Investire in prevenzione»
Nell'Esecutivo Nazionale Pier Luigi Bartoletti, Nicola Calabrese, Fiorenzo Massimo Corti, Domenico Crisarà, Renzo Le Pera, Malek Mediati. L'Italia ha tra i più elevati tassi di lavoratori anziani in Europa. Ma aspettativa di vita degli italiani dopo i 50 anni è rappresentata da anni non in salute. Il Segretario Fimmg: « I medici di famiglia si candidano a essere i nuovi economisti di questo Paese»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Aggressioni, Rostan (LeU): «Serve credito d’imposta per studi medici che intendono dotarsi di impianti di sicurezza»
La vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera al Congresso Fimmg:  «Abbiamo registrato oltre tremila episodi negli ultimi tempi con il 65% di medici e infermieri che, almeno una volta nel corso della loro carriera, hanno subito violenze o intimidazioni. Per questo ho chiesto incontro a Salvini»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila