Salute 6 febbraio 2018

Vaccini, i medici Cinque Stelle sono a favore. Ma c’è il caso Lombardi-Fattori

Molti candidati pentastellati del mondo sanitario esprimono valutazioni positive sull’obbligo vaccinale, pur con dei distinguo. Intanto la candidata alla presidenza della Regione Lazio chiede che la senatrice pro-vax non partecipi ai suoi eventi elettorali

Il tema dei vaccini continua ad essere al centro della campagna elettorale. In particolare, l’argomento agita il mondo dei Cinque Stelle. Il candidato premier Luigi Di Maio si è espresso più volte a favore dei vaccini, pur contestando il decreto Lorenzin che impone l’obbligo in luogo della raccomandazione. Nei giorni scorsi ha fatto discutere la mozione approvata dall’Assemblea capitolina e condivisa dal sindaco di Roma Virginia Raggi sulla necessità di tenere a scuola gli alunni non ancora vaccinati, una presa di posizione analoga a quella dell’Anci ma fortemente contestata dal Ministro della Salute Beatrice Lorenzin.

Ma a favore dei vaccini iniziano a parlare anche diversi candidati pentastellati nei collegi uninominali, molti dei quali provengono dal campo medico. Come riportato da Il Messaggero, il ricercatore in Chimica a La Sapienza Marco Bella, candidato nel collegio di Pomezia, sostiene che l’obbligo «non può essere l’unica soluzione a lungo termine», una posizione, sostiene, condivisa anche da Roberto Burioni. Più esplicito il direttore sanitario dell’Ospedale civico di Palermo e candidato nel capoluogo siciliano Giorgio Trizzino, che ricorda il ruolo “rivoluzionario” dei vaccini nella lotta alle malattie infettive.

Posizioni apparentemente inconciliabili con quelle della candidata Sara Curial, capolista alla Camera in Veneto, che su Facebook aveva accostato i vaccini al genocidio. Una candidatura da cui si è dissociato anche il professor Guido Silvestri, esperto vicino ai Cinque Stelle per i temi della salute, che in un post aveva preso le distanze sostenendo che l’analogia vaccini-genocidio «sia un’affermazione non solo completamente assurda dal punto di vista scientifico, ma anche di una gravità sociale e morale notevole vista la presenza attuale in Italia di un forte movimento no-vax che diffonde notizie pseudo-scientifiche creando allarmi ingiustificati sui vaccini».

Intanto però anche nel Lazio sorgono problemi: in una mail a Luigi Di Maio, riportata da diversi quotidiani nazionali, la candidata alla presidenza della Regione Lazio Roberta Lombardi chiede che la senatrice Elena Fattori, amica del virologo Roberto Burioni e da sempre pro-vax, non sia presente agli eventi della sua campagna elettorale. Questo perché “le posizioni politiche della Fattori in tema di salute e vaccini – scrive Lombardi – sono individualiste e fuori dalla linea politica nazionale”.

Articoli correlati
Contenziosi medici-pazienti, Pierpaolo Sileri (M5S): «Arbitrato salute idea vincente, riduce i costi per il SSN e scoraggia la medicina difensiva»
«In tutto il percorso diagnostico-terapeutico del paziente possono essere commessi errori: dalla diagnosi fino alla terapia. A volte, si tratta di errori indiretti causati dal sistema ospedale che non sono riconducibili alla responsabilità del singolo medico» specifica il presidente della Commissione Sanità del Senato
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Sanità trasparente, parla il relatore Provenza (M5S): «Nessuna incombenza per i medici. Trasparenza affinché il cittadino torni a fidarsi degli operatori sanitari»
Il Provvedimento, approvato in Commissione Affari Sociali, deve ora ricevere il parere delle altre Commissioni competenti. Nel registro pubblico saranno rese note anche le motivazioni delle transazioni tra imprese e operatori del settore. Alzate le soglie minime: 50 euro per ogni singola donazione (500 euro all’anno). «Nessuna idea vessatoria o persecutoria della classe medica. Il nostro è un progetto culturale che mira sostanzialmente a sostenere il diritto alla conoscenza dei rapporti», sottolinea il deputato M5S
Morbillo, OMS: «Nel 2018 record di casi in Europa. Oltre 82mila contagi e 72 morti»
Nei 53 Paesi della regione aumentano anche le coperture vaccinali, ma i gap esistenti a livello locale lasciano le porte aperte al virus. I dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità
UniVax Day, i più giovani non cascano nelle fake news sui vaccini. Duse (Siica): «Messaggi di speranza per il futuro»
Migliaia di studenti delle scuole superiori si sono riuniti in 21 università italiane per la giornata di formazione e sensibilizzazione sui vaccini. La presidente della Società italiana di immunologia clinica e allergologia: «Gli operatori sanitari devono vaccinarsi e dare il buon esempio»
Sunshine Act, via libera in Commissione Affari Sociali. M5S: «Più vicino traguardo di una sanità trasparente. Nas faranno i controlli necessari»
Dovranno essere pubblicate tutte le donazioni superiori a 50 euro verso i singoli operatori della salute (o superiori a 500 euro verso le organizzazioni sanitarie). «Si tratta di un impianto normativo innovativo – sottolineano i deputati Massimo Enrico Baroni e Nicola Provenza - che porterà il nostro Paese all’avanguardia a livello internazionale nella tutela di un bene collettivo fondamentale come la salute
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...