Salute 31 Ottobre 2017

Roberto Burioni, il paladino dei vaccini tra allarme tubercolosi e ‘somari’ all’italiana…

«La medicina non è democratica e chi si rivolge al dottor Google e alla dottoressa Wikipedia è ‘un somaro’». La  parola al virologo del San Raffaele ‘paladino’ dei vaccini e autore di un nuovo libro

di Lucia Oggianu

La recente riduzione della copertura vaccinale ha provocato il riemergere di alcune malattie importanti, che sembravano essere scomparse. «I vaccini però sono sicuri e affidabili – spiega il professor Roberto Burioni, docente di Microbiologia e Virologia all’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, in occasione del Congresso SIMI a Roma -. Dobbiamo vaccinarci prima di tutto noi medici e dobbiamo convincere i nostri pazienti a vaccinare loro stessi e i loro figli perché altrimenti le conseguenze per tutta la società possono essere molto gravi».

Professore, può spiegarci la sicurezza dei vaccini?

«I vaccini sono i farmaci più sicuri che abbiamo, nessun altro farmaco ha un profilo di sicurezza così elevato. I vaccini sono sicuri e sono estremamente efficaci nel controllare malattie che possono essere molto pericolose. Purtroppo in Italia, da anni, le coperture sono in calo e questo ha provocato non solo il riemergere di malattie molto gravi ma il morbillo: ci sono quasi 5.000 casi verificati nel 2017, è una cosa da terzo mondo, non da Paese civile. È importante trasmettere ai nostri pazienti questo concetto: i vaccini sono sicuri, i vaccini sono estremamente efficaci, dobbiamo vaccinarci prima di tutto noi medici e dobbiamo convincere i nostri pazienti a vaccinare loro stessi e i loro figli perché altrimenti le conseguenze per tutta la società possono essere molto gravi».

I recenti casi di tubercolosi che si sono verificati, a cosa possono essere riconducibili?

«La tubercolosi è una malattia trasmessa da pazienti che emettono il micobatterio. Questi individui in Italia, per molti anni, erano pochi perché campagne di prevenzione molto efficaci erano riuscite ad avere un grande impatto nel diminuire la trasmissione di questo batterio, adesso sta ‘rialzando la testa’ quindi bisogna impegnarsi molto nell’identificare questi casi, trattarli prontamente perché, purtroppo, per la tubercolosi non abbiamo un vaccino così efficace come per altre malattie».

Una domanda sul suo libro ‘La congiura dei somari’ appena pubblicato: chi sono i ‘somari raglianti’ e come si curano?

«Sono le persone che pensano di sapere le cose senza avere studiato, sono quelli che noi medici incontriamo e che pretendono di far la diagnosi dopo aver consultato Google o Wikipedia, non riuscendo a comprendere quanto sia difficile fare il medico. Si curano avendo pazienza, dobbiamo spiegargli e fargli capire che le cose sono molto più complicate di quanto non sembrano, ci vuole una dose supplementare di pazienza che forse quelli che lavoravano tanti anni fa, quando internet non c’era, non avevano bisogno di utilizzare. Noi dobbiamo adattarci ai tempi quindi spiegare, convincere queste persone che non sono cose immediate e che bisogna studiare per sapere le cose».

Articoli correlati
Codici: «Chiediamo trasparenza sul costo dei vaccini contro il Covid-19»
L’associazione dei consumatori Codici, con una lettera inviata al Ministero della Salute, lancia un’operazione verità per fare chiarezza sui contratti di acquisto dei vaccini contro il Covid19
Campagna vaccinazione anti-Covid, cosa prevede nel dettaglio il piano strategico
Dalle categorie che dovranno sottoporsi subito alla vaccinazione all’organizzazione dei punti vaccinali e delle figure coinvolte, dall’implementazione dei sistemi informatici e della comunicazione al monitoraggio di eventuali reazioni avverse
Covid-19, Arcuri: «Vaccini saranno tracciati da arrivo a somministrazione. In campo 20 mila operatori»
Il commissario straordinario all'emergenza coronavirus Domenico Arcuri ha parlato alle Commissioni riunite Trasporti e Affari sociali: «Piano vaccini sostanzialmente pronto»
«Per il coronavirus serve una risposta planetaria. E la Global Health può aiutarci»
Intervista a Emanuele Montomoli (Università di Siena): «Oggi la pandemia viene gestita addirittura a livello di ASL, serve sovranazionalità»
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 dicembre, sono 65.277.100 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.507.323 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 4 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli