Salute 24 Aprile 2017 16:36

Vaccini, l’infermiere diventa un counseling. Vanzetta (IPASVI Verona): «La formazione è la chiave di volta»

All’indomani del caso dell’infermiera che fingeva di vaccinare i piccoli pazienti racconta la sua esperienza Marina Vanzetta, infermiera e Consigliere del Collegio IPASVI di Verona. «L’infermiere può aiutare l’assistito a compiere una scelta consapevole»

Ha sollevato un grande polverone la vicenda dell’infermiera che avrebbe finto di vaccinare i bambini per poi buttare via le fiale. La donna, Emanuela Petrillo, è al centro di un procedimento disciplinare dell’Asl 2 (ex Ulss9) di Treviso e intanto, per rimediare al danno, è stata avviata una campagna di richiamo per ben 500 pazienti passati per le sue mani. Ma quanto è importante il ruolo dell’infermiere nell’ottica del rapporto tra genitori e vaccini? Ne parla ai microfoni di Sanità Informazione Marina Vanzetta, infermiera e Consigliere del Collegio IPASVI di Verona, a margine del convegno ‘Medicina e Pseudoscienza’ organizzato all’Ergife di Roma.

Qual è il ruolo dell’infermiere rispetto alle vaccinazioni e al contrasto alle pseudoscienze e ai falsi miti?

«Quella dell’infermiere è un’informazione vestita sulla persona che ha di fronte, adulto o bambino, a partire dalle conoscenze, quindi è un intervento che passa attraverso il ‘counseling’ che prevede delle competenze non solo tecniche ma anche relazionali che tengano conto delle ragioni etiche e deontologiche. Tra infermiere e assistito c’è una relazione che aiuta a scegliere in maniera consapevole. Inoltre l’infermiere ha un ruolo che si sviluppa su più livelli, un ruolo nel contesto del setting vaccinale e quindi di collaborazione con le altre figure che si occupano di questo, il pediatra e l’assistente sociale. L’infermiere, insieme a queste figure, è la persona che maggiormente interagisce con l’assistito di cui può cogliere le istanze e condurlo, attraverso un’informazione adeguata, ad una scelta consapevole. Il ruolo dell’infermiere inoltre si esplica ad altri livelli a tutto tondo in campi come la formazione e l’educazione. A questo proposito, per orientare le persone verso le informazioni corrette, la nostra Federazione per esempio ha aperto un portale nel 2011, ‘infermieriperlasalute’, dove divulga notizie che sono accreditate, validate, scientificamente documentate proprio per evitare falsi miti, comportamenti sbagliati e per orientare il cittadino verso una cultura della salute. A proposito recentemente abbiamo pubblicato una guida pratica sulle vaccinazioni che solo nel 2016 ha avuto 65mila, quasi 66mila visite».

In questa ottica, quanto è importante la formazione del personale sanitario proprio per avere gli strumenti conoscitivi per dialogare con i pazienti?

«La formazione è fondamentale: anche rispetto a questo sul nostro portale, che è il canale rivolto ai professionisti, dedica comunque dei percorsi guidati di approfondimento delle tematiche; anche sul tema delle vaccinazione recentemente abbiamo realizzato un percorso finalizzato a rimarcare il ruolo degli operatori relativamente alle vaccinazioni. L’operatore deve essere convinto dell’efficacia delle vaccinazioni per farsi un propositore attivo nei confronti del cittadino. Per farlo la formazione è una delle chiavi di volta e le ragioni si trovano non solo nell’ambito scientifico ma anche nei codici deontologici. Questo è anche il parere del Comitato di Bioetica che già nel ‘95 ribadiva l’importanza della copertura vaccinale per proteggere la collettività; a fronte di un calo della copertura vaccinale nel 2015 rimarca adesso la necessità di campagne di informazione, la necessità di formazione degli operatori, per cercare di far fronte a questa emergenza».

Articoli correlati
Dagli igienisti della SItI una Guida alle buone pratiche vaccinali
La Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) ha presentato il documento "Guida alle buone pratiche vaccinali", con l'obiettivo di promuovere e garantire servizi vaccinali di eccellenza in tutto il territorio nazionale
di V.A.
Il Nobel per la Medicina ai «genitori» dei vaccini a mRNA contro il Covid e non solo
Drew Weissman, 64 anni, e Katalin Karikò, 68 anni, sono i due nuovi vincitori del Nobel per la Medicina 2023. I due scienziati hanno sviluppato la tecnologia che ha permesso, nel giro di pochissimi mesi, di sviluppare i vaccini anti-Covid a mRNA, che hanno salvato milioni di vite umane nel mondo
Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita
Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.
Covid: pericolo scampato? Non per i pazienti fragili: l’appello di AIP OdV
Le infezioni da Sars-CoV-2, così come le altre malattie virali, rimangono un elemento di allerta. In Italia, infatti, si contano ancora circa 30 morti al giorno per infezioni Sars-CoV-2, molti dei quali fanno parte dei cosiddetti «pazienti fragili» (sono 1 su 5 in Italia)
I vaccini anti-Covid hanno salvato oltre 1 milione di vite in Europa
I vaccini contro Covid-19 hanno salvato almeno 1.004.927 vite in Europa, tra dicembre 2020 e marzo 2023. Lo ha stimato una nuova ricerca presentata al Congresso europeo di microbiologia clinica e malattie infettive (ECCMID) in corso a Copenaghen, in Danimarca. La stragrande maggioranza delle vite salvate, il 96%, erano individui di 60 anni d'età o più
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...