Salute 24 Aprile 2017 16:36

Vaccini, l’infermiere diventa un counseling. Vanzetta (IPASVI Verona): «La formazione è la chiave di volta»

All’indomani del caso dell’infermiera che fingeva di vaccinare i piccoli pazienti racconta la sua esperienza Marina Vanzetta, infermiera e Consigliere del Collegio IPASVI di Verona. «L’infermiere può aiutare l’assistito a compiere una scelta consapevole»

Ha sollevato un grande polverone la vicenda dell’infermiera che avrebbe finto di vaccinare i bambini per poi buttare via le fiale. La donna, Emanuela Petrillo, è al centro di un procedimento disciplinare dell’Asl 2 (ex Ulss9) di Treviso e intanto, per rimediare al danno, è stata avviata una campagna di richiamo per ben 500 pazienti passati per le sue mani. Ma quanto è importante il ruolo dell’infermiere nell’ottica del rapporto tra genitori e vaccini? Ne parla ai microfoni di Sanità Informazione Marina Vanzetta, infermiera e Consigliere del Collegio IPASVI di Verona, a margine del convegno ‘Medicina e Pseudoscienza’ organizzato all’Ergife di Roma.

Qual è il ruolo dell’infermiere rispetto alle vaccinazioni e al contrasto alle pseudoscienze e ai falsi miti?

«Quella dell’infermiere è un’informazione vestita sulla persona che ha di fronte, adulto o bambino, a partire dalle conoscenze, quindi è un intervento che passa attraverso il ‘counseling’ che prevede delle competenze non solo tecniche ma anche relazionali che tengano conto delle ragioni etiche e deontologiche. Tra infermiere e assistito c’è una relazione che aiuta a scegliere in maniera consapevole. Inoltre l’infermiere ha un ruolo che si sviluppa su più livelli, un ruolo nel contesto del setting vaccinale e quindi di collaborazione con le altre figure che si occupano di questo, il pediatra e l’assistente sociale. L’infermiere, insieme a queste figure, è la persona che maggiormente interagisce con l’assistito di cui può cogliere le istanze e condurlo, attraverso un’informazione adeguata, ad una scelta consapevole. Il ruolo dell’infermiere inoltre si esplica ad altri livelli a tutto tondo in campi come la formazione e l’educazione. A questo proposito, per orientare le persone verso le informazioni corrette, la nostra Federazione per esempio ha aperto un portale nel 2011, ‘infermieriperlasalute’, dove divulga notizie che sono accreditate, validate, scientificamente documentate proprio per evitare falsi miti, comportamenti sbagliati e per orientare il cittadino verso una cultura della salute. A proposito recentemente abbiamo pubblicato una guida pratica sulle vaccinazioni che solo nel 2016 ha avuto 65mila, quasi 66mila visite».

In questa ottica, quanto è importante la formazione del personale sanitario proprio per avere gli strumenti conoscitivi per dialogare con i pazienti?

«La formazione è fondamentale: anche rispetto a questo sul nostro portale, che è il canale rivolto ai professionisti, dedica comunque dei percorsi guidati di approfondimento delle tematiche; anche sul tema delle vaccinazione recentemente abbiamo realizzato un percorso finalizzato a rimarcare il ruolo degli operatori relativamente alle vaccinazioni. L’operatore deve essere convinto dell’efficacia delle vaccinazioni per farsi un propositore attivo nei confronti del cittadino. Per farlo la formazione è una delle chiavi di volta e le ragioni si trovano non solo nell’ambito scientifico ma anche nei codici deontologici. Questo è anche il parere del Comitato di Bioetica che già nel ‘95 ribadiva l’importanza della copertura vaccinale per proteggere la collettività; a fronte di un calo della copertura vaccinale nel 2015 rimarca adesso la necessità di campagne di informazione, la necessità di formazione degli operatori, per cercare di far fronte a questa emergenza».

Articoli correlati
Cure palliative: solo 1 paziente con ictus su 5 riceve consultazione
Rosaria Alvaro (SISI): «Necessaria maggiore cultura di questi trattamenti». Con il nuovo corso Consulcesi Club i camici bianchi ampliano il loro sguardo su cure palliative
Specializzandi, la proposta del Pd: contratto della dirigenza e scuola di specializzazione per MMG
Al Senato la proposta di legge della dem Paola Boldrini: tra gli obiettivi collegare il numero delle borse di specializzazione ai reali bisogni delle diverse discipline sul territorio. L’assessore alla Sanità del Lazio D’Amato: «Prossimi anni difficili, riforma urgente»
di Francesco Torre
Guerra in Ucraina, Consulcesi lancia il nuovo corso contro le emorragie da ferite da guerra
«Di fronte ai gravissimi attacchi contro l’assistenza sanitaria, mettere il maggior numero di persone in condizione di saper compiere semplici ma efficaci manovre per fermare per esempio la fuoriuscita di sangue può significare salvare una vita in più», commenta Daniele Manno, esperto di Remote e Military Life Support
Diabete, al via il corso di formazione per medici libici della Società Italiana di Diabetologia
Il corso a distanza prenderà il via il 16 maggio. Il diabete è in aumento esponenziale soprattutto nei paesi in via di sviluppo come quelli africani affacciati sul Mediterraneo
Carenza infermieri, Consulcesi: «Si supera puntando sulla formazione»
In occasione della Giornata Internazionale dell’infermiere, che si celebra oggi 12 maggio, il presidente di Consulcesi Massimo Tortorella chiede di rivedere le modalità di accesso alla facoltà di Infermieristica. Urgenti anche misure che rendano la professione più attraente in Italia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 25 maggio, sono 526.711.975 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.280.500 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto