Salute 9 Giugno 2020

Vaccini influenza, la circolare del Ministero per affrontare l’autunno (e la possibile convivenza col Covid) convince pediatri e MMG

Mele (SIMPE): «Auspicabile estendere la raccomandazione anche a bambini più grandi, ma la direzione è corretta». Scotti (FIMMG): «Fondamentale inizio precoce e chiusura tardiva della campagna». Ma non tutte le mamme sono d’accordo

Immagine articolo

Vaccinazione antinfluenzale gratuita e fortemente raccomandata per gli over 60 e i bambini nella fascia d’età compresa tra 0 e 6 anni. E vista l’attuale situazione epidemiologica per la circolazione di Sars-CoV-2, “le campagne di vaccinazione antinfluenzale dovranno essere anticipate all’inizio di ottobre e la vaccinazione dovrà essere offerta ai soggetti eleggibili in qualsiasi momento della stagione influenzale, anche se si presentano in ritardo per la vaccinazione”. Sono questi i punti salienti stabiliti dalla circolare del ministero della Salute sulla stagione influenzale 2020-21. L’obiettivo dichiarato è, come si legge sempre nella circolare, ridurre l’impatto di una probabile co-circolazione di Sars-Cov-2 e virus influenzali nel prossimo autunno e a tal fine “è cruciale che le Regioni e Province Autonome avviino le gare per l’approvvigionamento dei vaccini anti-influenzali al più presto, basandole su stime effettuate sulla popolazione eleggibile e non sulle coperture delle stagioni precedenti”.

LEGGI LA CIRCOLARE

La circolare prevede anche la raccomandazione della vaccinazione agli esercenti le professioni sanitarie e socio-sanitarie che operano a contatto con i pazienti, e agli anziani istituzionalizzati in strutture residenziali o di lungo degenza, nella prospettiva di una iniziativa legislativa che ne sancisca l’obbligatorietà.

È previsto inoltre che le Regioni, per assicurare una copertura vaccinale più alta possibile, attivino con il coinvolgimento dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta, nei confronti delle persone idonee alla vaccinazione, azioni di offerta attiva di provata efficacia. È richiesto, infine, lo svolgimento di iniziative volte a promuovere fortemente la vaccinazione antinfluenzale di tutti gli operatori sanitari, in tutte le occasioni possibili, la comunicazione dei benefici del vaccino tra tutti i gruppi raccomandati e la facilitazione nell’accessibilità alla vaccinazione.

«La circolare va nella direzione in cui abbiamo sempre sperato – commenta ai nostri microfoni Giuseppe Mele, presidente della Società Italiana Medici Pediatri SIMPE – ed anzi sarebbe stato auspicabile estendere la raccomandazione ad oggi prevista per i bambini da 0 a 6 anni anche ad altre fasce d’età pediatrica, ma già questo è per noi un risultato estremamente importante, che ci permetterà di vaccinare molti più soggetti. Questo sarà un fattore fondamentale – continua Mele – nella gestione, in autunno, di un eventuale ritorno di forte virulenza del coronavirus, per poter fare delle diagnosi differenziali con le sindrome influenzali di stagione».

LEGGI ANCHE: I PEDIATRI: «SERVE PEDIATRIA DI COMUNITÀ. A SCUOLA FONDAMENTALE EDUCAZIONE SANITARIA»

«Bene la raccomandazione ‘estensiva’ in termini di fasce d’età – osserva il segretario nazionale FIMMG (Federazione Italiana Medici di Medicina Generale) Silvestro Scotti, da noi intervistato – anche se personalmente avrei sperato che questa arrivasse fino ai 14 anni, per la fascia pediatrica. Bene anche l’estensione a livello temporale, con l’anticipo della campagna agli inizi di ottobre e l’ampliamento oltre il 31 dicembre, vaccinando quindi anche per tutto il mese di gennaio, recuperando magari i soggetti, specialmente quelli appartenenti alla categorie più fragili, che a dicembre non si fossero ancora vaccinati. Sono lieto – continua Scotti – che il Ministero abbia preso in considerazione le nostre istanze riguardo all’importanza di un inizio precoce e di una chiusura tardiva della campagna. Avere più tempo a disposizione comporterà anche riuscire a spalmare meglio gli accessi, evitando pericolosi assembramenti. Adesso starà alle singole Regioni – conclude – declinare in modo efficace le raccomandazioni del Ministero, sia per quanto riguarda gli approvvigionamenti di dosi, sia per quanto riguarda l’applicazione in concreto delle misure».

Le voci “contro”. Proprio la Regione Campania si candida ad essere capofila per un’applicazione il più possibile stringente della circolare, con la volontà e l’obiettivo espresso dal presidente della Regione Vincenzo De Luca di vaccinare contro l’influenza la totalità della popolazione. Una presa di posizione che, nei giorni scorsi, ha scatenato anche le polemiche sui social, soprattutto da parte delle mamme di bambini nella fascia 0-6 anni, destinatari della prima estensione della raccomandazione. «Parlo a nome di tutte le mamme della classe di mio figlio, che sono almeno una ventina, e la pensiamo tutte nello stesso modo – esordisce J., napoletana con un bimbo di 5 anni, da noi raggiunta telefonicamente a seguito di un suo lungo post sulla sua pagina Facebook –. Se fino all’autunno scorso questo vaccino per i nostri figli non era né raccomandato né consigliato dai nostri pediatri, ed anzi in alcuni casi sconsigliato in assenza di particolari situazioni di fragilità o immunocompromissione, il fatto che oggi se ne parli quasi in termini di obbligatorietà ci fa storcere il naso, ci fa temere che i nostri figli vengano strumentalizzati ad uso e consumo di scelte politiche, per non dire usati come cavie. Tengo a sottolineare – continua la mamma – che non sono assolutamente no-vax, mio figlio ha fatto tutte le vaccinazioni obbligatorie e raccomandate. Ma questo caso è diverso: sarei disposta a non mandare mio figlio a scuola, in autunno, se mi dovessero imporre di vaccinarlo contro l’influenza».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Coronavirus e vaccini, l’OMS: «Non c’è pallottola d’argento contro Covid e forse non ci sarà mai»
Lo ha detto il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, in conferenza stampa a Ginevra sul coronavirus facendo il punto sull'emergenza
Un vaccino contro Covid-19, a che punto sono i tentativi nel mondo?
Tutti i ricercatori del mondo sono all'opera per trovare un vaccino contro Covid-19. A che punto si trovano i 140 candidati? I dati dell'Oms sulle fasi raggiunte fino ad oggi dai singoli prodotti
Diagnostica di primo livello dal medico di famiglia, Scotti (Fimmg): «Stiamo ancora aspettando, è una vergogna»
Il segretario nazionale della Federazione italiana medici di medicina generale: «Esami di orientamento, poi sarà lo specialista a refertare». E si scaglia contro il passaggio eventuale da convenzione a dipendenza: «La nostra autonomia professionale è preziosa. Non siamo anarchici, solo responsabili»
Napoli, domani la prima seduta di laurea abilitante
Silvestro Scotti: «La laurea abilitante conferisce valore alle professioni e un rapido accesso al mondo del lavoro di giovani con competenze teoriche ma anche pratiche. Un ottimo lavoro del ministro Manfredi, porterà nuova linfa al sistema sanitario»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...