Salute 1 Luglio 2021 14:58

Vaccini, o richiami, per chi è in vacanza. Dove e come si possono fare

Cosa prevedono e come funzionano i protocolli sottoscritti da alcune regioni per consentire le vaccinazioni in vacanza

di Federica Bosco
Vaccini, o richiami, per chi è in vacanza. Dove e come si possono fare

Su invito del commissario per l’emergenza Covid Francesco Paolo Figliuolo, molte regioni si stanno organizzando per garantire i richiami dei vaccini anti Covid-19 in villeggiatura. Ecco dove e in che modo ci si potrà vaccinare da turisti.

Vaccini in vacanza, 200 mila turisti piemontesi in Liguria e 50 mila liguri in Piemonte

È partito oggi il piano vaccini in vacanza sottoscritto da regione Piemonte e Liguria per permettere ai cittadini in villeggiatura presenti in una delle due regioni per almeno 14 giorni di poter fare la seconda dose durante il soggiorno in montagna o al mare. L’accordo, raggiunto nel mese di maggio, è stato formalizzato nei giorni scorsi e reso operativo sulle piattaforme www.ilpiemontetivaccina.it  e www.prenotovaccino.regione.liguria.it a partire da oggi e fino al 15 settembre e potrà essere esteso anche alla Lombardia. Si attende il via libera di Figliuolo.

«Sono settimane cruciali per mettere in sicurezza la popolazione – osserva l’assessore regionale alla Sanità del Piemonte, Luigi Genesio Icardi -. Stiamo lottando contro il tempo cercando in ogni modo di agevolare le vaccinazioni contro il Covid-19. Ringrazio la struttura commissariale che ha inserito il progetto delle immunizzazioni in vacanza nel piano nazionale. In queste settimane ci sono circa 200 mila turisti piemontesi in Liguria e 50 mila liguri in Piemonte, è molto importante che venga fornita loro la possibilità di accedere alla vaccinazione, senza dover rinunciare alle ferie».

Per poter usufruire del servizio i cittadini devono registrarsi sulle piattaforme della regione in cui trascorreranno le vacanze, indicando periodo, località, vaccino ricevuto e data di somministrazione della prima dose. Nel caso di soggetti under 60 che hanno ricevuto la prima dose di AstraZeneca, secondo le nuove direttive riceveranno anche in vacanza la seconda dose di Pfizer o Moderna. Qualora decidessero invece di fare il richiamo con AstraZeneca, dovranno firmare il consenso informato.

Vaccini in vacanza in Abruzzo e Valle D’Aosta

Da oggi sarà possibile somministrare la seconda dose di vaccino ai turisti che nei mesi di luglio e agosto trascorreranno per almeno 15 giorni le vacanze in Abruzzo. Per la prenotazione, disponibile la mail della Als di Pescara vaccinazionecovid.turisti@ausl.pe.it e il numero di telefono 331 2694574, attivo dal lunedì al mercoledì dalle 9 alle 13 a partire dal prossimo 5 luglio. Il turista che vuole partecipare all’iniziativa deve semplicemente sottoscrivere un’autocertificazione, in cui dichiara la durata di permanenza nel territorio (presso struttura ricettiva, abitazione privata, casa vacanza etc. con il rispettivo domicilio) per un periodo superiore a due settimane.

Anche la Valle d’Aosta permette di vaccinare, con la sola seconda dose di vaccino anti Covid-19, i turisti e i lavoratori stagionali che soggiornano nella regione per almeno 30 giorni. Le persone che risultano domiciliate nel territorio regionale “per motivi di lavoro, di assistenza domiciliare o altro giustificato e comprovato motivo, che impongano una presenza continuativa nella Regione pari o superiore a 90 giorni” possono ricevere sia la prima che la seconda dose, come i residenti o iscritti al SSN. I non residenti potranno proporsi per la vaccinazione telefonando a Infovaccini allo 0165 54 62 22. Dovranno specificare, eventualmente, il vaccino già somministrato con la prima dose e la data di somministrazione, e sottoscrivere un’autodichiarazione sulle motivazioni e la durata del soggiorno.

Vaccini in vacanza in Puglia, Lazio, Calabria

Da oggi anche in Puglia, chi resterà per almeno 3 settimane potrà prenotare la seconda dose di vaccino anti Covid sul sito della Regione.

Il Lazio offre la possibilità di poter effettuare la seconda dose del vaccino ai non residenti che sceglieranno di trascorrere le vacanze all’interno del territorio regionale. Sul portale “Prenota Vaccino Covid” della Regione Lazio è attivo il pulsante dedicato alla “seconda dose vaccinazione, somministrazione prima dose fuori Lazio”. Al momento, però, non è chiaro se il servizio è previsto per i cittadini di tutte le Regioni e se è necessario un periodo minimo di soggiorno.

Non serve la prenotazione nelle Marche e in Sicilia

I turisti che soggiorneranno nelle Marche non dovranno prenotare la seconda dose di vaccino. Basterà, infatti, recarsi direttamente agli hub vaccinali ed esibire il certificato della prima dose con tutte le relative informazioni.

Lo stesso discorso vale per la Sicilia. Già a giugno, ai turisti è stato consentito di vaccinarsi presentandosi in tutti i centri vaccinali delle Isole.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Nuova variante sudafricana, Ricciardi: «Allarmarsi no, preoccuparsi sì»
L’Italia ha vietato l’ingresso da 8 Paesi. Il consulente del ministro Speranza: «Le esperienze del passato c’insegnano che queste misure, spesso, risultano tardive. La sudafricana potrebbe anche essersi già diffusa. Non sappiamo se questa variante provocherà danni alla copertura vaccinale, ma pare essere ancora più contagiosa della Delta»
di Isabella Faggiano
Report Iss, Rt a 1,23 e una Regione a rischio alto. Dal 1 dicembre terza dose per tutti gli over 18
Firmata la circolare per permettere la dose booster a tutti gli over 18 da inizio dicembre e prolungate le esenzioni per chi non può accedere alla vaccinazione. Intanto continuano ad alzarsi incidenza ed Rt e la maggior parte delle Regioni viaggia su rischio moderato
Green pass, Bartoletti (Fimmg): «Serve a tutelare salute dei non vaccinati»
«Mettere una persona non vaccinata a tavola con vaccinati la espone ad un rischio molto elevato di poter contrarre il Covid in forma anche grave. Essere chiari in questo senso, significa non limitare nessuno ma tutelare chi oggi il vaccino non ce l’ha non solo perché non lo vuole fare ma anche perché non lo può fare»
di Giulia Cavalcanti e Viviana Franzellitti
Gimbe: +27% di nuovi casi in una settimana, aumentano anche decessi e ospedalizzazioni
Secondo il presidente della Fondazione Cartabellotta: «Per contenere la quarta ondata nel nostro Paese sul fronte vaccini è indiscutibile la necessità di raggiungere il maggior numero possibile di persone non ancora vaccinate, e così come l’allentamento delle misure restrittive deve essere graduale, la loro re-introduzione deve essere tempestiva»
Sono un cittadino italiano vaccinato all’estero, come posso ottenere il Green pass?
Cosa fare per ottenere la certificazione verde? Quali vaccino somministrati all’estero sono validi anche in Italia? Le risposte del Governo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 novembre, sono 260.208.307 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.185.296 i decessi. Ad oggi, oltre 7,54 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano