Salute 22 Gennaio 2019

Vaccini, I Rapporto OSV. Il coordinatore: «Ogni Regione con sua strategia. Anagrafe vaccinale lontana da aspettative»

Presentato il report dell’Osservatorio Strategie Vaccinali che fa il punto sulla situazione della profilassi in Italia. «Il Piano nazionale vaccini ha appianato le disparità in termini di offerta sul territorio, ma a livello operativo le Regioni camminano su propri binari», così Michele Conversano, coordinatore dell’Osservatorio

Immagine articolo

Un’offerta vaccinale uniforme in tutto il Paese grazie al Piano nazionale per la profilassi, ma ancora una disparità organizzativa che frammenta il territorio. Questo l’elemento più evidente che emerge dal primo Rapporto annuale ‘Modelli organizzativi e strategie vaccinali regionali’ dell’Osservatorio Strategie Vaccinali presentato alla Biblioteca del Senato ‘Giovanni Spadolini’ a Roma. «Di assolutamente positivo c’è l’uniformità dell’offerta», sottolinea Michele Conversano, coordinatore dell’Osservatorio Strategie Vaccinali ai microfoni di Sanità Informazione.

«Per tanti anni – prosegue -, ci siamo portati dietro la zavorra di una distribuzione impari dell’offerta vaccinale che ha generato una situazione a macchia di leopardo. Regioni che offrivano più vaccini, Regioni meno: questo problema oramai è quasi inesistente, tuttavia ancora permangono differenze nelle strategie messe in atto dai singoli territori per poter dare piena attuazione al piano stesso».

LEGGI ANCHE: GRIGLIA LEA, 16 REGIONI PROMOSSE: PIEMONTE AL TOP, ARRETRA LA CALABRIA

I dati del rapporto sono stati elaborati sulla base di una specifica survey, condotta con due questionari distinti (uno per l’infanzia e età evolutiva, l’altro per l’adulto e l’anziano) indirizzata a tutti i direttori dei Dipartimenti di Prevenzione presenti sul territorio nazionale (circa 80). Friuli Venezia Giulia, per il Nord, Marche per il Centro, Puglia e Sicilia per il Sud, sono le regioni più virtuose rispetto all’offerta vaccinale non limitata ai Lea, ma ampliata con altre vaccinazioni. «Assegnare la palma del vincitore a qualche Regione è difficile perché catalogarle nettamente non è possibile – prosegue Conversano -. Infatti sottolineo che anche nelle zone risultate meno virtuose ci sono delle Asl efficientissime che ottengono ottimi riscontri, come invece in territori considerati tra i migliori in termini di risposta alla profilassi, alcune zone rimangono problematiche».

Secondo il Rapporto dell’Osservatorio, altro tallone d’Achille dell’Italia dei vaccini è «l’anagrafe vaccinale», sottolinea Conversano. Infatti si registra un’eccessiva frammentazione dei sistemi informativi, elemento preoccupante nell’ambito del percorso di realizzazione di un’anagrafe unica nazionale, prevista per il 2019 dal piano nazionale. «Questo strumento non ha ancora preso piede stabilmente – prosegue -, soprattutto per quel che riguarda i dati per adulto e anziano. Meglio va per l’anagrafe vaccinale della prima infanzia, presente in quasi tutte le Regioni, però ancora con delle carenze per quello che riguarda lo scambio di notizie tra pediatri e centri vaccinali, questi sono sicuramente i problemi più grossi».

LEGGI ANCHE: MENINGITE, PRIMI CASI DEL 2019. ANDREONI (TOR VERGATA E SIMIT): «PROFILASSI INDICATA PER BAMBINI E FASCE A RISCHIO. PER GLI ADULTI? DIPENDE…»

Per le vaccinazioni pediatriche quasi tutti i servizi considerati sono provvisti di anagrafe vaccinale informatizzata, che nel 54% dei casi copre l’intera regione. Sulle vaccinazioni dell’adulto/anziano la situazione peggiora sensibilmente: il 34% degli operatori lamenta la totale assenza di un’anagrafe vaccinale informatizzata per queste fasce d’età. Selezionando unicamente i territori in cui l’anagrafe vaccinale dell’adulto/anziano è disponibile, emerge che solo nel 14% dei casi i Medici di Medicina Generale (Mmg) vi hanno accesso. Uniformi le procedure adottate nei servizi vaccinali italiani rispetto alla scelta e all’approvvigionamento dei vaccini, con una centralizzazione delle procedure di acquisto nel 93-97% dei casi.

Articoli correlati
Simpef: «Sì alla vaccinazione antinfluenzale tra i 6 mesi e i 6 anni»
Il Sindacato medici pediatri di famiglia esprime piena identità di vedute con Ministero e Società italiana di pediatria: «È una nostra posizione storica»
Pediatri, Biasci (Fimp): «Chiediamo l’estensione del vaccino antinfluenzale ai bambini e di poter prescrivere i tamponi per Sars-Cov-2»
«Se rileviamo casi sospetti dobbiamo avere la certezza dell’effettuazione del tampone diagnostico. Senza una diagnosi precisa non potremo far tornare i bambini a scuola». E su Kawasaki: «Abbiamo raccolto un’anomala frequenza di manifestazioni cutanee simil geloni ma è ancora presto per correlazione con Covid-19». Così il presidente della Federazione italiana medici pediatri
Coronavirus, Scaccabarozzi: «Vaccini già in produzione, ci assumiamo il rischio»
Ecco come è andato il webinar “Nuovi modelli per la Governance delle cure” con Beatrice Lorenzin, Pier Carlo Padoan, Pierluigi Lopalco, Luca Pani, Giorgio Racagni e Paolo Siani
di Tommaso Caldarelli
Appello del Board del Calendario per la Vita: «Mantenere e incrementare coperture vaccinali per bambini e anziani»
«Evitiamo di aggiungere pandemie alla pandemia, aanche ri-organizzando i servizi di vaccinazione e rassicurando la popolazione»
Anziani e Coronavirus. Conversano (HappyAgeing): «Meno fragili con vaccino contro pneumococco, influenza e herpes zoster»
“L’Esperto risponde”, un servizio online gratuito curato da HappyAgeing, promuove l’invecchiamento attivo ai tempi del lockdown: «Mangiare in modo sano per non aggravare le patologie esistenti, praticare attività fisica in casa e chiacchierare tutti i giorni con i propri cari, anche se a distanza»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 maggio, sono 5.594.175 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 350.531 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 26 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...