Salute 15 Gennaio 2019

Meningite, primi casi del 2019. Andreoni (Tor Vergata e Simit): «Profilassi indicata per bambini e fasce a rischio. Per gli adulti? Dipende…»

Si riaccende l’attenzione sulla Toscana per un caso di meningococco B. Anche all’Aquila un ricovero. L’intervista a Massimo Andreoni, responsabile Malattie infettive di Tor Vergata e past president del SIMIT

Immagine articolo

È risultata affetta da meningococco B la giovane donna di Signa ricoverata d’urgenza domenica notte. I risultati della tipizzazione eseguita dai laboratori del Meyer sono stati diffusi dal Careggi, dove è ricoverata la paziente la cui prognosi resta riservata. «Il meningococco B – spiega l’ospedale – è diverso dal più aggressivo e quindi per il caso in questione, pur trattandosi di una meningite, si ha generalmente una prognosi migliore rispetto alla sepsi». Intanto sono scattate le procedure di profilassi per tutti coloro che hanno avuto contatti con la paziente e il centralino dell’ospedale sta registrando molte richieste d’informazioni da parte di cittadini allarmati. Per fare chiarezza su eventuali rischi Sanità Informazione ha intervistato Massimo Andreoni, responsabile dell’Unità Operativa Complessa di Malattie infettive del Policlinico Tor Vergata di Roma e past president della Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali (Simit).

Professore, si tratta del primo caso del 2019. C’è da preoccuparsi?

«In termini generali io non darei allarmismi. Il passato 2018 è stato un anno in cui i casi di meningite sono stati di più rispetto ad altri anni, ma comunque non superiori all’atteso. Importante è ricordare che i casi in Italia di meningite meningococcica stanno intorno ai 200, probabilmente il 2018 si chiude con un numero inferiore di casi, quindi stiamo parlando di una percentuale che rispetto alla numerosità della popolazione non dico sia eccezionale ma sicuramente rara. Un primo caso nel nuovo anno ovviamente merita attenzione, allerta, ma nulla di più. Certamente il fatto che si sia verificato in Toscana, regione sotto i riflettori visto che l’anno scorso gran parte dei casi si sono verificati proprio lì, fa porre qualche domanda in più, ma nulla di più di questo. In termini epidemiologici e di sicurezza non è un allarme. Nonostante tutte le azioni che sono state fatte, soprattutto nella regione Toscana, insieme a grandi campagne di vaccinazione di massa per categorie giovani ma non solo, ci possono essere ancora casi sporadici di meningococco, ma questo non deve sorprendere, perché voglio dire, l’idea che abbiamo sconfitto la meningite meningococcica è sbagliata perché di casi saltuari ce ne sono e continueranno ad essere».

LEGGI ANCHE: MALATTIE BATTERICHE INVASIVE: SINTOMI, DECORSO E TRATTAMENTI

Per quanto riguarda il vaccino, visto che la paziente in questione era coperta da profilassi, lei comunque lo consiglia?

«Esistono due tipi di vaccino: uno per il meningococco B e un vaccino per coprire il meningococco A, C, Y W135. La paziente sembrerebbe essere stata coperta per il ceppo C ed è stata colpita dal ceppo B. Sicuramente consiglierei il vaccino ma soprattutto per le classi a rischio, direi che in questo momento non c’è un suggerimento particolarmente spinto come nel caso di fatti epidemici. Infatti non c’è nessuna epidemia in corso, il vaccino per la meningite è sicuro ed efficace quindi certamente l’indicazione è vaccinare soprattutto i bambini ma anche le classi di età di giovani adulti (sotto i 20 anni), anche perché questa profilassi è prevista nel Piano nazionale vaccinale, quindi l’indicazione è estremamente chiara e forte».

Per gli adulti lei consiglia la profilassi?

«Il rischio per gli adulti è evidentemente ridotto ma tuttavia presente. Quindi di fronte ad una circolazione del batterio come si è verificata negli ultimi anni in Toscana, l’indicazione alla profilassi si è allargata anche a categorie di età leggermente più alte rispetto a quelle in cui si considera fortemente indicata. La decisione se vaccinarsi in età adulta io credo debba essere lasciato alla sensibilità del singolo ma sicuramente non estenderei le vaccinazioni come se si trattasse di un’epidemia, l’indicazione non è di correre ai ripari, ma di sottoporsi alla profilassi nel caso si rientri in fasce di popolazione a rischio seguendo le indicazioni riportate dal Piano nazionale vaccini».

Articoli correlati
Codici: «Ricorso al Tar contro l’obbligo del vaccino antinfluenzale per tutelare anche il personale sanitario»
 «Si allarga la campagna di adesione al ricorso presentato dall’associazione Codici contro l’ordinanza con cui la Regione Lazio ha disposto l’obbligo del vaccino antinfluenzale per gli over 65 ed il personale sanitario. Non solo i cittadini, anche gli operatori stanno dimostrando interesse nei confronti dell’azione legale che il 9 giugno sarà discussa nella prima udienza […]
Studio su Science: «Macachi guariti dal Covid-19 non si riammalano»
Per il prof. Dan H. Barouch, direttore del centro di virologia dell'Beth Israel Deaconess Medical Center, è un buon segno: «Nostre ricerche consolidano ottimismo»
Prepararsi al futuro, gli esperti ragionano sulle prossime mosse e delineano quanto sappiamo del Covid-19
Ilaria Capua: «Il virus è di origine animale, se qualcuno ci ha giocato lo sapremo dalle sequenze». Rino Rappuoli: «Vaccino in massimo 18 mesi». Alberto Mantovani: «Avere anticorpi non significa che non ci si ammalerà»
di Gloria Frezza
«Finalmente la rivincita della scienza». Intervista a Massimo Andreoni, autore del libro anti-fake news “Covid-19 Il Virus della Paura”
Il direttore della UOC Malattie infettive del Policlinico Tor Vergata di Roma: «Con questo e-book rimettiamo al centro le conoscenze che abbiamo, perché la popolazione, comprensibilmente stanca, sta tornando a credere a ciò che desidera e a non ascoltare ciò che è vero». E sulla Fase 2: «È un piccolo passo, ma conviene procedere con cautela»
Cisl medici Lazio: «Grazie a D’Amato per i test ai sanitari. Ora tavolo di confronto sulla vaccinazione antinfluenzale»
«La Cisl Medici evidenzia con piacere che in queste ore si è allargata la platea di quanti stanno chiedendo alla Regione Lazio di ricomprendere tutti i profili che operano nelle strutture di intervento diretto che in quelle di supporto nell’emolumento che intende valorizzare l’attività eccezionale resa per garantire a tutta la comunità la necessaria assistenza […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 maggio, sono 5.106.155 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 332.978 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 22 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...