Salute 15 Gennaio 2019

Meningite, primi casi del 2019. Andreoni (Tor Vergata e Simit): «Profilassi indicata per bambini e fasce a rischio. Per gli adulti? Dipende…»

Si riaccende l’attenzione sulla Toscana per un caso di meningococco B. Anche all’Aquila un ricovero. L’intervista a Massimo Andreoni, responsabile Malattie infettive di Tor Vergata e past president del SIMIT

Immagine articolo

È risultata affetta da meningococco B la giovane donna di Signa ricoverata d’urgenza domenica notte. I risultati della tipizzazione eseguita dai laboratori del Meyer sono stati diffusi dal Careggi, dove è ricoverata la paziente la cui prognosi resta riservata. «Il meningococco B – spiega l’ospedale – è diverso dal più aggressivo e quindi per il caso in questione, pur trattandosi di una meningite, si ha generalmente una prognosi migliore rispetto alla sepsi». Intanto sono scattate le procedure di profilassi per tutti coloro che hanno avuto contatti con la paziente e il centralino dell’ospedale sta registrando molte richieste d’informazioni da parte di cittadini allarmati. Per fare chiarezza su eventuali rischi Sanità Informazione ha intervistato Massimo Andreoni, responsabile dell’Unità Operativa Complessa di Malattie infettive del Policlinico Tor Vergata di Roma e past president della Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali (Simit).

Professore, si tratta del primo caso del 2019. C’è da preoccuparsi?

«In termini generali io non darei allarmismi. Il passato 2018 è stato un anno in cui i casi di meningite sono stati di più rispetto ad altri anni, ma comunque non superiori all’atteso. Importante è ricordare che i casi in Italia di meningite meningococcica stanno intorno ai 200, probabilmente il 2018 si chiude con un numero inferiore di casi, quindi stiamo parlando di una percentuale che rispetto alla numerosità della popolazione non dico sia eccezionale ma sicuramente rara. Un primo caso nel nuovo anno ovviamente merita attenzione, allerta, ma nulla di più. Certamente il fatto che si sia verificato in Toscana, regione sotto i riflettori visto che l’anno scorso gran parte dei casi si sono verificati proprio lì, fa porre qualche domanda in più, ma nulla di più di questo. In termini epidemiologici e di sicurezza non è un allarme. Nonostante tutte le azioni che sono state fatte, soprattutto nella regione Toscana, insieme a grandi campagne di vaccinazione di massa per categorie giovani ma non solo, ci possono essere ancora casi sporadici di meningococco, ma questo non deve sorprendere, perché voglio dire, l’idea che abbiamo sconfitto la meningite meningococcica è sbagliata perché di casi saltuari ce ne sono e continueranno ad essere».

LEGGI ANCHE: MALATTIE BATTERICHE INVASIVE: SINTOMI, DECORSO E TRATTAMENTI

Per quanto riguarda il vaccino, visto che la paziente in questione era coperta da profilassi, lei comunque lo consiglia?

«Esistono due tipi di vaccino: uno per il meningococco B e un vaccino per coprire il meningococco A, C, Y W135. La paziente sembrerebbe essere stata coperta per il ceppo C ed è stata colpita dal ceppo B. Sicuramente consiglierei il vaccino ma soprattutto per le classi a rischio, direi che in questo momento non c’è un suggerimento particolarmente spinto come nel caso di fatti epidemici. Infatti non c’è nessuna epidemia in corso, il vaccino per la meningite è sicuro ed efficace quindi certamente l’indicazione è vaccinare soprattutto i bambini ma anche le classi di età di giovani adulti (sotto i 20 anni), anche perché questa profilassi è prevista nel Piano nazionale vaccinale, quindi l’indicazione è estremamente chiara e forte».

Per gli adulti lei consiglia la profilassi?

«Il rischio per gli adulti è evidentemente ridotto ma tuttavia presente. Quindi di fronte ad una circolazione del batterio come si è verificata negli ultimi anni in Toscana, l’indicazione alla profilassi si è allargata anche a categorie di età leggermente più alte rispetto a quelle in cui si considera fortemente indicata. La decisione se vaccinarsi in età adulta io credo debba essere lasciato alla sensibilità del singolo ma sicuramente non estenderei le vaccinazioni come se si trattasse di un’epidemia, l’indicazione non è di correre ai ripari, ma di sottoporsi alla profilassi nel caso si rientri in fasce di popolazione a rischio seguendo le indicazioni riportate dal Piano nazionale vaccini».

Articoli correlati
Epidemia morbillo a New York, parla il direttore dell’Istituto USA malattie infettive: «No ad esenzione vaccini per ragioni ‘filosofiche’»
ESCLUSIVA | Le interviste di Sanità Informazione al NYC Department of Health e al direttore del National Institute for Allergy and Infectious Diseases Anthony Fauci, che dichiara: «Il morbillo è una malattia molto pericolosa. Prima del vaccino causava la morte di 2-3 milioni di persone l’anno in tutto il mondo. Le autorità devono far capire meglio alla popolazione che i vaccini sono sicuri ed efficaci in modo che si sottoponga volontariamente alla profilassi»
L’ultimo articolo di Fernando Aiuti: «Vi spiego perché i vaccini sono sicuri. Senza di loro non avremmo mai sconfitto molte malattie infettive»
Ecco l’ultimo scritto dell’immunologo di fama mondiale pubblicato sull’Italian Journal of Prevention, Diagnostic and Therapeutic Medicine: «Il problema fondamentale è sostenere che il rischio beneficio è centinaia di volte a favore dei vaccini rispetto alla malattia. Inoltre è essenziale indicare alla popolazione le evidenze scientifiche»
di Fernando Aiuti
Salute, D’Amato (Regione Lazio): «Va garantito accesso scolastico a bambino immunodepresso»
«La Regione Lazio ha chiesto alla Asl Roma 2 di attivarsi presso la dirigenza scolastica dell’istituto di via Bobbio a Roma per verificare le condizioni di accesso a scuola in piena sicurezza per il bambino immunodepresso». Lo ha dichiarato in una nota l’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato in merito alla […]
In Italia sempre meno chirurghi, Schillaci (Tor Vergata): «Necessario ricreare rapporto di fiducia tra medico e paziente»
Il Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia all’Università Tor Vergata di Roma spiega ai nostri microfoni cosa bisogna fare per superare la “crisi di vocazione” in atto in Italia
Le nuove frontiere del tecnico di laboratorio. Alessia Cabrini (ANTEL): «Con biologia molecolare risposte rapide per terapia mirata. Formazione fondamentale»
A Tor Vergata convegno sulle novità professionali promosso dall’ANTEL, l’Associazione Nazionale Tecnici di laboratorio biomedico. Tra gli ospiti il Preside della Facoltà di Medicina Orazio Schillaci e il presidente SIBIOC Sergio Bernardini. Il vicepresidente ANTEL Paolo Casalino: «Ordine TSRM e PSTRP importante sia per il riconoscimento della nostra professione che per la lotta all’abusivismo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Salute

Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»

Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la m...