Salute 15 Gennaio 2019 12:10

Meningite, primi casi del 2019. Andreoni (Tor Vergata e Simit): «Profilassi indicata per bambini e fasce a rischio. Per gli adulti? Dipende…»

Si riaccende l’attenzione sulla Toscana per un caso di meningococco B. Anche all’Aquila un ricovero. L’intervista a Massimo Andreoni, responsabile Malattie infettive di Tor Vergata e past president del SIMIT

Meningite, primi casi del 2019. Andreoni (Tor Vergata e Simit): «Profilassi indicata per bambini e fasce a rischio. Per gli adulti? Dipende…»

È risultata affetta da meningococco B la giovane donna di Signa ricoverata d’urgenza domenica notte. I risultati della tipizzazione eseguita dai laboratori del Meyer sono stati diffusi dal Careggi, dove è ricoverata la paziente la cui prognosi resta riservata. «Il meningococco B – spiega l’ospedale – è diverso dal più aggressivo e quindi per il caso in questione, pur trattandosi di una meningite, si ha generalmente una prognosi migliore rispetto alla sepsi». Intanto sono scattate le procedure di profilassi per tutti coloro che hanno avuto contatti con la paziente e il centralino dell’ospedale sta registrando molte richieste d’informazioni da parte di cittadini allarmati. Per fare chiarezza su eventuali rischi Sanità Informazione ha intervistato Massimo Andreoni, responsabile dell’Unità Operativa Complessa di Malattie infettive del Policlinico Tor Vergata di Roma e past president della Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali (Simit).

Professore, si tratta del primo caso del 2019. C’è da preoccuparsi?

«In termini generali io non darei allarmismi. Il passato 2018 è stato un anno in cui i casi di meningite sono stati di più rispetto ad altri anni, ma comunque non superiori all’atteso. Importante è ricordare che i casi in Italia di meningite meningococcica stanno intorno ai 200, probabilmente il 2018 si chiude con un numero inferiore di casi, quindi stiamo parlando di una percentuale che rispetto alla numerosità della popolazione non dico sia eccezionale ma sicuramente rara. Un primo caso nel nuovo anno ovviamente merita attenzione, allerta, ma nulla di più. Certamente il fatto che si sia verificato in Toscana, regione sotto i riflettori visto che l’anno scorso gran parte dei casi si sono verificati proprio lì, fa porre qualche domanda in più, ma nulla di più di questo. In termini epidemiologici e di sicurezza non è un allarme. Nonostante tutte le azioni che sono state fatte, soprattutto nella regione Toscana, insieme a grandi campagne di vaccinazione di massa per categorie giovani ma non solo, ci possono essere ancora casi sporadici di meningococco, ma questo non deve sorprendere, perché voglio dire, l’idea che abbiamo sconfitto la meningite meningococcica è sbagliata perché di casi saltuari ce ne sono e continueranno ad essere».

LEGGI ANCHE: MALATTIE BATTERICHE INVASIVE: SINTOMI, DECORSO E TRATTAMENTI

Per quanto riguarda il vaccino, visto che la paziente in questione era coperta da profilassi, lei comunque lo consiglia?

«Esistono due tipi di vaccino: uno per il meningococco B e un vaccino per coprire il meningococco A, C, Y W135. La paziente sembrerebbe essere stata coperta per il ceppo C ed è stata colpita dal ceppo B. Sicuramente consiglierei il vaccino ma soprattutto per le classi a rischio, direi che in questo momento non c’è un suggerimento particolarmente spinto come nel caso di fatti epidemici. Infatti non c’è nessuna epidemia in corso, il vaccino per la meningite è sicuro ed efficace quindi certamente l’indicazione è vaccinare soprattutto i bambini ma anche le classi di età di giovani adulti (sotto i 20 anni), anche perché questa profilassi è prevista nel Piano nazionale vaccinale, quindi l’indicazione è estremamente chiara e forte».

Per gli adulti lei consiglia la profilassi?

«Il rischio per gli adulti è evidentemente ridotto ma tuttavia presente. Quindi di fronte ad una circolazione del batterio come si è verificata negli ultimi anni in Toscana, l’indicazione alla profilassi si è allargata anche a categorie di età leggermente più alte rispetto a quelle in cui si considera fortemente indicata. La decisione se vaccinarsi in età adulta io credo debba essere lasciato alla sensibilità del singolo ma sicuramente non estenderei le vaccinazioni come se si trattasse di un’epidemia, l’indicazione non è di correre ai ripari, ma di sottoporsi alla profilassi nel caso si rientri in fasce di popolazione a rischio seguendo le indicazioni riportate dal Piano nazionale vaccini».

Articoli correlati
Vaiolo delle scimmie, perché colpisce di più gli uomini omosessuali e bisessuali?
Gli uomini giovani che hanno rapporti sessuali con altri uomini potrebbero essere più a rischio perché il vaiolo delle scimmie si trasmette più facilmente tramite i rapporti anali
Vaiolo delle scimmie, primo caso in Italia. L’Iss istituisce una task force
In Italia è stato registrato il primo caso di vaiolo delle scimmie. Ci sono altri due casi sospetti. L'Iss ha istituito un nuova task force
Epatiti misteriose nei bambini, smentito legame con vaccino anti-Covid
L'Iss smentisce l'ipotesi di un legame tra le epatiti misteriose nei bambini e il vaccino anti-Covid
Quarta dose? Abrignani: «Sì per over 80, in autunno possibile vaccino contro varianti e influenza»
Per l’immunologo dell’Istituto di Genetica Molecolare “Romeo ed Enrica Invernizzi” dell’Università Statale di Milano meglio non rinunciare alle mascherine nei luoghi chiusi in attesa di avere un possibile vaccino in grado di neutralizzare efficacemente Omicron
Donna si ammala di Covid-19 due volte in 20 giorni, è record
In Spagna è stato documentato il caso di una donna che ha contratto Covid-19 due volte in 20 giorni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 maggio, sono 524.050.910 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.273.518 i decessi. Ad oggi, oltre 11,43 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...