Salute 29 Gennaio 2021 12:03

Vaccini agli over 80, Conversano (HappyAgeing): «Adesione sarà altissima. È una generazione che ha fiducia nella scienza»

«Immunizzare contestualmente anche i caregiver. Eventuali effetti collaterali pericolosi per gli anziani? Mai paragonabili al rischio di complicanze dovute al Covid-19»

Vaccini agli over 80, Conversano (HappyAgeing): «Adesione sarà altissima. È una generazione che ha fiducia nella scienza»

Sono la fascia di popolazione che ha pagato il prezzo più alto, in termini di vite, dall’inizio della pandemia. Ormai un anno fa. Erano genitori, nonni, bisnonni, erano la memoria storica di intere comunità, che il virus ha spazzato via. Oggi, gli over 80 sono ancora la categoria più a rischio di contrarre l’infezione da Covid-19, di sviluppare una forma severa di malattia tale da richiedere l’ospedalizzazione, spesso in terapia intensiva, e complicanze che possono avere esito fatale. Ecco perché, subito dopo il personale sanitario, i prossimi a venire sottoposti al vaccino anti-Covid saranno loro, gli ultraottantenni. Insieme al Michele Conversano, presidente di HappyAgeing, l’Alleanza Italiana per l’Invecchiamento Attivo, abbiamo approfondito il tema.

A breve, al netto dei ritardi nelle forniture delle dosi, si inizieranno a vaccinare i “nostri” anziani. Su di loro gli eventuali effetti collaterali del vaccino potrebbero manifestarsi in forma più severa?

«Sicuramente qualsiasi effetto collaterale derivato dalla vaccinazione non sarà mai paragonabile al rischio di complicanze dovute alla malattia. Il rapporto rischi-benefici, in sintesi, è assolutamente a favore del vaccino. Le eventuali controindicazioni sono le stesse di tutti gli altri soggetti, cioè le forme allergiche gravi, su cui bisogna fare molta attenzione. Anche le reazioni che possono manifestarsi nei soggetti anziani sono le stesse che si presentano nelle altre fasce di popolazione, di entità minima: fastidio al braccio nella sede della puntura e febbricola le più comuni, che si presentano comunque in una percentuale ridotta di casi».

Quale sarà secondo lei il livello di adesione a questa campagna vaccinale negli ultraottantenni? C’è fiducia o timore, o addirittura qualche fronda no-vax?

«Il livello di adesione e di fiducia è altissimo. In primis perché si tratta di una generazione che ha vissuto sulla propria pelle l’impatto devastante delle malattie infettive prima e il potere “salvifico” delle prime vaccinazioni di massa poi. È una generazione, insomma, che ha fiducia nella scienza e nella ricerca. E questo lo dimostra anche la forte adesione, ogni anno, alle campagne vaccinali antinfluenzali. Dobbiamo poi ricordare che la pandemia ha avuto anche un effetto negativo sulla presa in carico di altre patologie, spesso croniche, legate alla terza età. Una volta che gli ultraottantenni saranno immunizzati, potremo tornare a trattare a regime tutte queste patologie».

Parliamo di organizzazione. Come si strutturerà la campagna vaccinale?

«Completare prioritariamente le vaccinazioni nelle residenze per anziani è stato, giustamente, un punto fermo fondamentale. La fase 1 ci ha drammaticamente insegnato che questi sono luoghi dove al rischio delle comorbidità si associa il rischio dovuto alla vita in comunità: situazioni dove il contagio ha vita facile e si innesta su quadri clinici già complessi. Fuori dalle RSA abbiamo poi due categorie di “grandi anziani”: quelli perfettamente autonomi, che potranno effettuare il vaccino negli ambulatori, e quelli non autosufficienti o allettati affiancati da un caregiver. Lì la questione sarà più complessa, anche perché il personale dovrà attendere al domicilio il tempo di osservazione necessario ad evitare reazioni allergiche o, se queste dovessero verificarsi, intervenire. La scarsa maneggevolezza dei vaccini attuali, soprattutto Pfizer, non ci aiuta. Speriamo in quello Astrazeneca, di più facile gestione, ma ancora in fase di studio per quanto riguarda l’efficacia sui pazienti anziani. Quel che è certo è che sarebbe opportuno, in questi casi, vaccinare contestualmente l’anziano e il suo caregiver».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
La saga di AstraZeneca: come una comunicazione sbagliata può ostacolare un ottimo vaccino
Il vaccino Vaxzevria, meglio noto come AstraZeneca, presenta un ottimo profilo di efficacia e sicurezza nonostante una percezione negativa che gran parte del pubblico ha sviluppato, principalmente causata da errori di comunicazione e di comportamento da parte del produttore
di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi
Draghi: «Assurdo vaccinare uno psicologo di 35 anni». La risposta degli psicologi: «È stato il Governo a sancire l’obbligo per tutti i sanitari»
Lazzari (CNOP): «Siamo increduli. Quando il vaccino era volontario circa la metà degli psicologi vi aveva rinunciato, mostrando un grande senso di responsabilità. Si tratta di professionisti che onestamente avevano ritenuto che le proprie condizioni di lavoro (a distanza) non potessero mettere a rischio lo stato di salute dei propri pazienti»
di Isabella Faggiano
Vaccino AstraZeneca raccomandato agli over 60: la circolare del Ministero della Salute
Locatelli (CSS): «Trombosi superiori all’aspettato fino ai 60 anni ma inferiori all’atteso negli over 60. Obiettivo è mettere in sicurezza le popolazioni con la letalità più alta»
“No profit on pandemic”, al via la raccolta firme europea contro i brevetti dei vaccini anti-Covid
Cimino (Medicina democratica): «Solo la diffusione su scala globale dei vaccini può fermare l’emergenza Covid. La pandemia non è il momento per il segreto industriale. L’Italia punta alla raccolta di 180 mila firme»
di Isabella Faggiano
Ostetriche, oltre 20mila professioniste pronte a sostenere la campagna vaccini anti-Covid
La presidente Vicario: «Già nel Regio Decreto, nei primi decenni del ‘900, promuovevamo la diffusione delle vaccinazioni disponibili in qualità di ostetriche condotte. Oggi, sosteniamo la prevenzione di malattie come l’Hpv o le patologie che si possono contrarre in gravidanza»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 aprile, sono 136.063.656 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.937.096 i decessi. Ad oggi, oltre 773,55 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...