Salute 30 Settembre 2020

Anziani e vaccini, Conversano (HappyAgeing): «Antinfluenzale fondamentale per diagnosi differenziale di covid-19»

Domani l’”Assise nazionale sull’immunizzazione dell’adulto e dell’anziano” alla presenza di rappresentanti istituzionali regionali e nazionali e sindacati. Nell’occasione verrà presentato il position paper di HappyAgeing con le richieste alle istituzioni in questo delicato momento storico

Immagine articolo

Con l’invecchiamento il sistema immunitario si indebolisce: gli over 60 e 65 e gli anziani sono certamente più vulnerabili a virus e batteri. È questo il motivo per cui alcune vaccinazioni sono fortemente consigliate agli adulti e agli anziani, per proteggerli da malattie anche gravi come influenza, infezioni pneumococciche, pertosse ed herpes zoster e dalle loro complicanze. E mai come quest’anno la vaccinazione contro l’influenza è di fondamentale importanza per evitare che le infezioni si sovrappongano a quelle da coronavirus.

I VACCINI RACCOMANDATI IN ETÀ ADULTA: INFLUENZA, HERPES ZOSTER, MALATTIE PNEUMOCOCCICHE E PERTOSSE

Di recente, una riunione del direttivo di HappyAgeing, l’Alleanza italiana per l’invecchiamento attivo – composta da una forte componente scientifica e un’importante rappresentanza sociale – è stata l’occasione per effettuare le principali vaccinazioni ai membri dell’organizzazione. Michele Conversano (presidente CTS HappyAgeing) si è vaccinato e ha poi vaccinato i suoi colleghi, in estrema sicurezza: «Ho colto l’occasione per dare il buon esempio ai rappresentanti dell’alleanza – ha spiegato ai microfoni di Sanità Informazione – ho fatto il vaccino contro il fuoco di Sant’Antonio, l’Herpes zoster perché mi protegge da una malattia che alla mia età può dare problemi seri. Sopra ai 60-65 inizia quel fenomeno dell’immunosenescenza – ha sottolineato Conversano – dell’invecchiamento del nostro sistema immunitario. Abbiamo bisogno di proteggerci verso quelle malattie che danno più complicazioni in età adulta e anziana e sono:

  • l’antinfluenzale, che si fa ogni anno perché i ceppi possono variare;
  • l’antipneumococcica che protegge dalla polmonite da pneumococco;
  • la vaccinazione contro l’herpes zooster, che ha un’alta frequenza proprio nella popolazione a partire dai 50 anni con picchi dopo i 65 -70 anni».

PERCHÉ QUEST’ANNO È ANCORA PIÙ IMPORTANTE IL VACCINO CONTRO L’INFLUENZA?

«È importante farlo – ha proseguito il presidente Conversano – non solo per proteggerci dalle pericolose complicanze dell’influenza ma perché, dati i contagi di Coronavirus, dobbiamo ridurre la possibilità di ammalarsi di entrambe le malattie. Quest’anno è fondamentale per la diagnosi differenziale: la persona vaccinata contro l’influenza se dovesse avere sintomi durante la stagione invernale – tosse, febbre, cefalea – porterebbe i medici sanitari a essere indirizzati direttamente verso il covid-19».

ANZIANI, VACCINI E INVECCHIAMENTO ATTIVO

La vaccinazione nella popolazione anziana non è solo uno strumento di prevenzione ma fa parte anche delle strategie di sano invecchiamento. I vaccini contribuiscono ad aumentare la qualità e le aspettative di vita. È questo il pensiero di Antonio De Rinaldis, Segretario nazionale UIL pensionati: «Quest’anno la vaccinazione antinfluenzale è raccomandata per difenderci dall’emergenza sanitaria che ci ha preso alla provvista – l’obiettivo è isolare eventuali sintomatologie che possono essere riconducibili al Covid-19. Ma è anche un modo per restare in buona salute nell’ambito dell’invecchiamento attivo, la capacità di invecchiare mantenendo una buona qualità della vita, con attività all’aria aperta e curando i legami affettivi e familiari».

GLI ANZIANI E IL VACCINO PER L’INFLUENZA

Raggiungere coperture vaccinali elevate è l’obiettivo della campagna antinfluenzale di quest’anno. Di questo si parlerà domani nel corso dell’ “Assise nazionale sull’immunizzazione dell’adulto e dell’anziano”, quando verrà presentato il position paper di HappyAgeing con le richieste alle istituzioni in questo delicato momento storico. «Io credo che sia importante da parte di tutti e a tutte le età rispettare le indicazioni da parte delle autorità sanitarie – ha aggiunto il segretario nazionale Cisl pensionati Mimmo di Matteo. Della stessa opinione Patrizia Maestri (Spi Filt Cgil nazionale): «Con i vaccini ci si salva la vita: io sono un over 65 e credo che sia un dovere di tutti noi proteggerci. Il compito del sindacato è dare informazioni il più possibile complete affinché le persone anziane, e non solo, si vaccinino».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, Magrini (Aifa): «Primi dati sui vaccini all’inizio del prossimo anno»
Il direttore Generale dell’Agenzia italiana del Farmaco ha fatto il punto su farmaci e vaccini in corso di valutazione e sugli attuali standard terapeutici per il COVID-19
In Campania è corsa al vaccino antinfluenzale. Fimmg Napoli: «Finite le prime 400mila dosi»
Sparano e Calamaro: «Questa situazione rischia di diventare esplosiva. Sta creando una conflittualità tra medici di famiglia e pazienti che si sentono abbandonati»
FederAnziani: «8 contagi su 10 in famiglia. Indossare la mascherina per evitare strage dei nonni»
«Non uscire se non è strettamente necessario, fare attenzione ai contatti con i figli e i nipoti». E ai giovani: «Proteggete i vostri nonni, stategli vicini più che potete ma a distanza, fate la spesa per conto loro»
“Anziani, diritti e tutela senza età”, in un libro le sfide degli over 65 ai tempi della pandemia
A cura di Laila Perciballi, avvocato e referente della FNO TSRM e PSTRP, l’instant book «vuole proporre un nuovo modello di assistenza sanitaria e sociale che aiuti gli anziani a vivere nelle loro case, nel loro habitat, nel tessuto famigliare e sociale». Tra gli autori Anna Melillo, Maria Pia Gallo e Massimo Tosini
La Fimp replica a D’Amato: «Nel Lazio i Pediatri sono 757 e non 1100»
«Le critiche rivolte al nostro operato ci amareggiano, ma non ci abbattono perché il nostro ruolo e il nostro compito principale rimane quello di tutelare la salute dei bambini e di sostenere le famiglie» così il Segretario della F.I.M.P Teresa Rongai
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 ottobre, sono 43.979.777 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.167.124 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 28 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...