Salute 30 Settembre 2020 17:35

Anziani e vaccini, Conversano (HappyAgeing): «Antinfluenzale fondamentale per diagnosi differenziale di covid-19»

Domani l’”Assise nazionale sull’immunizzazione dell’adulto e dell’anziano” alla presenza di rappresentanti istituzionali regionali e nazionali e sindacati. Nell’occasione verrà presentato il position paper di HappyAgeing con le richieste alle istituzioni in questo delicato momento storico

Anziani e vaccini, Conversano (HappyAgeing): «Antinfluenzale fondamentale per diagnosi differenziale di covid-19»

Con l’invecchiamento il sistema immunitario si indebolisce: gli over 60 e 65 e gli anziani sono certamente più vulnerabili a virus e batteri. È questo il motivo per cui alcune vaccinazioni sono fortemente consigliate agli adulti e agli anziani, per proteggerli da malattie anche gravi come influenza, infezioni pneumococciche, pertosse ed herpes zoster e dalle loro complicanze. E mai come quest’anno la vaccinazione contro l’influenza è di fondamentale importanza per evitare che le infezioni si sovrappongano a quelle da coronavirus.

I VACCINI RACCOMANDATI IN ETÀ ADULTA: INFLUENZA, HERPES ZOSTER, MALATTIE PNEUMOCOCCICHE E PERTOSSE

Di recente, una riunione del direttivo di HappyAgeing, l’Alleanza italiana per l’invecchiamento attivo – composta da una forte componente scientifica e un’importante rappresentanza sociale – è stata l’occasione per effettuare le principali vaccinazioni ai membri dell’organizzazione. Michele Conversano (presidente CTS HappyAgeing) si è vaccinato e ha poi vaccinato i suoi colleghi, in estrema sicurezza: «Ho colto l’occasione per dare il buon esempio ai rappresentanti dell’alleanza – ha spiegato ai microfoni di Sanità Informazione – ho fatto il vaccino contro il fuoco di Sant’Antonio, l’Herpes zoster perché mi protegge da una malattia che alla mia età può dare problemi seri. Sopra ai 60-65 inizia quel fenomeno dell’immunosenescenza – ha sottolineato Conversano – dell’invecchiamento del nostro sistema immunitario. Abbiamo bisogno di proteggerci verso quelle malattie che danno più complicazioni in età adulta e anziana e sono:

  • l’antinfluenzale, che si fa ogni anno perché i ceppi possono variare;
  • l’antipneumococcica che protegge dalla polmonite da pneumococco;
  • la vaccinazione contro l’herpes zooster, che ha un’alta frequenza proprio nella popolazione a partire dai 50 anni con picchi dopo i 65 -70 anni».

PERCHÉ QUEST’ANNO È ANCORA PIÙ IMPORTANTE IL VACCINO CONTRO L’INFLUENZA?

«È importante farlo – ha proseguito il presidente Conversano – non solo per proteggerci dalle pericolose complicanze dell’influenza ma perché, dati i contagi di Coronavirus, dobbiamo ridurre la possibilità di ammalarsi di entrambe le malattie. Quest’anno è fondamentale per la diagnosi differenziale: la persona vaccinata contro l’influenza se dovesse avere sintomi durante la stagione invernale – tosse, febbre, cefalea – porterebbe i medici sanitari a essere indirizzati direttamente verso il covid-19».

ANZIANI, VACCINI E INVECCHIAMENTO ATTIVO

La vaccinazione nella popolazione anziana non è solo uno strumento di prevenzione ma fa parte anche delle strategie di sano invecchiamento. I vaccini contribuiscono ad aumentare la qualità e le aspettative di vita. È questo il pensiero di Antonio De Rinaldis, Segretario nazionale UIL pensionati: «Quest’anno la vaccinazione antinfluenzale è raccomandata per difenderci dall’emergenza sanitaria che ci ha preso alla provvista – l’obiettivo è isolare eventuali sintomatologie che possono essere riconducibili al Covid-19. Ma è anche un modo per restare in buona salute nell’ambito dell’invecchiamento attivo, la capacità di invecchiare mantenendo una buona qualità della vita, con attività all’aria aperta e curando i legami affettivi e familiari».

GLI ANZIANI E IL VACCINO PER L’INFLUENZA

Raggiungere coperture vaccinali elevate è l’obiettivo della campagna antinfluenzale di quest’anno. Di questo si parlerà domani nel corso dell’ “Assise nazionale sull’immunizzazione dell’adulto e dell’anziano”, quando verrà presentato il position paper di HappyAgeing con le richieste alle istituzioni in questo delicato momento storico. «Io credo che sia importante da parte di tutti e a tutte le età rispettare le indicazioni da parte delle autorità sanitarie – ha aggiunto il segretario nazionale Cisl pensionati Mimmo di Matteo. Della stessa opinione Patrizia Maestri (Spi Filt Cgil nazionale): «Con i vaccini ci si salva la vita: io sono un over 65 e credo che sia un dovere di tutti noi proteggerci. Il compito del sindacato è dare informazioni il più possibile complete affinché le persone anziane, e non solo, si vaccinino».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Non solo Covid. Guido Rasi invita a recuperare le vaccinazioni “in sospeso”
Nel nuovo ebook del direttore Consulcesi, non solo un dettagliato elenco delle vaccinazioni oggi disponibili, ma anche consigli utili agli operatori sanitari per convincere quel 15% della popolazione italiana “esitante”
Covid, si inverte la curva dei contagi: +11,3% di casi negli ultimi 7 giorni
Continua la discesa di ricoveri e decessi. Il nuovo monitoraggio GIMBE relativo alla settimana 14-20 settembre
Il Calendario dei vaccini per la vita, a Firenze l’evento Simedet: «Sviluppare programmi di formazione ed informazione»
L'evento il 27 settembre a Firenze, a cura dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi e della Simedet, Società italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica
Via alle prenotazioni per i vaccini aggiornati, ora cosa bisogna fare?
I nuovi vaccini si possono prenotare sui siti regionali già utilizzati per le dosi precedenti. Priorità alle persone over 60, fragili e operatori sanitari
Regina Elisabetta morta a 96 anni: «Esempio di longevità sana»
Ben 96 anni di vita attiva e 70 anni di regno: la Regina Elisabetta II lascia in eredità un esempio di longevità, lucidità e resilienza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi