Salute 30 Settembre 2020 17:35

Anziani e vaccini, Conversano (HappyAgeing): «Antinfluenzale fondamentale per diagnosi differenziale di covid-19»

Domani l’”Assise nazionale sull’immunizzazione dell’adulto e dell’anziano” alla presenza di rappresentanti istituzionali regionali e nazionali e sindacati. Nell’occasione verrà presentato il position paper di HappyAgeing con le richieste alle istituzioni in questo delicato momento storico

Anziani e vaccini, Conversano (HappyAgeing): «Antinfluenzale fondamentale per diagnosi differenziale di covid-19»

Con l’invecchiamento il sistema immunitario si indebolisce: gli over 60 e 65 e gli anziani sono certamente più vulnerabili a virus e batteri. È questo il motivo per cui alcune vaccinazioni sono fortemente consigliate agli adulti e agli anziani, per proteggerli da malattie anche gravi come influenza, infezioni pneumococciche, pertosse ed herpes zoster e dalle loro complicanze. E mai come quest’anno la vaccinazione contro l’influenza è di fondamentale importanza per evitare che le infezioni si sovrappongano a quelle da coronavirus.

I VACCINI RACCOMANDATI IN ETÀ ADULTA: INFLUENZA, HERPES ZOSTER, MALATTIE PNEUMOCOCCICHE E PERTOSSE

Di recente, una riunione del direttivo di HappyAgeing, l’Alleanza italiana per l’invecchiamento attivo – composta da una forte componente scientifica e un’importante rappresentanza sociale – è stata l’occasione per effettuare le principali vaccinazioni ai membri dell’organizzazione. Michele Conversano (presidente CTS HappyAgeing) si è vaccinato e ha poi vaccinato i suoi colleghi, in estrema sicurezza: «Ho colto l’occasione per dare il buon esempio ai rappresentanti dell’alleanza – ha spiegato ai microfoni di Sanità Informazione – ho fatto il vaccino contro il fuoco di Sant’Antonio, l’Herpes zoster perché mi protegge da una malattia che alla mia età può dare problemi seri. Sopra ai 60-65 inizia quel fenomeno dell’immunosenescenza – ha sottolineato Conversano – dell’invecchiamento del nostro sistema immunitario. Abbiamo bisogno di proteggerci verso quelle malattie che danno più complicazioni in età adulta e anziana e sono:

  • l’antinfluenzale, che si fa ogni anno perché i ceppi possono variare;
  • l’antipneumococcica che protegge dalla polmonite da pneumococco;
  • la vaccinazione contro l’herpes zooster, che ha un’alta frequenza proprio nella popolazione a partire dai 50 anni con picchi dopo i 65 -70 anni».

PERCHÉ QUEST’ANNO È ANCORA PIÙ IMPORTANTE IL VACCINO CONTRO L’INFLUENZA?

«È importante farlo – ha proseguito il presidente Conversano – non solo per proteggerci dalle pericolose complicanze dell’influenza ma perché, dati i contagi di Coronavirus, dobbiamo ridurre la possibilità di ammalarsi di entrambe le malattie. Quest’anno è fondamentale per la diagnosi differenziale: la persona vaccinata contro l’influenza se dovesse avere sintomi durante la stagione invernale – tosse, febbre, cefalea – porterebbe i medici sanitari a essere indirizzati direttamente verso il covid-19».

ANZIANI, VACCINI E INVECCHIAMENTO ATTIVO

La vaccinazione nella popolazione anziana non è solo uno strumento di prevenzione ma fa parte anche delle strategie di sano invecchiamento. I vaccini contribuiscono ad aumentare la qualità e le aspettative di vita. È questo il pensiero di Antonio De Rinaldis, Segretario nazionale UIL pensionati: «Quest’anno la vaccinazione antinfluenzale è raccomandata per difenderci dall’emergenza sanitaria che ci ha preso alla provvista – l’obiettivo è isolare eventuali sintomatologie che possono essere riconducibili al Covid-19. Ma è anche un modo per restare in buona salute nell’ambito dell’invecchiamento attivo, la capacità di invecchiare mantenendo una buona qualità della vita, con attività all’aria aperta e curando i legami affettivi e familiari».

GLI ANZIANI E IL VACCINO PER L’INFLUENZA

Raggiungere coperture vaccinali elevate è l’obiettivo della campagna antinfluenzale di quest’anno. Di questo si parlerà domani nel corso dell’ “Assise nazionale sull’immunizzazione dell’adulto e dell’anziano”, quando verrà presentato il position paper di HappyAgeing con le richieste alle istituzioni in questo delicato momento storico. «Io credo che sia importante da parte di tutti e a tutte le età rispettare le indicazioni da parte delle autorità sanitarie – ha aggiunto il segretario nazionale Cisl pensionati Mimmo di Matteo. Della stessa opinione Patrizia Maestri (Spi Filt Cgil nazionale): «Con i vaccini ci si salva la vita: io sono un over 65 e credo che sia un dovere di tutti noi proteggerci. Il compito del sindacato è dare informazioni il più possibile complete affinché le persone anziane, e non solo, si vaccinino».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Omicron, Cavaleri (Ema): «Servono due settimane per capire se evade l’immunità dei vaccini. Presto nuove autorizzazioni»
Il direttore della strategia vaccinale dell’Agenzia europea del farmaco elenca le prossime scadenze e i progetti in cantiere
Vaccino Covid 5-11 anni: il sì di AIFA e tutte le informazioni utili
Dopo il via libera di AIFA al vaccino Covid per i bambini l'Italia si prepara alle prime somministrazioni per metà mese. Subito attivata la rete dei pediatri per fornire supporto, in attesa di ricevere le dosi. C'è un rischio miocarditi?
IV ondata Covid e influenza stagionale, Cricelli (SIMG): «Il picco dei due virus coinciderà per la prima volta dall’inizio della pandemia»
Tra Covid, influenza, vaccini e malati cronici il lavoro dei medici di famiglia quintuplica. Il presidente SIMG: «L’influenza ha superato il livello epidemico stagionale. Il picco è previsto, in anticipo, per la fine dell’anno»
di Isabella Faggiano
Cosa si può fare (o non fare) in zona gialla?
Ora che, dopo mesi di un’Italia interamente bianca, abbiamo di nuovo una Regione in zona gialla (il Friuli Venezia Giulia), è bene rinfrescarsi la memoria su quali limitazioni vengono di nuovo imposte per limitare il contagio da Covid-19. In particolare ora che al green pass si è aggiunto il super green pass. Ma cosa si […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...