Salute, benessere e prevenzione i consigli quotidiani per vivere meglio.

Prevenzione 24 Settembre 2020

Prevenzione degli anziani, le regole d’oro per guidarli nella seconda ondata della pandemia

Il vademecum e le raccomandazioni della Sigot, Società Italiana di Geriatria Ospedale e Territorio

La pandemia di Covid-19, nella sua prima ondata a inizio 2020 ha coinvolto soprattutto gli over 65. In questa delicata fase di convivenza con il virus, la prevenzione degli anziani è dunque indispensabile: i soggetti ultrasessantacinquenni devono seguire comportamenti corretti e prendere in considerazione alcune misure precauzionali.

I NUMERI

Secondo i recenti dati del Ministero della Salute, il numero di deceduti nei quali il Covid è la causa direttamente responsabile della morte raggiunge il valore massimo del 92% nella classe 60-69 anni e il minimo (1-2%) nelle persone di età inferiore ai 50 anni. L’età media dei pazienti deceduti e positivi a SARS-CoV-2 (dati dell’ISS) è di circa 80 anni ed è più alta di 20 anni rispetto a quella dei pazienti che hanno contratto l’infezione.

PREVENZIONE DEGLI ANZIANI: IL VADEMECUM PER LA SECONDA ONDATA DELLA PANDEMIA

La SIGOT – Società Italiana di Geriatria Ospedale e Territorio, guidata dal nuovo Presidente il Prof. Alberto Pilotto – Direttore del Dipartimento di cure geriatriche all’ospedale Galliera di Genova – ha stilato un vademecum per guidare gli anziani ai comportamenti corretti per gestire l’attuale momento storico e ridurre il rischio di contrarre il virus SARS-CoV2. Ecco le regole d’oro da seguire:

  1. Non scoraggiarsi di adottare uno stile di vita sano volto a proteggere sé stessi e gli altri
  2. Fare prevenzione: vaccinazione antinfluenzale e anti-pneumococcica sin da ottobre con le prime dosi disponibili
  3. Svolgere attività fisica sia in casa che all’aperto, anche in compagnia, ma solo nel rispetto delle misure anti-covid: anche una sana passeggiata di almeno 30minuti per cominciare
  4. Prestare attenzione ai sintomi e alle variazioni del tono dell’umore: non sottovalutare l’insorgenza di sintomi depressivi.
  5. Uso appropriato dei farmaci. aderenza alle terapie in corso, evitare auto-sospensioni e auto-medicazione attenendosi ai protocolli di cura prescritti dal medico curante
  6. Mantenere un’alimentazione equilibrata con adeguata idratazione e ricca di nutrienti.
  7. Tenere sempre a mente le misure anti-covid: uso della mascherina, igienizzazione delle mani, evitare assembramenti, mantenere il distanziamento di almeno 1metro; evitare baci e abbracci, anche coi familiari e nipoti.
  8. Utilizzare le tecnologie a disposizione: facilitano un avvicinamento sociale almeno virtuale (telefono, smartphone, tablet, Internet, app specifiche, etc).

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare