Salute 1 Ottobre 2020 18:30

Vaccinazioni per adulti e anziani ai tempi del Covid-19: le otto richieste di HappyAgeing

«Chiamata attiva di adulti e anziani per tutte le vaccinazioni indicate dal Piano Nazionale» chiede il presidente dell’Alleanza per l’invecchiamento attivo Michele Conversano dal convegno di questa mattina. Presente anche Rezza: «Virus sotto controllo. Sulla carenza del vaccino antinfluenzale c’è stato un allarme eccessivo sulla stampa»

Otto richieste, chiare e precise indirizzate al Ministero, alle Regioni e alle ASL, per accelerare sulle vaccinazioni per adulti e anziani in quella che sarà la prima stagione influenzale durante la pandemia di Covid-19. È questo il fulcro del position paper presentato questa mattina da Michele Conversano, Presidente del Comitato Tecnico-Scientifico di HappyAgeing – Alleanza italiana per l’invecchiamento attivo.

L’organizzazione, che riunisce al suo interno sia una forte componente scientifica che una grande rappresentanza sociale, ha aperto l’“Assise nazionale sull’immunizzazione dell’adulto e dell’anziano”, che si è svolta al Centro Congressi Frentani di Roma alla presenza di rappresentanti sindacali, istituzioni nazionali e regionali. All’evento hanno partecipato, tra gli altri, Giovanni Rezza, Direttore Generale del Dipartimento della Prevenzione del Ministero Salute, Silvio Brusaferro, Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, Silvestro Scotti, Segretario Generale Nazionale Federazione Italiana Medici di medicina Generale, e Sandra Zampa, Sottosegretario di Stato Ministero della Salute.

VACCINI PER ADULTI E ANZIANI: LE RICHIESTE DI HAPPYAGEING

La Circolare del Ministero della Salute sulle vaccinazioni per l’influenza 2020-2021 raccomanda il vaccino antinfluenzale per i bambini da 0 a 6 anni, gli over 60, gli operatori sanitari e gli anziani ospitati nelle RSA. «Per raggiungere questi obiettivi serve una strategia complessiva – ha spiegato Conversano -. Chiediamo:

  • una chiamata attiva di adulti e anziani per tutte le vaccinazioni previste dal Piano Nazionale
  • l’obbligo di vaccinazione per gli operatori sanitari
  • la gratuità per tutte le coorti
  • una rivalutazione degli indicatori LEA
  • l’istituzione dell’anagrafe vaccinale

Non ultimo, sensibilizzare sul rischio delle malattie e sui vantaggi delle vaccinazioni.  «Le regioni, le Asl, i MMG hanno l’obbligo di proporre le vaccinazioni che sono sempre importanti, ancor più adesso durante la pandemia da Covid-19 – ha dichiarato Conversano ai nostri microfoni -. Sono diritti dei nostri anziani e dei pazienti fragili che possono subire le maggiori conseguenze di polmonite e influenza».

Per questo, secondo Conversano, «l’antinfluenzale si deve fare prima possibile, da adesso fino a dicembre. Il picco, in genere, c’è tra dicembre e febbraio. Adulti e anziani si devono rivolgere al loro medico di fiducia per far valere questo diritto; tutti i medici avranno a disposizione dosi sufficienti per vaccinare gli anziani» ha concluso.

REZZA: «IL MINISTERO LAVORA PER SURPLUS DI VACCINO PER INFLUENZA»

Anche Gianni Rezza ha assicurato che il Ministero sta lavorando per «avere un surplus di vaccini antinfluenzali» specificando che quest’anno le Regioni hanno acquisito 17 milioni di dosi. Sulla carenza di cui si è parlato in queste settimane «c’è stato un allarme eccessivo sulla stampa», ha detto.

E sull’emergenza sanitaria ha aggiunto: «Quando qualcuno dice che adesso le cose stanno andando meglio in Italia, non è perché il Sars-CoV-2 sta buono e si è dato una calmata, ma perché i Dipartimenti di prevenzione e le Usca sono costantemente attivati, identificando velocemente i casi, facendo i tamponi, il rintraccio dei contatti, l’isolamento: un lavoro continuo».

BRUSAFERRO (ISS): «POTENZIARE LA PREVENZIONE UNA SFIDA PER TUTTI»

E facendo tesoro «dell’esperienza che stiamo facendo con la pandemia – ha sottolineato Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto superiore di sanità – la riflessione su come potenziare la prevenzione, a tutti i livelli, credo che sia la sfida che ci aspetta tutti. E per farlo serve la collaborazione di tutti».

SCOTTI (FIMMG): «IN CAMPANIA È PARTITA OGGI LA CAMPAGNA VACCINALE»

Sulla stessa lunghezza d’onda Silvestro Scotti, Segretario Generale della Fimmg, che ci ha detto: «Confrontarsi su documenti elaborati da soggetti che come noi partecipano alle analisi dell’andamento assistenziale dei soggetti anziani è significativo per non osservare le cose solo dal nostro punto di vista».

Per quanto riguarda il vaccino contro l’influenza, Scotti ha assicurato che «sono negli studi dei medici di medicina generale a seconda delle gare regionali, da quei contratti dipenderà la disponibilità delle dosi vaccinali. In Campania abbiamo iniziato già questa mattina con le prime somministrazioni – ha evidenziato soddisfatto -. Questo ci permetterà di mantenere alti gli standard di sicurezza. Sollecito le regioni ancora inadempienti a provvedere prima possibile, per seguire le raccomandazioni del ministero che prevedevano di iniziare la campagna vaccinale a ottobre».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dopo il Covid-19, la pneumologia guarda al futuro
Parte la “Next generation. Pneumologi di domani a confronto” nell’Aula Magna dell’Università La Sapienza a Roma. Fino a domenica 5 dicembre i lavori in presenza e online del convegno SIP/IRS a cura di Francesco Lombardi e Carlo Vancheri
Dati ISS: Rt a 1,20 e incidenza in salita. Forte aumento casi non associati a catene già note
Ancora in salita Rt e incidenza sul territorio nazionale. Diminuiscono i casi rilevati tramite tracciamento contatti e anche l'Rt ospedaliero, che arriva a 1,09
Omicron, Cavaleri (Ema): «Servono due settimane per capire se evade l’immunità dei vaccini. Presto nuove autorizzazioni»
Il direttore della strategia vaccinale dell’Agenzia europea del farmaco elenca le prossime scadenze e i progetti in cantiere
Vaccino Covid 5-11 anni: il sì di AIFA e tutte le informazioni utili
Dopo il via libera di AIFA al vaccino Covid per i bambini l'Italia si prepara alle prime somministrazioni per metà mese. Subito attivata la rete dei pediatri per fornire supporto, in attesa di ricevere le dosi. C'è un rischio miocarditi?
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...