Salute 15 Giugno 2020

Usa, in terapia intensiva per 62 giorni: guarito dal Covid-19 arriva il conto da 1 milione di dollari

La storia incredibile di Michael Flor, un uomo di 70 anni, raccontata dal Seattle Times

Immagine articolo

Un conto da oltre 1 milione di dollari. Quanto è costato guarire dal Covid-19 per un cittadino di Seattle. La storia di Michael Flor, 70 anni, l’ha raccontata il Seattle Times. Ricoverato per 62 giorni, si è trovato in una situazione talmente disperata da dover dire addio a moglie e figli con un’ultima telefonata. Ma invece è improvvisamente guarito.

Ora Flor è in convalescenza nella sua casa di West Seattle, dove ha ricevuto il conto per la permanenza nello Swedish Medical Center di Issaquah: 1.122.501,04 dollari. Ogni centesimo documentato in un libro di 181 pagine. Spiccano i 9.736 dollari spesi per ogni giorno in terapia intensiva, i 408.912 dollari per garantire l’isolamento della stanza, gli 82.215 dollari necessari per garantire la respirazione assistita per 29 giorni.

LEGGI ANCHE DONA IL PLASMA IPERIMMUNE E SCOPRE DI AVER AVUTO IL COVID-19 A DICEMBRE. LA STORIA DI PATRIZIA

«Mi sento in colpa per essere sopravvissuto», ha detto Flor. Il 70enne ha un’assicurazione privata, che si farà carico di una quota rilevante dei costi. Il paziente, che non aveva altre patologie oltre al Covid-19, potrebbe anche evitare qualsiasi esborso. «Mi chiedo ‘perché proprio io’?», dice riferendosi alla sua guarigione. «Me lo merito? E vedere i costi incredibili di tutto questo non fa altro che aumentare il mio senso di colpa».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
«Così abbiamo fermato il coronavirus fra i nativi americani d’Arizona»
Il racconto dei medici sul New England Journal of Medicine: «Abbiamo scoperto che bussare alla porta e parlare ai pazienti può essere l'approccio migliore»
di Tommaso Caldarelli
Covid-19, Speranza: «L’Italia si sta rialzando ma la battaglia non è vinta. Scriviamo insieme il futuro»
«Il virus è una grande sfida globale, non conosce confini tra nazioni e questo significa che dobbiamo costruire insieme una risposta». Così il ministro della Salute in visita allo Spallanzani insieme all'ambasciatore Usa in Italia Eisenberg
Il Covid-19 fa ancora paura: Pechino richiude, giornata nera in Brasile e in Usa terapie intensive piene
A Pechino oltre 500 nuovi casi locali. Stop ai voli e scuole chiuse. Terapie intensive piene in Arizona, mentre il Brasile registra "il giorno più nero"
Coronavirus, Andreoni (Tor Vergata): «Iniezioni disinfettante per sconfigger virus? Inizi prima Trump»
Il primario del reparto di Malattie infettive del policlinico Tor Vergata di Roma e direttore scientifico della Società italiana di malattie infettive e tropicali (Simit) risponde così all'idea del Presidente degli Stati Uniti: «Una persona così autorevole deve fare molta attenzione ai messaggi che lancia, soprattutto quando possono rivelarsi letali»
Coronavirus, Trump congela finanziamenti all’Oms. Guterres (Onu): «Non è il momento dei bilanci»
Il presidente americano annuncia la sospensione dei fondi destinati all'Organizzazione mondiale della Sanità per un periodo tra i 60 e i 90 giorni. Il motivo? Aver «sottostimato la portata dell’epidemia e portato avanti la disinformazione della Cina riguardo al Coronavirus». Le reazioni internazionali
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 agosto, sono 18.082.616 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 689.428 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»