Salute 8 Giugno 2020 14:53

Dona il plasma iperimmune e scopre di aver avuto il Covid-19 a dicembre. La storia di Patrizia

Si è ammalata di Covid-19 a Natale e ne è guarita senza saperlo. Ora, dopo il test sierologico, Patrizia Merlo dona il plasma iperimmune nell’Asst Valle Olona dove lavora

Dona il plasma iperimmune e scopre di aver avuto il Covid-19 a dicembre. La storia di Patrizia

È stato un Natale strano quello di Patrizia, un pranzo senza sapore e una brutta polmonite che proprio non sapeva da dove fosse arrivata. Poi la svolta con il test sierologico: ha avuto il Covid-19 già a dicembre. In un momento in cui l’Italia si pensava lontanissima dal virus, che invece circolava già in Lombardia.

Patrizia ha sopportato una polmonite curata con la procedura standard fino alla metà di gennaio. Dopo essersi ammalata mesi prima del cosiddetto “paziente 1” di Codogno. Quel che ricorda meglio è quanto insapore sembrasse mangiare durante le feste, una stranezza che lì per lì aveva attribuito ai farmaci che stava prendendo.

LEGGI ANCHE TERAPIA CON PLASMA IPERIMMUNE DEI GUARITI DA COVID-19, IL VIROLOGO CRISANTI: «DUE PAZIENTI GRAVI SU TRE MIGLIORANO IN 36 ORE»

A riferirlo è l’Asst Valle Olona e la protagonista è Patrizia Merlo, coordinatrice tecnica del Laboratorio analisi dell’ospedale di Busto Arsizio, in provincia di Varese. È stata lei la prima volontaria a donare il plasma iperimmune dopo che la struttura ne ha avviato la raccolta. «Il 27 maggio mi sono sottoposta alla donazione – spiega Patrizia – per me è un atto dovuto. Lavorando in ospedale, ho vissuto e vivo la tragedia della pandemia. Ho avuto la fortuna di non essermi ammalata gravemente, anzi diciamo pure di essere stata malata inconsapevolmente. Ora voglio dare il mio contributo per la cura di chi soffre».

«Opportunamente trattato secondo standard definiti internazionalmente il plasma dei guariti da Covid-19 si comporta come un vero e proprio farmaco: sia nella sua forma originaria sia come fonte di immunoglobuline IgG neutralizzanti il virus» sottolinea Paola Giuliani, direttore sanitario dell’Asst Valle Olona. Il sangue viene prelevato dai volontari e scomposto immediatamente da uno strumento specifico: il plasma è separato dalla parte cellulare del sangue che è reinfusa al donatore. «Generalmente – continua – si raccolgono 550-700 millilitri di plasma in 45-60 minuti circa. La donazione è sicura e indolore».

LEGGI ANCHE AUDIZIONI IN PARLAMENTO, GLI ESPERTI FANNO IL PUNTO SULL’EVOLUZIONE DELL’EPIDEMIA, LA SIEROPREVALENZA, LA TERAPIA AL PLASMA E I VACCINI

I donatori devono essere guariti completamente, e non solo clinicamente, dal Covid-19. Devono avere tra i 18 e i 60 anni di età, essere in piena salute e superare un certo valore di anticorpi. L’intero processo di selezione e donazione dura un paio d’ore, ricorda la dottoressa. «Nell’Asst di Valle Olona – conclude Giuliani – il Servizio Immuno-trasfusionale, diretto da Ambrogio Pagani con la collaborazione di Giovanni Crovetti, effettua le attività di raccolta di plasma iperimmune dopo un’attenta valutazione dei candidati».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid, alcune persone potrebbero aver perso l’olfatto per sempre? L’ipotesi allarmante in uno studio
La perdita dell'olfatto a causa di Covid-19 potrebbe durare a lungo o addirittura per sempre. Uno studio rivela che una persona su 20 non l'ha recuperato dopo 18 mesi
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...