Salute 10 Marzo 2022 11:32

Ucraina: tragico attacco all’ospedale pediatrico di Mariupol. Tra le vittime una bambina di 6 anni

Ieri le forse russe hanno attaccato l’ospedale pediatrico di Mariupol, uccidendo tre persone, di cui una bambina di sei anni

Ucraina: tragico attacco all’ospedale pediatrico di Mariupol. Tra le vittime una bambina di 6 anni

Tre persone, di cui una bambina di sei anni. Questo è il tragico bilancio delle vittime uccise ieri nell’attacco delle forze russe contro l’ospedale pediatrico di Mariupol. L’ospedale è stato bombardato mentre donne incinte stavano partorendo nel seminterrato. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha descritto l’attacco come un’«atrocità», un «crimine di guerra» e «la prova definitiva del genocidio contro gli ucraini».

È il terzo ospedale ucraino colpito dai russi

L’ospedale, nella città assediata di Mariupol, è stato colpito «più volte» da bombe russe ad alto potenziale esplosivo. Una di queste ha mancato l’edificio di qualche metro e ha lasciato un cratere profondo due piani, stando a quanto riferito dai funzionari. Altre bombe invece hanno causato il ferimento di almeno 17 persone. Sergei Orlov, vicesindaco di Mariupol, si è detto «assolutamente sicuro» che i russi sapessero che stavano bombardando un ospedale quando hanno lanciato l’attacco. HA precisato che «questo è il terzo ospedale che hanno distrutto» dopo un’unità Covid da 300 posti letto e una banca del sangue.

Girati video tra le macerie dell’ospedale pediatrico

Molte delle donne incinte presenti nell’ospedale erano nascoste nel seminterrato al momento dell’attacco per ordine delle autorità ospedaliere, una mossa indicativa del duro bombardamento subito dai cittadini di Mariupol nell’ultima settimana. Zelensky ha pubblicato un video che mostra gli edifici dell’ospedale gravemente danneggiati. Il video è stato girato all’interno di una stanza del reparto distrutta con le finestre saltate e il soffitto parzialmente crollato. Altri filmati hanno mostrato un parcheggio coperto di macerie e di rottami fumanti di veicoli mentre le famiglie ferite barcollavano nell’aria gelida.

Croce Rossa: «l’attacco di ieri causerà il completo collasso dell’assistenza pediatrica a Mariupol»

Mariupol è sotto il pesante bombardamento russo da più di una settimana, con cibo, acqua ed elettricità interrotti diversi giorni fa. La Croce Rossa ha descritto le condizioni come «apocalittiche». Il capo della Croce Rossa ucraina ha affermato che l’attacco di ieri causerà probabilmente un completo collasso dell’assistenza pediatrica a Mariupol, poiché gran parte delle attrezzature dell’ospedale e dei reparti di assistenza pediatrica sono state ridotte in cenere.

La Russia non ha rispettato il cessate il fuoco per dare ai civili la possibilità di essere evacuati

Poche ore prima che l’ospedale venisse colpito, il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha avvertito che 3.000 bambini erano senza cibo né medicine e ha chiesto un corridoio umanitario per consentire loro di fuggire. Mosca aveva promesso un cessate il fuoco nella città oggi in modo che i civili potessero essere evacuati. Ma per la quarta volta non è riuscita a mantenere la parola data – una mossa che secondo Kyrylenko «ha superato il limite dell’umanità» prima di dichiarare che i russi dovrebbero «smetterla di chiamarsi esseri umani».

La Russia avrebbe attaccato altri ospedali in precedenti attacchi in Siria

Non è la prima volta che gli attacchi aerei russi prendono di mira gli ospedali. Mentre combattevano al fianco di Bashar al-Assad in Siria nel 2016, i generali di Putin sono stati accusati di aver fatto saltare in aria gli ospedali «deliberatamente e sistematicamente» per indebolire la città di Aleppo prima di un assalto a terra. Alcuni hanno suggerito che la Russia stia ora utilizzando un piano di battaglia in stile siriano contro l’Ucraina dopo che i suoi primi attacchi di precisione sono falliti.

Documentati 42 casi di attacchi russi a strutture sanitarie o medici

Il Centro sanitario ucraino afferma che tra lo scoppio dei combattimenti del 24 febbraio e ieri, il loro team ha documentato 42 casi di forze russe che hanno attaccato strutture sanitarie o medici per provocare deliberatamente una «crisi umanitaria». Gli ospedali sono stati colpiti in ogni teatro in cui operavano le forze russe, ha detto il think tank, tra cui Donetsk, Luhansk, Mariupol, Kiev, Chernihiv, Kharkiv, Sumy, Zhytomyr, Zaporizhzhia e Mykolaiv.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Parenting, ecco perché giocare (o no) con i figli ci mostra il ritratto di una generazione spaccata
Il parere della psicologa: «Più spazio al gioco libero, i genitori non siano ossessivi. E occhio a non confondere i ruoli»
Epatite misteriosa, Rezza: «In Italia 34 casi probabili, situazione stabile»
In occasione dell'evento "Epatite pediatrica: un incontro per capirne di più e lavorare insieme sulla prevenzione" della onlus Etica, massimi esperti italiani fanno il punto sull'emergenza in Italia e nel mondo
È record di bambini obesi in Italia. Le strategie per vincere i disturbi legati al cibo
Educazione alimentare e mense a km 0 nelle scuole, la proposta di Coldirette piace ai pediatri. Appello di SIMPEF E SIPPS perché genitori e insegnanti siano alleati nella divulgazione dei corretti stili di vita con cibo sano e attività fisica all’aria aperta
Sindrome di Beckwith-Wiedemann, al via primo congresso internazionale
Famiglie e medici da tutto il mondo saranno a Cervia, dal 2 al 5 giugno, per confrontarsi sulla sindrome di Beckwith-Wiedemann (Bws), una malattia genetica rara che colpisce un bambino ogni 10 mila. Si tratta, in assoluto, del primo congresso internazionale dedicato a questa condizione
Scuola in Ospedale, in Lombardia approvato piano per garantire istruzione ad alunni ricoverati
Protocollo d’intesa sottoscritto da Regione Lombardia e Ufficio Scolastico Regionale per rendere più capillare il servizio sul territorio e permettere ai pazienti studenti di seguire il percorso formativo e mantenere la relazione con la scuola di appartenenza, agevolando il reinserimento al termine del ricovero o della malattia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 luglio, sono 549.184.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.339.118 i decessi. Ad oggi, oltre 11,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...