Salute 7 Marzo 2022 15:19

Ucraina: milioni di disabili «abbandonati», l’allarme delle associazioni

Milioni di persone con disabilità in Ucraina non riescono a lasciare il paese per sfuggire alla guerra per mancanza di mezzi di trasporto e personale

Ucraina: milioni di disabili «abbandonati», l’allarme delle associazioni

A causa dell’attacco della Russia si teme che milioni di persone con disabilità vengano «abbandonate» in Ucraina. È l’allarme lanciato dalle organizzazioni umanitarie, secondo le quali al momento sono molto pochi i disabili che riescono a raggiungere il confine. Le organizzazioni che cercano di aiutare le persone con disabilità, in particolare coloro che hanno difficoltà di apprendimento, hanno riferito che c’è uno «spaventoso buco nero» di informazioni riguardo a questi gruppi. Si stima che dall’inizio dell’attacco russo, circa un milione mezzo di ucraini abbia attraversato il confine per fuggire dal proprio paese. Ma il timore che qualcuno non possa e non riesca a farcela a causa del proprio stato di salute è più alto e reale che mai.

Mancano i mezzi di trasporto per aiutare i disabili a fuggire dalla guerra

Gli operatori umanitari hanno denunciato la «mancanza di mezzi di trasporto» per le persone con disabilità e le principali organizzazioni non sono state in grado di soddisfare i loro bisogni. In particolare, un’organizzazione per i diritti dei disabili la US Partnership for Inclusive Disaster Strategies, ha affermato che attualmente si sta occupando di una donna di 70 anni d’età a Leopoli, ma che non possono evacuarla a causa della mancanza di mezzi di trasporto. Altre organizzazioni hanno avvertito che adulti e bambini con difficoltà di apprendimento potrebbero essere stati «abbandonati» all’interno di case residenziali e ospedali in tutto il paese mentre il personale delle strutture è fuggito dal conflitto.

In Ucraina ci sono 2,7 milioni di persone con disabilità

Secondo il Forum europeo sulla disabilità, che in Ucraina ci sono 2,7 milioni di persone con disabilità. Inclusion Europe stima che ci siano circa 261mila persone con disabilità intellettiva. Anna Landre della US Partnership for Inclusive Disaster Strategies ha affermato che le persone con disabilità sono state «lasciate indietro». Ha riferito che la «stragrande maggioranza» dei 2,7 milioni di cittadini disabili ucraini stava «affrontando difficoltà nell’evacuare, o non potevano affatto provarci». In un’intervista rilasciata al The Independent Landre ha riferito: «Stiamo affrontando una grande mancanza di trasporto su tutta la linea per chiunque, in particolare per le persone con disabilità, che hanno esigenze di trasporto specifiche, quindi una mancanza di trasporto su sedia a rotelle».

Scarsi aiuti per coloro che hanno bisogno di un trasporto speciale

«Ci sono alcune persone con cui abbiamo parlato che hanno bisogno di essere trasportate sdraiate», ha detto Landre. «Abbiamo cercato per giorni un’auto accessibile che uno dei nostri volontari vuole riportare in Ucraina per andare a prendere le persone e portarle fuori e non riusciamo a trovarne una», ha aggiunto. «Abbiamo avuto persone disabili che hanno chiamato le agenzie mediche umanitarie, hanno chiamato la loro hotline di crisi e hanno detto: “Ciao, sono una persona su sedia a rotelle, con piaghe da decubito. Ho bisogno di aiuto”, e a loro è stato risposto: “Oh, non aiutiamo le persone con disabilità, dovresti chiamare il Dipartimento della protezione sociale”».

Si tenta di arruolare anche i disabili per combattere

Anche qualora i disabili riuscissero  a raggiungere i confini, i centri per i rifugiati e gli autobus «non sono accessibili in sedia a rotelle», ha affermato Landre, aggiungendo che la sua organizzazione è stata contattata da uomini con disabilità, come sordi, che dovrebbero essere esentati dal servizio militare ma che vengono fermati al confine per essere arruolati. Chris Roles, amministratore delegato di Age International, ha riferito che anche gli anziani sono «incredibilmente vulnerabili» in questa situazione. «Molte persone anziane e persone con disabilità – continua – non saranno in grado di fuggire dalla violenza: potrebbero essere costrette a casa o incapaci di camminare senza supporto. Alcuni non possono fare il lungo e faticoso viaggio fuori dal paese perché la loro salute è cagionevole, o perché soffrono di osteoporosi o malattie cardiache».

Non si riescono ad aiutare molte famiglie a lasciare il paese

Aumentano anche i timori per la sicurezza delle persone nelle case di riposo, poiché le associazioni affermano che mancano informazioni su come aiutarli a lasciare il paese. Stando a quanto riportato da The Indipendent, la Croce Rossa ucraina ha aiutato a evacuare le persone con disabilità e problemi di mobilità verso rifugi o aree più sicure, ma non ha la capacità di aiutare le persone disabili e le famiglie che desiderano lasciare il paese.

C’è uno spaventoso «buco nero» di informazioni per le persone con disabilità

Adam Zawisny dell’Associazione polacca per le persone con disabilità intellettiva, ha affermato che c’è uno «spaventoso buco nero» nelle informazioni su cosa fare in questa situazione. Ha poi riferito che negli ultimi giorni migliaia di bambini senza famiglia sono stati evacuati in Polonia, in parte perché nelle istituzioni in cui vivevano non c’era personale che si prendesse cura di loro e per il pericolo di essere colpiti dai proiettili. Tuttavia, Zawisny ha affermato che non è stato così per le case di cura residenziali e sociali per adulti.

Negli istituti manca il personale che si prende cura dei disabili

Eric Rosenthal, direttore esecutivo di Disability Rights International, ha detto che coloro che vivono all’interno di istituti corrono il rischio maggiore di essere abbandonati. «Sappiamo che circa 100.000-200.000 bambini si trovano in istituti in Ucraina – il numero di adulti da quello che ho visto è probabilmente questo o anche di più. Un’organizzazione sul campo ci ha detto che avevano due persone all’interno delle istituzioni e non c’era modo di farle uscire», ha detto. «Hanno seri problemi di trasporto. Tutte le persone con disabilità in Ucraina sono a rischio, ma le persone che sono state ricoverate negli istituti non hanno nessuno che le protegga, nessuno che garantisca la loro sicurezza e sono in pericolo di vita immediato», ha aggiunto.

Famiglie con disabili vivono in bagni e scantinati per sfuggire alle bombe

Le organizzazioni umanitarie hanno anche avvertito di problemi nell’accesso ai farmaci e alle cure. Milan Šveřepa, direttore di Inclusion Europe, ha affermato che ottenere farmaci, come le pillole per l’epilessia, è diventato «impossibile» e accedere ai rifugi antiaerei è «incredibilmente difficile» per le persone con condizioni come l’autismo che sono state lasciate «nelle loro case sperando che le cose migliorino». Inclusion Europe ha affermato in una dichiarazione di aver ricevuto anche segnalazioni di «famiglie con i loro figli con disabilità [che vivono] nei bagni o negli scantinati per proteggersi dalle bombe».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Le politiche future per la disabilità, l’appello di FISH per la nuova legislatura
In un documento la FISH chiede politiche e servizi inclusivi, strumenti normativi ed interventi normativi adeguati, il tutto in linea con i principi valoriali della Convenzione Onu sui diritti per le persone con disabilità
Lovegiver: ecco chi è e cosa fa
Maximiliano Ulivieri, nel 2013, ha fondato il Comitato Lovegiver, per promuovere la professione dell’O.E.A.S., l’operatore per l’assistenza emotiva, affettiva e sessuale di persone con disabilità fisico e/o cognitiva
Università: migliora l’accesso agli studenti con disabilità
Diffuso il nuovo report dell'Anvur su accesso alle università da parte degli studenti disabili. Registrati importanti miglioramenti
di Redazione
Guerra in Ucraina, Consulcesi lancia il nuovo corso contro le emorragie da ferite da guerra
«Di fronte ai gravissimi attacchi contro l’assistenza sanitaria, mettere il maggior numero di persone in condizione di saper compiere semplici ma efficaci manovre per fermare per esempio la fuoriuscita di sangue può significare salvare una vita in più», commenta Daniele Manno, esperto di Remote e Military Life Support
Supporto psicologico ai profughi ucraini, il lavoro del centro nato in memoria di Alfredino Rampi
All’interno del centro Rampi, a Roma, è nata un’unità di aiuto ai profughi ucraini in fuga dalla guerra. Ad aiutarli volontari della protezione civile, mediatori, psicologi. Michele Grano (PSICAR): «Con i bambini usiamo la modalità ludica per aiutarli a tirare fuori in maniera mediata la propria angoscia»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 25 novembre 2022, sono 640.506.327 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.627.987 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa