Salute 4 Marzo 2022 18:35

Giornata della Logopedia. Rossetto (FLI): «Vicini ai disabili in Ucraina: il loro diritto alla cura non può essere calpestato»

Rossetto (FLI): «Dai neonati ai centenari, la logopedia è per tutte le età della vita e può intervenire per curare moltissimi disturbi»

Persone disabili costrette a lasciare il luogo in cui vivono, in cui vengono curate, assistite. Costrette a fuggire per evitare di finire sotto il fuoco nemico. È questa l’immagine che Tiziana Rossetto, presidente della Federazione Italiana Logopedia (FLI) ha negli occhi e nel cuore in questi giorni in cui il mondo intero è stravolto dalla guerra in Ucraina. Ed è su questa stessa immagine che vuole richiamare l’attenzione in occasione della Giornata europea della Logopedia 2022.

Con l’Ucraina nel cuore e nella mente

«Abbiamo assistito con i nostri occhi all’evacuazione di un centro per disabili – dice la presidente Rossetto -. Per chi non può camminare con le proprie gambe, comunicare o comprendere fino in fondo ciò che gli sta accadendo, è un trauma nel trauma. Per questo, in occasione della Giornata europea della Logopedia 2022, la FLI esorta il mondo intero alla cura dell’altro, al rispetto alla salute di tutti. La vita di ognuno di noi è unica e irripetibile e non può essere sprecata».

La logopedia è per tutte le età

La Giornata europea della Logopedia è dedicata a tutte le età della vita, da zero a cento anni. «Balbuzie, dislessia, discalculia, disfagia, disturbo primario del linguaggio, disortografia, ma anche disturbi di linguaggio acquisiti causate da ictus, prolungata degenza in terapie intensiva, eventi neurologici degenerativi. Sono solo alcuni dei problemi che, in qualsiasi momento della vita, possono richiedere l’intervento del logopedista – sottolinea la presidente FLI -. Un intervento che nei bambini e negli adolescenti deve essere il più precoce possibile, perché si può sempre risolvere e accompagnare i ragazzi all’età adulta senza compromettere la loro capacità di interazione con gli altri».

Gli interventi del logopedista

L’intervento del logopedista può essere necessario in tutte le età: «Possiamo aiutare il neonato fragile in terapia intensiva neonatale per favorire le funzioni orali, o per acquisire la propria capacità di linguaggio – spiega Rossetto -. Interveniamo in età adulta dopo un attacco ischemico transitorio, o ancora, come questi due anni di pandemia ci hanno insegnato, dopo una lunga degenza in terapia intensiva, a seguito di interventi chirurgici dovuti alle malattie oncologiche degli organi fonatori. Anche gli anziani possono avere grandi benefici da un percorso logopedico, in caso di disfagia, cioè la difficoltà a deglutire. Insomma, la professione del logopedista – sottolinea la presidente FLI – è fondamentale in diversi ambiti ed età».

Una settimana di sensibilizzazione e informazioni

La Giornata europea della Logopedia darà il via ad una settimana di sensibilizzazione dedicata a tutti i cittadini d’Italia. «Chiunque necessiti di una consulenza per ricevere informazioni, fare domande, sciogliere dubbi, la Federazione Logopedisti Italiani, come ogni anno in occasione della Giornata del 6 marzo, apre i suoi spazi “virtuali” e il suo telefono ai cittadini – annuncia Rossetto -. Quest’anno linee aperte dal 7 all’11 marzo, dalle 10 alle 12, al numero 346.9557891, e-mail sempre a disposizione all’indirizzo info@fli.it e un sito con tantissime informazioni all’indirizzo www.fli.it».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Menopausa, non solo vampate: la battaglia è contro lo stigma sociale e le patologie correlate
La neopresidente della IMS (International Menopause Society), prof. Rossella Nappi: «Oggi questa fase coincide sempre più con il momento di maggior realizzazione professionale delle donne: viviamolo al meglio»
In Italia è Padel-mania, ma gli esperti avvertono: «Contro i traumi in aumento, più prevenzione e preparazione fisica»
Al via i corsi Consulcesi con la collaborazione del dott. Andrea Grasso per formare medici e operatori sanitari a riconoscere e contrastare i danni fisici legati allo sport
Giornata vitiligine, Calzavara Pinton (SIDeMaST): «In arrivo il primo farmaco specifico»
Il dermatologo: «Attualmente non esistono farmaci approvati per il trattamento di questa malattia. La fototerapia è l’unico trattamento finora utilizzato, con indicazione specifica, per la vitiligine. Colpisce lo 0,5-2,0% della popolazione e può verificarsi a qualsiasi età anche se, frequentemente, i sintomi iniziali compaiono prima dei 20 anni»
Anoressia giovanile, Castelnuovo (Cattolica): «Fenomeno peggiorato con pandemia. Si parte anche dai 10-11 anni»
Intervista a Gianluca Castelnuovo, professore ordinario di Psicologia clinica Università Cattolica Milano: «Risultati evidenti con psicoterapia breve strategica»
“Alliance for woman’s Health”: per la cura della donna non solo farmaci
Per la prima volta gli esperti mondiali sulla ricerca dell’inositolo (EGOI) partecipano al congresso congiunto della Società Italiana di Fitoterapia e Integratori Ostetricia e Ginecologia (SIFIOG) e l’International Society of Dietary Supplements and Phytotherapy (ISDSP). Molte patologie ostetrico-ginecologiche richiedono, ormai, un approccio integrato
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...