Salute 16 Marzo 2022 12:30

Ucraina: la storia dei bambini nati da mamme surrogate. In un seminterrato aspettano l’arrivo dei genitori biologici

Un reportage della CNN racconta la storia di 21 bambini nati da mamme surrogate che sono in attesa di essere portati in salvo dalla guerra dai genitori biologici

Ucraina: la storia dei bambini nati da mamme surrogate. In un seminterrato aspettano l’arrivo dei genitori biologici

Dovrebbe essere una stanza tranquilla e confortevole, magari con qualche bel disegno attaccato alle pareti e una ninna nanna di sottofondo. O almeno questo è quello che ci si aspetterebbe da una nursery, anche se temporanea. Ma in Ucraina, dove l’inferno è sceso in terra, la prima casa di moltissimi neonati è triste, buia e rumorosa. Come quella dei 21 bambini nati, figli biologici di genitori stranieri, nati da mamme surrogate ucraine reclutate dal BioTexCom Center for Human Reproduction di Kiev.

In un bunker di cemento 21 bambini aspettano i genitori, anche dall’Italia

I piccoli fagottini si trovano rinchiusi in un seminterrato che viene periodicamente scosso dalle esplosioni degli attacchi russi. Più precisamente è un bunker di cemento, diventata da circa tre settimane la casa temporanea di questi 21 bambini. Situato a pochi chilometri da Irpin, un sobborgo che è stato bersaglio di un assalto russo, è ancora tutt’altro che sicuro e questo rende difficile ai neogenitori biologici di raggiungerlo. Le mamme e i papà biologici si trovano in paesi come l’Italia, il Canada e la Cina.

Lo straziante racconto di una mamma surrogata che ha lasciato il suo bambino nel bunker

Stando a quanto riportato da un reportage della CNN, lo scorso lunedì mattina, una mamma surrogata di 30 anni è arrivata alla clinica improvvisata con il bambino che aveva partorito in ospedale una settimana prima. Non è riuscita a trattenere le lacrime mentre consegnava il piccolo allo staff. «È ancora più difficile che si trovi in ​​un luogo dove ci sono i bombardamenti», ha raccontato la donna. «E quando i suoi genitori riusciranno a portarlo via da tutto questo? È davvero difficile», ha aggiunto.

Per i genitori biologici è complicato raggiungere il proprio figlio

I genitori biologici del piccolo, che hanno donato sia lo sperma che l’ovulo per la gravidanza, vivono all’estero. Ma non è chiaro quando potranno andare a prendere il proprio figlio. «Dicono che stanno arrivando», ha raccontato la mamma surrogata. «(Ma) è molto difficile con le scartoffie in questo momento. Quanto (tempo) ci vorrà, nessuno può dirlo», ha aggiunto. La donna ha aggiornato i genitori biologici del bambino che ha partorito «fino all’ultimo minuto» prima di lasciarlo al centro di maternità surrogata improvvisato. «E speriamo di rimanere in contatto, perché (la situazione è) molto difficile», ha detto.

Sospesi i programmi per la maternità surrogata, la priorità è mettere al sicuro i bambini

Molti paesi in tutto il mondo hanno regole rigide sulla pratica della maternità surrogata e alcune coppie si sono rivolte all’Ucraina negli ultimi anni, dove la maternità surrogata commerciale non è vietata e le sue cliniche offrono prezzi competitivi rispetto ad altri paesi. Ihor Pechenoga, il medico che aiuta a gestire il centro di maternità surrogata, ha detto che le donne vengono pagate tra 17.500 e 25.000 dollari. BioTexCom ha sospeso il programma a causa della guerra, concentrandosi sul sostegno alle donne attualmente incinte e sul portare i neonati al sicuro fuori dal paese. Mentre la clinica può provare a trasportare i bambini in aree più sicure nell’Ovest dell’Ucraina, i nuovi genitori devono ancora prendere i bambini all’interno del paese per motivi legali e alcuni hanno paura di attraversare il confine.

Le sei tate che si prendono cura dei 21 bambini non vogliono abbandonarli

«Tutto dipende dalla forza del desiderio dei genitori», ha detto Pechenoga. «Ho incontrato i genitori che sono venuti a Kiev per prendere il loro bambino; ​​avevano le lacrime agli occhi. Avevano aspettato 20 anni – ha continuato – per il loro bambino, (quindi) ovviamente sono venuti, qualunque cosa accada«. Ma ci sono anche «coppie che hanno paura, perché qui c’è una guerra in corso», ha detto. Nella clinica ci sono attualmente sei tate che stanno lavorando per nutrire e prendersi cura dei 21 bambini. Ma le donne sono molto preoccupate per le bombe. Ma le tate hanno rifiutato l’opportunità di lasciare Kiev, perché non vogliono abbandonare i bambini. La loro speranza è che i genitori biologici riescano al più presto a raggiungere i loro figli per portarli fuori da quell’incubo.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Guerra in Ucraina, Consulcesi lancia il nuovo corso contro le emorragie da ferite da guerra
«Di fronte ai gravissimi attacchi contro l’assistenza sanitaria, mettere il maggior numero di persone in condizione di saper compiere semplici ma efficaci manovre per fermare per esempio la fuoriuscita di sangue può significare salvare una vita in più», commenta Daniele Manno, esperto di Remote e Military Life Support
Supporto psicologico ai profughi ucraini, il lavoro del centro nato in memoria di Alfredino Rampi
All’interno del centro Rampi, a Roma, è nata un’unità di aiuto ai profughi ucraini in fuga dalla guerra. Ad aiutarli volontari della protezione civile, mediatori, psicologi. Michele Grano (PSICAR): «Con i bambini usiamo la modalità ludica per aiutarli a tirare fuori in maniera mediata la propria angoscia»
di Francesco Torre
Sanitari ucraini nel SSN. I dubbi di Alternativa: «Asl non hanno strumenti per valutare requisiti»
La deputata e medico Leda Volpi ha presentato un’interrogazione per sollecitare il ministero della Salute a varare una circolare o una norma: «Derogare all’iter di riconoscimento dei titoli è rischioso, parliamo di professioni molto sensibili»
di Francesco Torre
Guerra in Ucraina: Consulcesi mette in salvo 12 donne e bambini. Per loro rifugio e assistenza
Allestiti tre appartamenti con giardino a Valmontone, a Roma. 1.829 i chilometri percorsi in tre giorni dai van Consulcesi per consegnare beni e portare in Italia le vittime del conflitto
Giornata salute donna, Fiaso e Sigo aprono 45 ambulatori ginecologici per le donne ucraine
A disposizione un numero verde con operatrice ucraina. Sono 50mila le rifugiate arrivate in Italia. Migliore (Fiaso): «SSN si basa su principio solidarietà: un dovere aiutare chi soffre». Colacurci (Sigo): «La ginecologia italiana al fianco delle donne ucraine»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 giugno, sono 544.504.578 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.330.575 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali