Salute 28 Settembre 2021 12:51

Tumori e adroterapia, il progetto (italiano) per la costruzione di un Gantry da 20 milioni

Il Professor Lucio Rossi dell’Università degli Studi di Milano, tra i principali esperti di fisica sperimentale delle particelle applicata all’ambito medico, spiega a Sanità Informazione in cosa consiste il progetto che permetterà cure più facili e meno costose su pazienti fragili come bambini e donne in gravidanza

Tumori e adroterapia, il progetto (italiano) per la costruzione di un Gantry da 20 milioni

Può la tecnologia che ha permesso la scoperta, ad esempio, del bosone di Higgs essere impiegata in ambito sanitario per combattere le cellule tumorali? È possibile, ma la tecnologia al momento disponibile ha dei margini di miglioramento molto importanti che possono rendere meno costosa e più efficace la strumentazione. Lo strumento in questione si chiama Gantry e permetterebbe, una volta perfezionato, di trattare un paziente affetto da tumore con un fascio di ioni.

L’adroterapia

L’adroterapia è una forma di radioterapia per il trattamento e la cura di tumori spesso inoperabili o resistenti ai tradizionali trattamenti radioterapici. Questo tipo di trattamento è entrato nel 2017 a far parte dei Livelli Essenziali di Assistenza (Lea) previsti dal Servizio sanitario nazionale. A differenza della radioterapia tradizionale (che si basa sull’utilizzo di raggi x o elettroni), l’adroterapia prevede l’uso di protoni e ioni carbonio. Queste particelle hanno il vantaggio di essere più pesanti e dotate di maggior energia rispetto agli elettroni e di conseguenza di essere ancora più efficaci nel distruggere le cellule tumorali.

Il Gantry

Il Professor Lucio Rossi dell’Università degli Studi di Milano è tra i principali esperti di fisica sperimentale delle particelle applicata all’ambito medico, in virtù dei suoi 20 anni di esperienza al Cern (Organizzazione europea per la ricerca nucleare) e di tantissime alte esperienze professionali nel settore, in particolare, della superconduttività, e sarà ospite del Festival dell’Innovazione e della Scienza che si terrà dal 9 al 16 ottobre a Settimo Torinese: «Il 10% circa dei tumori – spiega a Sanità Informazione – è radioresistente, ovvero non può essere curato con i raggi x. Risultati migliori arrivano con l’utilizzo di particelle pesanti, e dunque protoni o ioni. In particolare, il Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica utilizza gli ioni carbonio. Questi – spiega ancora – risultano molto efficaci ma manca un sistema di puntamento del fascio con direzioni multiple».

In poche parole, è possibile proiettare il fascio sul paziente solo in due direzioni: orizzontale e verticale. Cosa che non avviene con la cura attraverso raggi x, la quale prevede che il paziente stia fermo mentre la strumentazione gli gira intorno. «Vorremmo fare qualcosa del genere – spiega il Prof. Rossi –, ciò ci permetterebbe di trattare al meglio i tumori, specialmente in persone fragili come bambini e donne incinte, perché l’utilizzo di particelle pesanti permette di diminuire la quantità di dose dei raggi che va a finire sui tessuti sani».

Il Progetto

Siamo ancora in una fase iniziale, ma l’Italia è mente e cuore di un progetto che vuole realizzare un Gantry basato su magneti superconduttori molto leggero e manovrabile: «Da quando sono tornato in Italia – spiega il Professor Rossi –, ovvero circa un anno fa, ho lanciato questa iniziativa e mi è stato assegnato un bando dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare per la realizzazione di un piccolo prototipo di magnete per Gantry».

Il progetto viene portato avanti anche con il Cnao di Pavia, l’Infn di Genova, l’Università di Torino e il laboratorio nazionale di Frascati, ma anche con il Cern e MedAustron (una sorta di Cnao austriaco). Attualmente ci troviamo nella fase di design, alla quale succederà quella costruttiva del prototipo (che durerà due o tre anni) e, infine, ci sarà la fase della costruzione.

Si tratta di «un oggetto che costa tanto – conclude il Professor Rossi –: lo valutiamo intorno ai 20 milioni». Questo progetto, una volta realizzato, permetterà da un lato di aumentare di molto l’efficacia della cura e, dall’altro, di abbassare i costi di gestione, di utilizzo e quelli infrastrutturali. E se una cura costa di meno, è possibile renderla accessibile a molte più persone.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Liste d’attesa e fondi a Regioni per recupero prestazioni sanitarie, Cittadinanzattiva: «Disomogeneità e poca trasparenza»
Le PA sono state interpellate su emanazione del piano regionale per il recupero delle liste d'attesa e fondi previsti, programmi/azioni per il recupero delle liste d'attesa, numero prestazioni effettivamente recuperate e ancora da recuperare
Medicina di Genere, Ferro (SitI): «Necessario investire su formazione, comunicazione e ricerca»
Il webinar della Società Italiana di Igiene fa il punto sulla questione e indica tre vie per promuovere l’argomento
Ottobre mese prevenzione dentale, visite gratuite e massima attenzione a giovani e anziani
Recenti ricerche universitarie mostrano, su un campione di 30mila italiani, che è in atto un peggioramento delle condizioni di salute del cavo orale
«L’Italia riparta da volontariato e Terzo Settore». L’appello di AIL per una sanità a misura d’uomo
Al Convegno a Roma presenti le principali realtà associazionistiche nel campo della salute. Focus sulla tossicità finanziaria
Salute anziani, consegnato a Roma il Premio De Sanctis per la Salute Sociale
A Croce Rossa Italiana, Comunità Sant’Egidio, Regione Emilia Romagna, Roberto Bernabei e Alessandro Boccanelli la prima edizione del Premio De Sanctis per la Salute Sociale. Consegnato oggi a Roma da un parterre d’eccezione il riconoscimento a coloro che si sono distinti nella tutela della salute degli anziani
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 ottobre, sono 239.611.288 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.882.126 i decessi. Ad oggi, oltre 6,57 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?