Salute 6 Agosto 2019

Tumore tiroideo, casi raddoppiati negli ultimi 20 anni. Inquinamento e radiazioni le principali cause

Il professor Raffaele Giubbini del gruppo di medicina nucleare dell’Università di Brescia: «Importante farsi operare alla tiroide da un chirurgo esperto che esegua 150-200 interventi all’anno»

di Federica Bosco

L’inquinamento e l’esposizione a radiazioni per terapie mediche sono tra le principali cause del tumore alla tiroide, che oggi è il più diffuso del sistema endocrino. Negli ultimi 20 anni i casi sono pressoché raddoppiati e ad essere più colpite sono le donne. Ad accendere i riflettori su una patologia silente e spesso diagnosticata in ritardo è il professor Raffaele Giubbini del gruppo di medicina nucleare dell’Università di Brescia: «Le tecniche diagnostiche sono migliorate. Oggi è più facile diagnosticare un piccolo nodulo che poi si manifesterà essere un tumore tiroideo tramite ecografie e screening fatti per valutare altre tipologie, ad esempio per valutazioni di vasi sovraortici; ma anche in pazienti che si sottopongono sistematicamente ad indagine per escludere eventuali altre sedi di lesione».

LEGGI ANCHE: TIROIDE, 7 REGIONI HANNO RAGGIUNTO LA IODOSUFFICIENZA MA 6 MILIONI DI ITALIANI ANCORA NE SOFFRONO

Una volta riscontrata la presenza di un carcinoma, come si agisce in Italia?

«Dopo aver individuato il tumore tiroideo, la cui diagnosi deve essere supportata da un esame istologico su ago aspirato, la seconda indagine più importate da fare è individuare un centro chirurgico con alti volumi, ovvero dove opera un chirurgo esperto che abbia una casistica superiore a 150-200 interventi alla tiroide all’anno, per effettuare una tiroidectomia che può essere parziale oppure intera, a seconda della classificazione del rischio a cui il paziente sarà sottoposto. Purtroppo, in Italia oggi non tutti i chirurghi che operano la tiroide hanno questo tipo di esperienza. E su questo il paziente deve essere informato, e devono essere individuati degli hub per il trattamento delle malattie della tiroide che abbiano a disposizione dei team che possano operare in un contesto multidisciplinare finalizzando le migliori scelte dal punto di vista terapeutico».

Il trattamento con Iodio 131 dopo l’intervento che ruolo ha?

«È uno strumento che serve a verificare la quantità di residuo tiroideo, ma soprattutto ad evidenziare la presenza di tessuto patologico in sede extra tiroidea. Quindi si tratta di un qualcosa che definiamo come ablazione del residuo, ma che ha sostanzialmente finalità solamente diagnostiche, di stadiazione della neoplasia, di identificazione di tessuto tiroideo patologico in sede extra tiroidea».

LEGGI ANCHE: TIROIDE, IL MARE NON BASTA. TRIGGIANI: «LO IODIO LO DOBBIAMO INTRODURRE CON GLI ALIMENTI»

Articoli correlati
“Tieni la Testa sul Collo”, al via la campagna per la diagnosi precoce del tumore maxillo-facciale
In Italia sono circa 104.000 i pazienti che convivono con un tumore testa-collo, una neoplasia che se diagnosticata precocemente ha un tasso di guarigione che va dal 75% al 100%
Tiroide e medicina nucleare, Marzola (AIMN): «Sì alle precauzioni ma niente paura, le tecniche sono sicure ed efficaci»
«La medicina nucleare può seguire due percorsi, uno diagnostico e l’altro terapeutico, entrambi efficaci. L’importante è informarsi correttamente e affidarsi ai professionisti». Così Maria Cristina Marzola, consigliere dell'Associazione italiana medicina nucleare
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Cancro: come si combatte a tavola? Beretta (Aiom): «Zucchero traditore, troppo consumo aumenta lo stato infiammatorio»
«Un eccesso di zuccheri crea uno stato infiammatorio che favorisce l’insorgenza di cellule tumorali», sottolinea Giordano Beretta, oncologo dell’Ospedale Humanitas Gavazzeni di Bergamo
di Federica Bosco
Morto Mattia Torre, l’ultima intervista a Sanità Informazione
E’ morto a Roma, in seguito ad una lunga malattia, Mattia Torre, attore, scrittore, autore e sceneggiatore di teatro cinema e tv (tra l’altro della fortunata serie Boris). Aveva 47 anni ed era malato da tempo. Di recente ha realizzato “La linea verticale”, progetto dedicato alla sanità italiana e alla sua storia di malato di […]
Commissione Ue, è medico la nuova presidente von der Leyen. Ecco cosa propone per la sanità
Eletta con 383 voti l’esponente della Cdu tedesca. Lascia il posto di Ministro della Difesa in Germania. Propone un piano europeo per combattere il cancro e sostenere gli Stati membri nel migliorare l’assistenza e la prevenzione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali