Salute 11 Settembre 2019

Tumore al seno, la Fondazione Rava ad Haiti per formare i professionisti sanitari locali e sensibilizzare la popolazione

Con “Women for Haiti” realizzato il primo centro per la diagnosi e la cura del tumore della mammella. In 18 mesi, 2050 donne sottoposte a screening, individuate 119 masse tumorali sospette, 41 trattate chirurgicamente, 37 con chemioterapia

di Isabella Faggiano

Autopalpazione, diagnosi strumentale e mastectomia. Sono queste le competenze che i medici italiani hanno trasmesso ai colleghi haitiani, ora finalmente in grado di prevenire, diagnosticare e curare un tumore al seno. Tutto grazie all’ impegno della Fondazione Francesca Rava che, proprio sull’isola caraibica, ha avviato “Women for Haiti”, un’iniziativa dedicata alle donne del luogo. In 18 mesi sono state compiute 5 missioni mediche dall’Italia per la formazione, 2.050 donne sono state sottoposte a screening, individuate 119 masse tumorali sospette, 41 trattate chirurgicamente con mastectomie e 37 con chemioterapia.

LEGGI ANCHE: “WOMEN FOR HAITI”, MARTINA COLOMBARI: «TESTIMONIAL? PRIMA DI TUTTO VOLONTARIA. SE NON VEDI CON I TUOI OCCHI E NON PROVI CON IL TUO CUORE, NON PUOI RACCONTARE»

Il cancro al seno è la seconda causa di morte per le donne haitiane, per le quali sinora non esistevano possibilità di diagnosi, cura o terapia del dolore: «Qui – dice Mariavittoria Rava, presidente della Fondazione – fino a meno di due anni fa non c’era nemmeno un reparto dedicato a questa patologia oncologica». E di conseguenza, le donne del luogo ignoravano completamente sia l’esistenza, che i rischi, di un tumore della mammella. «Durante una delle nostre missioni – racconta la presidente Rava – ricordo una signora che aveva un seno enorme, gonfissimo, talmente dolorante da non riuscire a camminare. Il suo tumore era, ormai, in uno stadio troppo avanzato, incurabile. Era su una carrozzella ed attraversava una strada sterrata: ogni volta che la ruota della sua sedia urtava contro un sasso emetteva un urlo di dolore. Era straziante».

LEGGI ANCHE: TUMORE AL SENO, CON “IMPRONTE” RICERCATRICI SFILANO PER LA PREVENZIONE ONCOLOGICA

Da circa un anno e mezzo, la Fondazione Francesca Rava, con il coordinamento scientifico del medico volontario Enrico Cassano, direttore della Radiologia Senologica dello IEO, ha realizzato e sostiene presso l’ospedale Saint Luc il primo centro per la diagnosi e la cura del tumore al seno ad Haiti. In questo centro è stato allestito un ambulatorio per screening ecografico, sono stati assunti e formati un medico oncologo, un radiologo, due infermiere professionali e 2 Health Promoters, che in giro per parrocchie, mercati, aziende, ospedali, distribuiscono poster e volantini in creolo per diffondere la cultura della prevenzione attraverso l’autopalpazione.

«La filosofia della Fondazione è proprio quella di trasferire le competenze – spiega Mariavittoria Rava – affinché i medici possano salvare le donne di Haiti e, contemporaneamente, trasmettere quelle competenze ad altri dottori in tutto il Paese. Anche il rapporto con la popolazione locale è straordinario – aggiunge la presidente della Fondazione -. A dicembre, durante  l’ultima missione è stato davvero commovente vedere questa lunghissima coda di donne in attesa di farsi visitare dal dottor Cassano. Donne che, man mano che ascoltavano gli specialisti, acquisivano la consapevolezza di avere un male che non poteva essere più curato, ma anche la certezza di poter tornare a casa ed insegnare alle proprie figlie l’autopalpazione per una diagnosi precoce. Salvando, se non la loro vita, almeno quella dei loro cari».

Articoli correlati
Cancro del seno, la flora batterica del tessuto mammario potrebbe predisporre alla malattia. Lo studio del Gemelli
Grazie a uno studio condotto presso la Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS – Università Cattolica, in collaborazione con l’Università della Tuscia di Viterbo, si è scoperto che anche la composizione della flora batterica che si annida nel tessuto delle mammelle potrebbe avere un ruolo nel predisporre certe donne al cancro del seno. In futuro […]
Cancro al seno, i 5 consigli dell’oncologo per prendere il sole e fare il bagno in tutta sicurezza
di Giuseppe Petrella, oncologo e docente Tor Vergata di Roma
di Giuseppe Petrella, oncologo e docente Tor Vergata di Roma
Congresso ASCO, il 70% di donne con tumore al seno iniziale può evitare la chemio
Il 70% delle donne colpite da un tumore al seno iniziale potrebbe evitare la chemioterapia. È quanto emerge dallo studio americano “Tailorx” presentato a Chicago al meeting annuale dell’American Society of Clinical Oncology (Asco). Lo studio, condotto su 10.273 donne con la forma più comune della malattia, ossia con recettori ormonali postivi e Her2-negativo, dimostra che gran […]
Race for the cure, inaugurato il villaggio della salute
È stato inaugurato questa mattina il Villaggio della Salute – Race for the Cure, che darà il via alla quattro giorni dedicata alla salute, allo sport e al benessere per la lotta ai tumori del seno in programma al Circo Massimo fino al 20 maggio. Insieme a Riccardo Masetti, Presidente di Komen Italia, presenti al […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...
Salute

Professioni sanitarie, Beux (maxi Ordine): «Dal 1° ottobre possibile iscriversi agli elenchi speciali»

Il Presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP annuncia l’attivazione sul portale della procedura per iscriversi: «I professionisti, iscrivendosi al relativo elenco speciale a esauriment...