Salute 11 Settembre 2019

Tumore al seno, la Fondazione Rava ad Haiti per formare i professionisti sanitari locali e sensibilizzare la popolazione

Con “Women for Haiti” realizzato il primo centro per la diagnosi e la cura del tumore della mammella. In 18 mesi, 2050 donne sottoposte a screening, individuate 119 masse tumorali sospette, 41 trattate chirurgicamente, 37 con chemioterapia

di Isabella Faggiano

Autopalpazione, diagnosi strumentale e mastectomia. Sono queste le competenze che i medici italiani hanno trasmesso ai colleghi haitiani, ora finalmente in grado di prevenire, diagnosticare e curare un tumore al seno. Tutto grazie all’ impegno della Fondazione Francesca Rava che, proprio sull’isola caraibica, ha avviato “Women for Haiti”, un’iniziativa dedicata alle donne del luogo. In 18 mesi sono state compiute 5 missioni mediche dall’Italia per la formazione, 2.050 donne sono state sottoposte a screening, individuate 119 masse tumorali sospette, 41 trattate chirurgicamente con mastectomie e 37 con chemioterapia.

LEGGI ANCHE: “WOMEN FOR HAITI”, MARTINA COLOMBARI: «TESTIMONIAL? PRIMA DI TUTTO VOLONTARIA. SE NON VEDI CON I TUOI OCCHI E NON PROVI CON IL TUO CUORE, NON PUOI RACCONTARE»

Il cancro al seno è la seconda causa di morte per le donne haitiane, per le quali sinora non esistevano possibilità di diagnosi, cura o terapia del dolore: «Qui – dice Mariavittoria Rava, presidente della Fondazione – fino a meno di due anni fa non c’era nemmeno un reparto dedicato a questa patologia oncologica». E di conseguenza, le donne del luogo ignoravano completamente sia l’esistenza, che i rischi, di un tumore della mammella. «Durante una delle nostre missioni – racconta la presidente Rava – ricordo una signora che aveva un seno enorme, gonfissimo, talmente dolorante da non riuscire a camminare. Il suo tumore era, ormai, in uno stadio troppo avanzato, incurabile. Era su una carrozzella ed attraversava una strada sterrata: ogni volta che la ruota della sua sedia urtava contro un sasso emetteva un urlo di dolore. Era straziante».

LEGGI ANCHE: TUMORE AL SENO, CON “IMPRONTE” RICERCATRICI SFILANO PER LA PREVENZIONE ONCOLOGICA

Da circa un anno e mezzo, la Fondazione Francesca Rava, con il coordinamento scientifico del medico volontario Enrico Cassano, direttore della Radiologia Senologica dello IEO, ha realizzato e sostiene presso l’ospedale Saint Luc il primo centro per la diagnosi e la cura del tumore al seno ad Haiti. In questo centro è stato allestito un ambulatorio per screening ecografico, sono stati assunti e formati un medico oncologo, un radiologo, due infermiere professionali e 2 Health Promoters, che in giro per parrocchie, mercati, aziende, ospedali, distribuiscono poster e volantini in creolo per diffondere la cultura della prevenzione attraverso l’autopalpazione.

«La filosofia della Fondazione è proprio quella di trasferire le competenze – spiega Mariavittoria Rava – affinché i medici possano salvare le donne di Haiti e, contemporaneamente, trasmettere quelle competenze ad altri dottori in tutto il Paese. Anche il rapporto con la popolazione locale è straordinario – aggiunge la presidente della Fondazione -. A dicembre, durante  l’ultima missione è stato davvero commovente vedere questa lunghissima coda di donne in attesa di farsi visitare dal dottor Cassano. Donne che, man mano che ascoltavano gli specialisti, acquisivano la consapevolezza di avere un male che non poteva essere più curato, ma anche la certezza di poter tornare a casa ed insegnare alle proprie figlie l’autopalpazione per una diagnosi precoce. Salvando, se non la loro vita, almeno quella dei loro cari».

Articoli correlati
Cancro al seno, i test genomici evitano chemioterapie inutili. Ma sono rimborsati solo da Lombardia e Alto Adige
Carlo Tondini (Direttore Oncologia Medica, Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo): «Nell’attuale crisi emergenziale, risparmiare una chemioterapia non essenziale con l’utilizzo dei test genomici protegge le pazienti affette da tumore al seno, più vulnerabili al rischio di Covid-19, e contribuisce al contenimento della pandemia»
Tumore al seno in giovani donne e maternità: binomio possibile? Lo studio dello IEO di Milano
Partito Positive, lo studio internazionale diretto dal dottor Fedro Peccatori, direttore dell’Unità di fertilità e Procreazione dello IEO, per permettere alle giovani donne con tumore alla mammella di sospendere la terapia ormonale, fare un figlio e riprenderla alla nascita del bambino, senza compromettere terapia e gravidanza
di Federica Bosco
Cancro al seno, grazie a nuovi farmaci si vive di più e meglio. Ma come coniugare disponibilità e sostenibilità?
Conte (Università Padova): «Necessario iniziare a cambiare il modo di produrre evidenza scientifica». Del Mastro (Università Genova): «Serve pianificazione delle spese dando priorità a farmaci che hanno grosso impatto ed evitando sprechi di risorse»
Cancro al seno, ecco i tre studi più significativi presentati al San Antonio Breast Cancer Symposium
Riguardano il carcinoma mammario HER-2 positivo le novità più dirompenti presentate al simposio texano. La classifica degli abstract più interessanti secondo Lucia Del Mastro (Università di Genova), PierFranco Conte (Università di Padova) e Michelino De Laurentiis (Fondazione Pascale di Napoli)
di Giulia Cavalcanti, Inviata in Texas
Cancro al seno, dal Texas nuove speranze per pazienti con tumore metastatico HER2 positivo
Presentati al San Antonio Breast Cancer Symposium i risultati dello studio Destiny-Breast01: la risposta del tumore al Trastuzumab Deruxtecan ha raggiunto il 60,9%. Curigliano (IEO): «Il lavoro migliore, cambierà la pratica clinica. L'Italia agevoli l’accesso alle terapie innovative»
di Giulia Cavalcanti, inviata in Texas
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 giugno, sono 6.514.359 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 386.111 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino delle ore 18:00 del 3 giugno: nel...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Formazione

Fuga dagli ospedali, 500 specialisti hanno tentato il concorso di Medicina Generale

Sono soprattutto internisti, chirurghi, radiologi, geriatri e anestesisti a scegliere di provare a tornare sui territori. Lo studio dell'Associazione Liberi Specializzandi
di Tommaso Caldarelli