Salute 14 Aprile 2021 13:04

Tumore al seno, psico-oncologia offerta solo al17% delle pazienti

I risultati del progetto ForteMente confermano una scarsa attenzione alla sfera psicologica e suggeriscono nuovi percorsi da esplorare con la telemedicina. Europa Donna Italia e SIPO: «Potenziare i servizi»

di Federica Bosco
Tumore al seno, psico-oncologia offerta solo al17% delle pazienti

Più del 30% dei pazienti oncologici soffre di depressione a causa della malattia. Uno stato di ansia e di forte stress che coinvolge non solo i malati, ma anche i familiari. Per questo si rendono necessari i servizi di psico-oncologia soprattutto per neoplasie molto diffuse e frequenti come il tumore del seno. A confermarlo, la seconda edizione di “ForteMente”, un progetto di Europa Donna Italia e SIPO (Società Italiana di Psico-Oncologia) che ha preso in esame le 44 Breast Unit di Piemonte, Emilia-Romagna e Lazio.

I dati emersi hanno evidenziato che da un lato solo il 17% delle donne in cura ha beneficiato del supporto psicologico, mentre d’altro canto esistono forti criticità per quanto riguarda la carenza di personale dedicato e soprattutto qualificato nell’assistenza psicologica delle malate oncologiche. La ricerca, che ha coinvolto psicologi, oncologi, coordinatori dei centri e associazioni di volontariato, ha fatto emergere che il 30% degli operatori sanitari è costituito da consulenti part-time, dottorandi, specializzandi e tirocinanti.

D’Antona: «Potenziare servizi di psico-oncologia»

«I servizi di psico-oncologia per le pazienti colpite da tumore al seno devono essere al più presto potenziati – ha commentato Rosanna D’Antona, Presidente di Europa Donna Italia, durante la conferenza stampa -. Ad oggi le risorse umane ed economiche sono poche e il Covid rischia di avere ulteriori effetti negativi, rendendo ancora più difficile l’accesso a queste consulenze. Avere un aiuto professionale amicale o affettivo è quindi determinante».

Partito nel 2018, il progetto è giunto alla seconda edizione con l’intento di trovare soluzioni innovative in grado di superare anche l’ostacolo del Covid. «Dalla ricognizione fatta nelle tre regioni, è apparso evidente che esiste uno squilibrio tra il bisogno e le risposte che oggi la sanità offre e che rispecchia una diffusa tendenza a sottovalutare il supporto psicologico nell’ambito oncologico come parte del percorso di cura, nonostante sia previsto dalle Linee Guida nazionali ed internazionali», ha aggiunto Rosanna D’Antona.

Bellani: «Psico-oncologo sia obbligatorio in tutte le Breast Unit»

Una criticità evidenziata anche dal professor Marco Bellani, Presidente della Società italiana di Psico-Oncologia, che ha aggiunto: «Per garantire servizi adeguati di psico-oncologia occorre non solo un potenziamento delle risorse, ma anche riconoscere il ruolo dello psico-oncologo all’interno del team multidisciplinare e la necessità di una sua stretta collaborazione con tutti gli specialisti. Non bisogna sottovalutare le proiezioni di AIOM che prevedono 55 mila nuove diagnosi di tumore al seno per i prossimi anni, a cui se ne aggiungerà un 40% dovuto ai ritardi negli screening mammografici. Questi elementi messi in evidenza dalla ricerca non possono essere trascurati e richiedono una risposta da parte delle istituzioni. Chiediamo pertanto che ci sia l’applicazione di un recente documento firmato dalla conferenza Stato-Regioni che prevede e sancisce l’obbligatorietà dello psico-oncologo nelle Breast Unit di tutta Italia».

PsyDit, piattaforma digitale con tecnologie all’avanguardia

Patrocinato da AIOM (Associazione Italiana Oncologia Medica), A.Ge.Na.S. (Agenzia Nazionale per i servizi sanitari Regionali) e Seno network Italia Onlus, il progetto ForteMente ha trovato nel supporto a distanza con tecnologie all’avanguardia soluzioni percorribili. Per questo dopo la fase di ricognizione nelle tre regioni, realizzata nel secondo semestre del 2020, in Piemonte, presso la Breast Unit dell’AOU Città della Salute e della Scienza di Torino, e nel Lazio, presso l’Istituto dei Tumori Regina Elena, è stato avviato un progetto pilota sulla piattaforma digitale PsyDit (acronimo di Psycho Therapy Digital Tools).

«La parola d’ordine è innovare – ha spiegato Cristina Cenci, CEO di DNM-Digital Narrative Medicine -. Pertanto si è studiato un setting che potesse creare uno strumento differente per reinventare un percorso terapeutico in grado di traghettare il paziente dall’analogico al digitale». Un principio messo in atto anche in Emilia-Romagna, nella Breast Unit di Modena, dove è stata garantita la continuità terapeutica psicologica a 144 donne, di cui 99 in presenza, 12 esclusivamente in remoto e 33 in modalità mista grazie alla telemedicina.

ForteMente proseguirà nella stagione 2021-22 in altre regioni con l’obiettivo di estendere il servizio di psico-oncologia nelle Breast Unit di tutte le regioni italiane perché, ha concluso Rosanna D’Antona di Europa Donna Italia, «come diceva il Professor Umberto Veronesi, occorre estirpare il tumore al seno non solo dal corpo ma anche dalla mente, e qui il fattore psicologico è fondamentale».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Cancro al seno metastatico HER2+, Trastuzumab deruxtecan ha migliorato la sopravvivenza
«I risultati top-line positivi dello studio head-to-head di fase 3 DESTINY-Breast03 hanno dimostrato la superiorità dell’anticorpo monoclonale farmaco-coniugato (ADC) anti-HER2 di Daiichi Sankyo e AstraZeneca, trastuzumab deruxtecan, rispetto a trastuzumab emtansine (T-DM1)». È quanto si legge in una nota. «In un’analisi ad interim pianificata, infatti – prosegue il comunicato -, l’Independent Data Monitoring Committee (IDMC) […]
Più tutele per i lavoratori con malattie oncologiche e croniche, alla Camera parte l’iter della legge. Le proposte
In commissione Lavoro cinque i Ddl depositati: tutti puntano ad aumentare il “periodo di comporto”, il tempo in cui il lavoratore ha diritto alla corresponsione di una retribuzione o un'indennità. Plaude la FAVO da anni impegnata sul tema. Si punta anche ad estendere le tutele per lavoratori autonomi e liberi professionisti
Tumori radioresistenti e inoperabili, cos’è l’adroterapia disponibile in soli 5 Paesi al mondo (tra cui l’Italia)
A Pavia festeggia 20 anni di attività il Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica con una nuova piattaforma per mettere in rete i professionisti e favorire l’accesso dei pazienti oncologici. Orlandi: «Un acceleratore di particelle scompone gli atomi e dirige i fasci sui tessuti tumorali risparmiando le strutture sane»
di Federica Bosco
Tumori, Aiom: «Con Covid -11% di nuove diagnosi, torniamo a visitarci gli ospedali sono sicuri»
Nuove diagnosi a -11%, nuovi trattamenti farmacologici a -13% e interventi chirurgici a -18%, Aiom lancia l'allarme
Tumore testa e collo, oltre mille pazienti trattati con l’adroterapia. Ecco cos’è
Sono 5 i centri in tutto il mondo, in Italia si trova a Pavia. 1185 pazienti con tumori del distretto testa collo resistenti ad altre terapie sono stati trattati con protoni e ioni di carbonio
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 settembre, sono 228.557.439 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.692.079 i decessi. Ad oggi, oltre 5,9 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco