Salute 13 Ottobre 2020 15:27

Tumore al seno, il 13 ottobre sarà la Giornata Nazionale. Lorefice: «Accesso a terapie sia uniforme da nord a sud»

Alla Camera conferenza stampa per sensibilizzare sul tema. Europa Donna Italia presenta un manifesto in sette punti che prevede, tra le altre cose, la presa in carico da parte di un team di specialisti, lo psiconcologo e l’accesso ai farmaci innovativi

Tumore al seno, il 13 ottobre sarà la Giornata Nazionale. Lorefice: «Accesso a terapie sia uniforme da nord a sud»

Il simbolo della Giornata è il nastro rosa: ricorda il dolore ma anche il coraggio di tante donne che si trovano a combattere contro il cancro al seno. Ora la Giornata Nazionale di sensibilizzazione sul tumore al seno metastatico è realtà dopo che il Consiglio dei Ministri ha approvato la richiesta del Ministro della Salute Roberto Speranza. In attesa della formalizzazione (manca la firma del Premier Giuseppe Conte) oggi la Camera si tinge di viola: una iniziativa voluta dal Presidente dell’Assemblea Roberto Fico e dalla Presidente della Commissione Affari Sociali Marialucia Lorefice che ha voluto organizzare una conferenza stampa alla Camera proprio nel giorno che sarà scelto per la ricorrenza, il 13 ottobre.

GIORNATA NAZIONALE DI SENSIBILIZZAZIONE SUL TUMORE AL SENO METASTATICO

«Sono 37mila le donne che sono affette da tumore al seno metastatico. Per questo è importante accendere i riflettori – sottolinea Lorefice -. Dagli incontri che ho svolto in questi anni con le associazioni delle pazienti è emerso un senso di solitudine e di abbandono nel momento del confronto con la malattia anche da parte dello Stato. Per questo serve lavorare a più tutele nel mondo del lavoro, a far sì che si possa accedere in tempi congrui alle visite specialistiche, alle strutture ad hoc che devono esser distribuite in tutto il Paese».

LOREFICE: «GARANTIRE UNIFORME ACCESSO ALLE TERAPIE DA NORD A SUD»  

Lorefice ha poi posto l’accento sulle differenze in Italia nell’accesso alle cure che riguardano non solo questa patologia: «Ci sono tantissime persone in Italia che per curarsi sono costrette a spostarsi di regione in regione. In mobilità sanitaria si spendono moltissime risorse, circa 4 miliardi l’anno. Bisogna lavorare su questo, è un impegno che il Parlamento ha e su cui la Commissione Affari Sociali lavorerà».

L’Italia è il primo Paese europeo a proclamare la Giornata Nazionale sul tumore al seno metastatico, seguendo l’esempio degli Stati Uniti d’America. I dati sottolineano che la malattia colpisce molto spesso anche donne giovani, un calvario che può durare per anni. «Si tratta spesso di donne giovani: secondo un recente studio il 40% di loro è costretta a lasciare il lavoro e il 60% vive con disagio il rapporto con il partner. Per questo servono provvedimenti mirati a migliorare la qualità della vita delle pazienti» ha sottolineato la Vice Presidente della Camera Maria Edera Spadoni.

DDL TUMORE AL SENO, SARLI (M5S): «INTRODURRE PDTA MIRATI»

In prima linea sul tema c’è la parlamentare del Movimento Cinque Stelle Doriana Sarli, che ha presentato anche un Ddl in materia. «Il tumore al seno è paragonabile a una malattia cronica – ha affermato -. Nel Disegno di legge che ho presentato, oltre all’istituzione della Giornata Nazionale, si introducono dei Pdta mirati che prevedono la presa in carico globale durante tutto il percorso della malattia ma anche centri multidisciplinari e una presenza uniforme delle breast unit sul territorio. Purtroppo tante regioni in piano di rientro sanitario non hanno avuto la forza e la capacità organizzativa di mettere a disposizione questo servizio. Ad esempio in Campania abbiamo tra i più bravi medici che si occupano di questa malattia ed è un peccato non avere un sistema che li supporti».

Nel Ddl c’è anche un percorso facilitato per la domanda di invalidità e un programma nazionale di genetica oncologica oltre a una Consulta nazionale che prenda dati dalle regioni e li renda disponibile su tutto il territorio nazionale. Soddisfatte le associazioni delle pazienti presenti alla conferenza, Europa Donna Italia e “Noi ci siamo”.

IL MANIFESTO DI EUROPA DONNA

«Noi non vogliamo una giornata che sia un’etichetta – sottolinea Rosanna D’Antona, Presidente di Europa Donna -. Abbiamo un manifesto in sette punti che prevede la presa in carico da parte di un team di specialisti e lo psiconcologo oltre all’accesso ai farmaci innovativi».

Nel documento in sette punti presentato da Europa Donna Italia c’è anche la richiesta di un accesso agevolato agli esami con tempi di attesa ridotti e rapida consegna degli esiti, e informazioni sui trials clinici disponibili e indicati per la situazione della singola paziente.

«Sono cinque anni che stiamo lavorando per combattere il senso di abbandono che colpisce le donne che devono affrontare la malattia – conclude D’Antona -. Le assicuro che non è solo un tema di senso di abbandono ma anche quasi di senso di vergogna perché la scienza ci ha detto che con la prevenzione il 94% ne viene fuori, ma c’è sempre questo 6%, composto da 37mila donne, che si chiedono: “Perché a me, perché proprio io?” Credo che lo Stato si debba impegnare affinché questo grande numero di donne abbia una qualità di vita migliore».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Dislipidemie e prevenzione, come intercettare i pazienti esposti ad alto rischio cardiovascolare?
Rosalba Cipriani, Responsabile del reparto di medicina dell’ospedale Fabrizio Spaziani di Frosinone, racconta a Sanità Informazione quanto è difficile sensibilizzare nel modo più efficace e capillare possibile la popolazione a rischio cardiovascolare
Colesterolo, Lazzeroni (cardiologo): «Il 70% dei nostri pazienti dislipidemici non è a target. C’è un problema di sensibilizzazione»
«Circa otto eventi cardiovascolari su dieci sono prevenibili – spiega il cardiologo Davide Lazzeroni a Sanità Informazione - ma per farlo il tempo è fondamentale, bisogna agire subito sui pazienti a rischio»
Cardiologia riabilitativa in affanno: dal Niguarda raccomandazioni su prevenzione e home-rehabilitation
«Una terapia cardio preventiva e post evento acuto permette di migliorare la qualità della vita ed avere una ricaduta positiva sull’economia sanitaria» così Salvatore Riccobono del Cardio Center Fondazione De Gasperis
di Federica Bosco
Convivere con il Cancro: il progetto “Pink Positive” di Daiichi Sankyo Italia diventa un sito
In occasione della giornata mondiale contro il cancro, Daiichi Sankyo Italia lancia il sito Pink Positive, con nuovi capitoli dell’ebook, scritto e aggiornato dai maggiori esperti italiani per aiutare le pazienti oncologiche e i caregiver ad affrontare meglio i vari aspetti della quotidianità dopo la diagnosi, e con l’aggiunta di contenuti multimediali e una lista di link a fonti affidabili e servizi disponibili
Tumore al seno, studio Campus Bio-Medico: un anticorpo monoclonale può bloccare la diffusione delle metastasi ossee
Un team internazionale guidato dall’Università Campus Bio-Medico di Roma e dall’Inserm di Lione ha dimostrato che l’inibizione della proteina integrina alfa5, tramite l’anticorpo monoclonale Volociximab, è in grado di bloccare l’insorgenza delle metastasi ossee
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 marzo, sono 115.199.608 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.560.287 i decessi. Ad oggi, oltre 268,57 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’av...