Salute 4 Marzo 2021 17:18

Terapie intensive sempre più piene. Quici (Cimo-Fesmed): «Il personale è poco e spesso in burnout. Serve lockdown con massiccia campagna vaccinale»

Terapie intensive a tre punti percentuali dalla soglia critica. «Nei mesi post-lockdown ospedali avrebbero dovuto prevedere un piano b». E sul piano vaccinale: «Inutili nuove strutture in cui fare le vaccinazioni se manca il personale sanitario che deve farle»

Terapie intensive sempre più piene. Quici (Cimo-Fesmed): «Il personale è poco e spesso in burnout. Serve lockdown con massiccia campagna vaccinale»

Indirizzi uniformi su tutto il territorio nazionale, lockdown da abbinare ad una massiccia campagna vaccinale, rivisitazione urgente del territorio ma anche flessibilità degli ospedali. Sono queste, per Guido Quici (Presidente Cimo-Fesmed) alcune delle cose da fare per cercare di superare con meno danni possibile la terza ondata della pandemia da Covid-19. Cose che evidentemente andavano fatte prima, quando il conto totale dei contagiati e dei morti per coronavirus era sceso ai minimi termini in seguito al lockdown totale di un anno fa.

Perché dopo un anno sembra quasi di stare punto e daccapo, con il numero di contagi in continua crescita e le terapie intensive e sub-intensive sempre più affollate. Il numero di posti letto di terapia intensiva occupati da pazienti Covid−19 in Italia ha infatti raggiunto il 27%, a soli tre punti percentuali dalla soglia critica. Quelli relativi all’area non critica (ovvero i posti letto di area medica afferenti alle specialità di malattie infettive, medicina generale e pneumologia) sono al 31%.

«Ciò che è venuto meno, dal mio punto di vista – spiega Quici a Sanità Informazione –, è che, superata la prima fase della pandemia, quando era oggettivamente difficile districarsi e prendere provvedimenti, abbiamo avuto tutto il tempo per immaginare una programmazione idonea all’apertura o chiusura dei posti letto, intensivi o sub-intensivi, a seconda delle esigenze dettate dal quadro pandemico. Le strutture – spiega – sono in crisi perché non hanno pianificato nulla».

Non bisogna dimenticare poi che le migliaia e migliaia di contagiati di questi giorni sono una fotografia di almeno un paio di settimane fa e che «ci sono tanti asintomatici che magari svilupperanno la patologia tra qualche giorno e che potrebbero, successivamente, andare a riempire ulteriormente le terapie intensive e sub-intensive». O i cimiteri.

La situazione, già grave qualche mese fa (quando, ad esempio, a novembre lo stesso Quici ci aveva spiegato i perché della necessità di un nuovo lockdown nazionale), è peggiorata con l’arrivo della variante inglese, per colpa della quale «abbiamo avuto un incremento esponenziale dei casi». Nel corso di questi mesi sarebbe stato opportuno che «gli ospedali si riorganizzassero e avessero un piano b, il che significa prevedere la possibilità di chiudere velocemente alcuni reparti e riconvertirli in Covid con personale a disposizione. Se lo hanno fatto – spiega Quici –, allora per il momento è possibile gestire la situazione. Se non hanno fatto questo tipo di programmazione è chiaro che stia andando male».

Ma il problema non è solo relativo a pianificazioni e strutture. Esiste un problema anche di personale: «Mesi fa si parlava di incrementare di alcune migliaia di unità i posti letto, ma tutto è rimasto sulla carta. Dal punto di vista pratico, dov’è il personale? È un po’ lo stesso che sta accadendo con il piano vaccinale. Apriamo le caserme e le scuole per fare posto, ma poi le vaccinazioni chi le fa? Purtroppo c’è un problema di risorse umane che sono fondamentali e per questo sono molto amareggiato».

La situazione è dunque questa, ma cosa si può fare ora (ammesso che non sia troppo tardi)? «Sono sempre stato favorevole al lockdown totale. L’ideale, secondo me, sarebbe riproporlo in coincidenza con un arrivo massiccio di milioni di dosi di vaccino. Abbiamo assistito ad un crollo dei contagi nel personale sanitario perché l’effetto del vaccino è stato importante. Dall’altro lato, però, occorre prevedere norme restrittive e serie: se non lo fai le persone possono non rispettarle e tu Stato perdi di credibilità».

In aggiunta a tutto questo, secondo Quici è necessaria una «seria riorganizzazione della rete territoriale e una rivisitazione dell’organizzazione ospedaliera che deve essere flessibile». Solo in questo modo l’ospedale può «adattarsi al mutare delle esigenze imposte dalla pandemia».

È possibile fare tutto ciò in tempi brevi? «Dipende – risponde il Presidente di Cimo-Fesmed –. Se parliamo, ad esempio, di ospedali a padiglioni, ci si può organizzare. Se sono invece ospedali monoblocco diventa tutto più complicato».

Ma, come detto, esiste anche un problema relativo alle condizioni in cui lavora il personale sanitario: «Prendiamo in considerazione l’età avanzata dei medici, la stanchezza di chi lavora giorno e notte in quei reparti e i problemi di burnout che ne derivano. I colleghi sono distrutti, sia fisicamente che psicologicamente. Purtroppo, le persone non percepiscono queste situazioni. Ma non lo fanno neanche i legislatori che dovrebbero prendere provvedimenti unici su tutto il territorio nazionale. Alcune Regioni cercano di passare da un colore con minori restrizioni ad uno che ne ha di più. Altre fanno l’opposto perché hanno imprenditori che pressano. Non è possibile continuare così – conclude Quici –, ci deve essere una indicazione unica che deve essere eseguita nello stesso modo su tutto il territorio nazionale».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid 19, Comitato Cure domiciliari consegna al Ministero della Salute 30mila firme per chiedere schema terapeutico
L’Unione per le Cure, i Diritti e le Libertà, associazione di cittadini a sostegno del Comitato Cura Domiciliare Covid-19, in occasione della consegna al Ministro della Salute, Roberto Speranza, delle quasi 30 mila sottoscrizioni di cittadini alla petizione per ottenere l’adozione dello schema terapeutico del comitato nelle linee guida del Ministero della Salute e per […]
Vaccini, Rostan (Misto): «Obbligo vaccinale per il personale scolastico è scelta di responsabilità»
«Introdurre l’obbligo vaccinale per il personale scolastico è una scelta di responsabilità assolutamente in linea con la strategia di prevenzione e contrasto adottata dal governo Draghi con il supporto del Commissario straordinario Francesco Paolo Figliuolo. L’emergenza Covid-19 non è affatto superata e non possiamo consentirci l’esplosione di nuovi cluster alla ripresa dell’anno scolastico. Chi tenta […]
Covid-19, Iss: «Da febbraio quasi 99 deceduti su 100 non avevano completato il ciclo vaccinale»
Tra i soggetti vaccinati in modo completo, l'età media è più alta così come il numero medio di patologie pregresse
Quali sono i possibili effetti indesiderati del vaccino anti-Covid per i ragazzi 12-15 anni?
Dalle attività di farmacovigilanza sono emersi segnali di sicurezza potenzialmente rilevanti per questa fascia di età?
Covid, con primi stop ai sanitari non vaccinati rischio buchi in reparti
Sternativo (Fials Milano): «Solo quando il datore di lavoro è impossibilitato all'assegnazione dell'operatore non vaccinato a mansioni diverse è tenuto a dare avvio al periodo di sospensione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 luglio, sono 194.729.113 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.167.758 i decessi. Ad oggi, oltre 3,88 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Cause

Ex specializzandi, altre sentenze e novità su quantum risarcitorio e prescrizione

Intervista all’avvocato Marco Tortorella che spiega le novità che interessano i medici che non hanno ricevuto il corretto trattamento economico durante gli anni di scuola post-laurea