Salute 11 Dicembre 2020 18:42

Telemonitoraggio pazienti Covid, il modello Latina: «Solo 48 sono finiti in pronto soccorso»

I dirigenti della Ausl pontina: «Il 92% dei casi può essere seguito da remoto. La telemedicina può consentire il salto di qualità»

di Tommaso Caldarelli

Telemonitoraggio dei pazienti coronavirus, le regioni si attrezzano. Protocolli e linee guida sorgono in Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Veneto, Lazio, Toscana; le norme nazionali iniziano ad implementare le possibilità offerte dalla telemedicina. D’altronde, per quanto difficoltosa e spaventosa sia la patologia causata dal Sars-COV-2, la stragrande maggioranza dei casi, se adeguatamente monitorata, non necessita di intervento ospedaliero: e anzi è stato proprio questo il fattore che ha scatenato i principali problemi nella fase uno della pandemia, quando, per mancanza di informazioni e di pratiche adeguate, l’ospedalizzazione dei pazienti era diventata la norma.

Nel Lazio c’è un’esperienza pilota di telemonitoraggio coronavirus che lavora a pieno regime fin dalla fase uno. È la sala operativa della AUSL di Latina. Il capoluogo pontino, hanno spiegato gli incaricati del presidio territoriale alle telecamere di Sanità Informazione, ha preso in carico dal marzo 2020 circa 6500 pazienti. Per 728 è stato applicato il protocollo di telemonitoraggio e di questi, a seguito del controllo da remoto, 48 hanno avuto bisogno del ricovero in pronto soccorso.

«Il 92% dei casi Covid può essere seguito da remoto. I pazienti finiti in ospedale avevano effettivamente bisogno di andarci – ci ha spiegato il professor Salvatore di Somma, responsabile delle urgenze territoriali della Asl pontina -. Non solo. Grazie al monitoraggio costante sono arrivati in ospedale con una polmonite in fase iniziale, che è stata così trattata adeguatamente e con efficacia».

Il telemonitoraggio promosso dalla sanità locale di Latina consiste in un kit composto da telefonino e saturimetro che viene affidato al paziente positivo al Covid, che viene costantemente tenuto sotto controllo dal personale della Asl. «La telemedicina sa creare un salto di qualità nel livello di assistenza – ha spiegato Giorgio Casati, direttore generale della Ausl Latina -. C’è molta diffidenza in giro quando si parla di nuove tecnologie, c’è sempre la sensazione di incorrere in problemi medico legali e non tutte le aziende riescono a organizzare bene una centrale di monitoraggio. Ma questa esperienza ha abbattuto molte delle barriere di scetticismo, prima di tutto dal lato degli operatori ma anche dal lato della popolazione».

Anche perché, ha continuato il professor di Somma, le statistiche elaborate dalla sala di controllo parlano di un decorso migliore in fase post-coronavirus per i pazienti che hanno vissuto l’esperienza del telemonitoraggio: «Abbiamo un migliore outcome clinico, minore necessità di visite pneumologiche successive, minor ricorso al Pronto Soccorso e soprattutto un miglior stato psicofisico. È un sistema, io credo, che ha dimostrato la sua utilità».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, 131 mila contagi sul lavoro denunciati all’Inail nel 2020. Infermieri, OSS e medici i più colpiti
Il report mensile elaborato dall’Inail rileva, al 31 dicembre, un aumento di quasi 27mila casi rispetto alla fine di novembre (+25,7%). Un quarto dei decessi nel settore della sanità e assistenza sociale
Covid-19, il Comitato terapie domiciliari: «Richieste di aiuto moltiplicate nella seconda ondata»
Dal gruppo Facebook #Terapiadomiciliarecovid19, creato all’inizio della pandemia per far dialogare i medici dei territori sulle terapie anti Covid, è stato costituito un comitato presieduto dall’avvocato Erich Grimaldi
«Affrontare la pandemia: sciogliere i nodi vaccini, scuola, lavoro»
di On. Dott.ssa Fabiola Bologna, Segretario Commissione Affari Sociali e Sanità, Popolo Protagonista
di On. Fabiola Bologna, Segretario Commissione Affari Sociali e Sanità
Covid e animali domestici, nessun rischio da gatti e cani. Lo studio
Dai dati raccolti dagli scienziati italiani si esclude che gli animali domestici abbiano un ruolo nella diffusione del contagio all'uomo: «La suscettibilità al nuovo coronavirus degli animali da compagnia dipende da uno stretto contatto con persone che sono risultate positive»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 gennaio, sono 97.536.545 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.091.848 i decessi. Ad oggi, oltre 57,58 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»