Salute 18 Gennaio 2022 12:10

Tecnostress, gli effetti collaterali legati ad una vita davanti allo schermo

Laura Parolin, Presidente dell’Ordine degli psicologi della Lombardia analizza il problema che durante la pandemia ha interessato milioni di cittadini e spiega quali strategie mettere in campo con l’auto di un professionista per sopravvivere allo stress del digitale

Tecnostress, gli effetti collaterali legati ad una vita davanti allo schermo

Tra gli effetti della pandemia, meno evidenti, ma non per questo trascurabili c’è lo stress determinato da un uso eccessivo di nuove tecnologie. È la sindrome da tecnostress che sembra interessare milioni di italiani costretti dal Covid allo Smart working, al lockdown e agli isolamenti fiduciari. Stili di vita nuovi che in due anni hanno fatto cambiare le abitudini e reso adulti e ragazzi più sensibili agli effetti a lungo termine di un prolungato utilizzo di smartphone, tablet e pc tanto da creare una vera e propria patologia da riconoscere, affrontare e superare. «Solo pochi mesi fa abbiamo iniziato a sentir parlare di metaverso, ovvero la concreta possibilità di trasporre in un mondo completamente virtuale la maggior parte delle nostre attività quotidiane, un mondo che, se ancora oggi è poco più di uno spazio di gioco, in realtà ha segnato un cambio di passo che con la pandemia ha preso il sopravvento – spiega Laura Parolin, Presidente dell’Ordine degli psicologi della Lombardia -. E se da un lato il “lavoro agile” è diventato una costante, dall’altra sono numerosi, forse troppi, gli effetti collaterali legati ad una vita davanti allo schermo».

Tecnostress, una dipendenza che genera impotenza e frustrazione

Un utilizzo eccessivo e disfunzionale degli strumenti tecnologici può avere un impatto negativo su atteggiamenti, pensieri, comportamenti. «Una vera e propria dipendenza che molti lavoratori percepiscono come forma di disagio – ammette Parolin – Una recente indagine dell’American Psychiatric Association ha mostrato come il 18% degli adulti statunitensi identifichi la tecnologia come fonte di stress significativa che può portare a sentimenti di impotenza e di frustrazione, con conseguente avversione o fobia per l’uso dei dispositivi».

Quel “non disconnettersi mai” che fa male

Dal 2007 il tecnostress è stato ufficialmente riconosciuto come malattia professionale; quindi, le cause e gli effetti rientrano nell’obbligo di valutazione dei rischi previsti dalla legge. È fondamentale dunque riconoscere i sintomi e gli effetti che si manifestano a più livelli e che causano patologie e disturbi differenti. «Sono stati individuati due principali fattori di tecnostress – spiega la presidente dell’Ordine degli psicologi della Lombardia – il primo legato alla imponente quantità di informazioni provenienti da più fonti (e mail, messaggi istantanei, WhatsApp) che possono portare ad una eccessiva stimolazione ed affaticamento degli utenti; e il secondo si riferisce alla durata della connessione che a sua volta ha ripercussione sulla mente e sul fisico».

Attenzione al burn-out anche con il digitale

Difficoltà di attenzione, agitazione, tensione muscolare, disturbi del sonno e ansia sono alcune delle possibili conseguenze di questa sempre più attuale patologia che colpisce non solo gli adulti lavoratori, ma anche un numero crescente di giovani e giovanissimi, assorbiti durante la pandemia dalla DAD e dai giochi elettronici divenuti i migliori “amici” durante i mesi di lockdown e di isolamento. «Il fenomeno del burn-out, che tutti conosciamo largamente collegato alle professioni di aiuto, può essere uno degli esiti di un rapporto non equilibrato con la tecnologia: i messaggi, la stabilità dell’immagine/identità sui social network sono alcuni degli esempi che, se parte della nostra quotidianità, possono portarci ad esaurire le nostre risorse».

Un aiuto dallo psicologo

Il problema è dunque complesso, a volte subdolo perché si annida in diversi comportamenti che possono essere fuorvianti. Per questo l’intervento del professionista è fondamentale. «Il metaverso rappresenta oggi una realtà non più ignorabile -aggiunge – sarà perciò fondamentale pensare e organizzare nuovi strumenti e spazi di ascolto e sostegno per prendersi cura delle conseguenze che il costante uso della tecnologia ha su tutti noi, formulando interventi di prevenzione e cura che tengano conto dell’età dei pazienti, dai bambini fino agli anziani, e dell’ambiente. La figura dello psicologo nelle organizzazioni lavorative, poi, può rappresentare un’utile risorsa, non solo in ambito di intervento, ma anche, e soprattutto, nel programmare azioni di prevenzione, dove una sufficiente educazione dei lavoratori, rispetto a questi fenomeni, può aiutare a segnalare per tempo situazioni di potenziale disagio e ad introdurre interventi efficaci».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Come vincere ansia e paura della guerra? Il parere dell’esperto
Gianluca Castelnuovo (Direttore del Laboratorio di ricerche di psicologia clinica dell’Auxologico Italiano IRCCS) «Filtrare le notizie sui social e mettere a tacere il senso di impotenza con azioni di solidarietà. Questi i pilastri intorno a cui costruire il proprio bagaglio emotivo per far fronte alla destabilizzazione psicologica, che suscita la guerra Russo Ucraina negli italiani».
Abbandono scolastico e disagi psicologici dei giovani, quale connessione?
di dott. Giacinto D'Urso, psicologo
di dott. Giacinto D'Urso, psicologo
Depressione “effetto collaterale” delle patologie croniche: ne soffrono 3 malati su 10
Balestrieri (SNPF): «La relazione tra malattie croniche e depressione è bidirezionale: un malato cronico ha un rischio maggiore di cadere in depressione e un depresso di ammalarsi di patologie croniche»
Blue Monday in pandemia: è davvero il giorno più triste dell’anno?
L’esperto: «Più che in un Blue Monday siamo da due anni calati in un grigio che non guarda ai giorni della settimana. Ma la stagione invernale influisce eccome»
Depressione, giovani e donne più colpiti. Fondazione Onda: «Mancano medici per fare screening»
Screening psicologici ai giovani con familiarità, radio e farmacie di quartiere per fronteggiare e superare la depressione nell’era del Covid. Claudio Mencacci, Direttore del dipartimento di neuroscienze dell’Ospedale Fatebenefratelli Sacco di Milano e coordinatore del Comitato Scientifico di Fondazione Onda, spiega il progetto Stargate
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 maggio, sono 527.841.227 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.284.538 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto
Cause

Medici specializzandi, apertura della Cassazione su prescrizione, rivalutazione interessi e borse di studio

Due ordinanze della Cassazione riaprono la vertenza, con udienza pubblica. L’avvocato Tortorella: «La giurisprudenza può rivedere le sue posizioni in senso più favorevole ai ...