Salute 29 Dicembre 2021 10:59

Tatuaggi: dal 4 gennaio stop ai colori fuori legge. I consigli del dermatologo per non correre rischi

Dal 2022 un nuovo regolamento europeo metterà al bando sostanze nocive come nichel, mercurio, cromo e isopropanolo contenute nei coloranti dei tatuaggi, mentre i tatuatori dovranno rilasciare ai clienti il certificato di garanzia

Giro di vite per i tatuaggi. Dal 4 gennaio il nuovo regolamento Europeo metterà al bando quei pigmenti dei colori che contengono sostanze potenzialmente nocive, come nichel, mercurio, cromo e isopropanolo. Una decisione che riguarda un mercato da 80 milioni di euro che rischia di subire un brutto colpo.

«Nel colore ci possono essere sostanza potenzialmente nocive, se non controllate – spiega Gabriella Fabbrocini, consigliera della Società Italiana di Dermatologia medica, chirurgica ed estetica SIDeMaST– in particolare l’isopropanolo, un solvente che serve a sciogliere il colore e a sterilizzarlo. Se presente in concentrazioni o con procedure errate può dare bruciore oculare, seccare l’epidermide, creare danni al sistema nervoso ed essere potenzialmente cancerogeno».

Tatuaggi a colori: attenzione alle reazioni allergiche immediate

Un destino in bianco e nero si profila all’orizzonte per i tatuaggi a partire dal 2022 a meno che si impieghino colori bio. «Il giallo, l’arancione e il rosso si possono riprodurre con sostanze naturali – puntualizza l’esperta – non il verde 7 e il blu 15 per i quali non ci sono alternative e dunque sono potenzialmente più a rischio». Si profila una deroga di un anno per i colori insostituibili. Ma crescono i timori e le preoccupazioni negli oltre sette milioni di italiani già tatuati.

«Non bisogna essere allarmisti – precisa la dottoressa Fabbrocini – chi ha il tatuaggio da molto tempo e non ha avuto reazioni, probabilmente significa che ha un organismo in grado di metabolizzare senza problemi le sostanze estranee e dunque non ci sono le condizioni perché debba stressarsi. Occorre poi tenere conto che ogni pigmento è comunque una sostanza estranea alla pelle; quindi, potenzialmente anche il nero potrebbe dare reazioni avverse, anche se in casi più rari. Quindi conoscere sé stessi e ascoltare la propria pelle è buona norma e per i soggetti allergici meglio evitare il tatuaggio.  Non solo, essendo questa un’arte, affidarsi a persone competenti e professionisti seri credo sia la strada migliore. Poi tenere il dermatologo come riferimento per eventuale qualsiasi problema».

Affidarsi a mani esperte e richiedere il certificato di qualità

Per frenare l’abusivismo e l’impiego di prodotti non a norma, tra le novità della direttiva europea, c’è anche l’obbligo per il tatuatore di consegnare al cliente una certificazione che dovrà riportare informazioni precise e le quantità delle sostanze utilizzate per realizzare il tatuaggio. «Se si decide di fare un tatuaggio – consiglia la dermatologa – meglio che sia di piccole dimensioni, fatto da mani professioniste, esperte e certificate, ma soprattutto in zone dove non ci siano lesioni neviche da monitorare perché il tatuaggio in quel caso potrebbe diventare un ostacolo al controllo dei nei e un induttore di modificazioni infiammatorie nell’area del neo e quindi creare problemi».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Colori Regioni, il Cts apre alla revisione dei parametri. Sì a Rt ospedaliero
Le Regioni propongono una revisione chiara e semplificata dei parametri e chiedono il superamento del modello diviso per colori in base al rischio
Covid e tatuaggi, come farli in sicurezza
L'Inail spiega cosa devono fare operatori e clienti per evitare contagi
Covid-19, Gimbe: «Frena contagio, restrizioni funzionano. Ma il colore delle regioni sbiadisce troppo in fretta»
Il monitoraggio settimanale di Gimbe conferma timidi segnali di rallentamento dell’epidemia, ma i numeri sono ancora molto elevati: oltre 165 mila nuovi casi e 5.055 decessi. Quasi 780 mila attualmente positivi, con soglie di saturazione di ospedali superate in 15 regioni e le terapie intensive in 16
Tatuaggi, controlli dei NAS: sostanze tossiche in un campione su cinque di inchiostro
A seguito dei risultati il ministero della Salute ha disposto divieto di vendita e di utilizzo, di ritiro/richiamo dalla rete commerciale nonché all'obbligo di informare i soggetti che si sono sottoposti a tatuaggio circa la pericolosità dei prodotti, mediante sistemi di rintraccio dei clienti o altri metodi ritenuti efficaci
Triage ospedaliero, D’Amato (Lazio): «Dal 2020 si passa dai 4 codici a colore a 5 codici numerici»
«La Regione Lazio è tra le prime Regioni in Italia ad approvare il manuale operativo per la trasformazione del triage ospedaliero dai codici a colore ai codici numerici. Un passaggio che non è un semplice adempimento o spacchettamento del sistema dei codici a colori, ma rappresenta un nuovo processo di codifica nel quale si ridefiniscono […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 gennaio, sono 328.127.717 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.539.717 i decessi. Ad oggi, oltre 9,62 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre