Salute 13 Maggio 2021 12:53

Colori Regioni, il Cts apre alla revisione dei parametri. Sì a Rt ospedaliero

Le Regioni propongono una revisione chiara e semplificata dei parametri e chiedono il superamento del modello diviso per colori in base al rischio

Colori Regioni, il Cts apre alla revisione dei parametri. Sì a Rt ospedaliero

Dall’incontro tra Governo e Regioni sui parametri per definire i colori delle Regioni emergono novità. I tecnici regionali e del Cts stanno lavorando a una revisione dei criteri da utilizzare.

Tra le proposte delle Regioni, quella di superare l’indice di trasmissibilità (Rt) a vantaggio degli indici di pressione ospedaliera. Dare peso, quindi, al tasso di incidenza e di occupazione dei posti letto in terapia intensiva e in area medica.

Ad oggi, infatti, alcune Regioni oscillano tra zona gialla e zona arancione con una situazione ospedaliera accettabile, a causa dell’Rt. Per questo, si sta valutando il passaggio in zona ad alto rischio con un livello di occupazione in area medica e in terapia intensiva del 30% e 20% (ora al 40 e al 30).

Le richieste delle Regioni: «Superare il modello diviso per colori»

Le Regioni hanno chiesto di sostituire il meccanismo dei quattro colori con tre livelli di rischio: basso, medio e alto. Un’idea che non ha, per ora, convinto il Cts. Rivedere totalmente tutto il sistema dei “colori” ha sollevato perplessità e non ha convinto tutti. I quattro colori sembra che resteranno, vincolati, però, all’indice di contagio: 250 casi positivi su 100 mila abitanti in zona rossa; tra 150 e 249 casi in zona arancione; tra 50 e 149 casi in zona gialla; fino a 49 casi in zona bianca. Il coprifuoco dovrebbe essere mantenuto solo in zona rossa.

Speranza: «Adeguare modello agli indici di pressione ospedaliera»

Abbandonare i quattro colori non convince, in primis, il ministro Speranza. «Il modello adottato in questi mesi ha funzionato – ha dichiarato il ministro della Salute, Roberto Speranza – e ci ha consentito di affrontare la seconda e terza ondata senza un lockdown generalizzato, ma con specifiche misure territoriali».

«Ora, nella nuova fase – ha aggiunto – caratterizzata dal forte avanzamento della campagna di vaccinazione lavoriamo con ISS e Regioni per adeguare il modello immaginando una maggiore centralità di indicatori quali l’incidenza e il sovraccarico dei servizi ospedalieri».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ssn, 5° rapporto Gimbe: in 3 anni +11,2 miliardi alla sanità (erosi dalla pandemia)
Italia al 16° posto in Europa (e ultima tra i Paesi G7) per spesa sanitaria pubblica pro-capite. Da Gimbe il piano per il rilancio del Ssn: «Rimettere la sanità al centro dell’agenda politica»
Iss: repentino aumento dei contagi, ora 5 Regioni a «rischio alto»
Alla vigilia della scadenza dell'obbligo delle mascherine anche sui trasporti, i nuovi dati del monitoraggio settimanale indicano un aumento repentino dei contagi
Covid, si inverte la curva dei contagi: +11,3% di casi negli ultimi 7 giorni
Continua la discesa di ricoveri e decessi. Il nuovo monitoraggio GIMBE relativo alla settimana 14-20 settembre
Gimbe: «Rallenta crescita nuovi casi, netto aumento decessi»
«In un mese più che raddoppiati ricoveri ordinari e in terapia intensiva. Picco contagi all’orizzonte, ma la discesa della curva potrebbe essere molto lenta. Inaccettabile l’idea di una “libera circolazione” del virus: la popolazione a rischio di malattia grave è troppo estesa»
Covid, Gimbe: «Più 50% dei casi in 7 giorni. Aumentano ricoveri, terapie intensive e decessi»
Il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta: «Prosegue impennata nuovi casi settimanali»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 25 novembre 2022, sono 640.506.327 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.627.987 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa