Salute 13 Maggio 2021 12:53

Colori Regioni, il Cts apre alla revisione dei parametri. Sì a Rt ospedaliero

Le Regioni propongono una revisione chiara e semplificata dei parametri e chiedono il superamento del modello diviso per colori in base al rischio

Colori Regioni, il Cts apre alla revisione dei parametri. Sì a Rt ospedaliero

Dall’incontro tra Governo e Regioni sui parametri per definire i colori delle Regioni emergono novità. I tecnici regionali e del Cts stanno lavorando a una revisione dei criteri da utilizzare.

Tra le proposte delle Regioni, quella di superare l’indice di trasmissibilità (Rt) a vantaggio degli indici di pressione ospedaliera. Dare peso, quindi, al tasso di incidenza e di occupazione dei posti letto in terapia intensiva e in area medica.

Ad oggi, infatti, alcune Regioni oscillano tra zona gialla e zona arancione con una situazione ospedaliera accettabile, a causa dell’Rt. Per questo, si sta valutando il passaggio in zona ad alto rischio con un livello di occupazione in area medica e in terapia intensiva del 30% e 20% (ora al 40 e al 30).

Le richieste delle Regioni: «Superare il modello diviso per colori»

Le Regioni hanno chiesto di sostituire il meccanismo dei quattro colori con tre livelli di rischio: basso, medio e alto. Un’idea che non ha, per ora, convinto il Cts. Rivedere totalmente tutto il sistema dei “colori” ha sollevato perplessità e non ha convinto tutti. I quattro colori sembra che resteranno, vincolati, però, all’indice di contagio: 250 casi positivi su 100 mila abitanti in zona rossa; tra 150 e 249 casi in zona arancione; tra 50 e 149 casi in zona gialla; fino a 49 casi in zona bianca. Il coprifuoco dovrebbe essere mantenuto solo in zona rossa.

Speranza: «Adeguare modello agli indici di pressione ospedaliera»

Abbandonare i quattro colori non convince, in primis, il ministro Speranza. «Il modello adottato in questi mesi ha funzionato – ha dichiarato il ministro della Salute, Roberto Speranza – e ci ha consentito di affrontare la seconda e terza ondata senza un lockdown generalizzato, ma con specifiche misure territoriali».

«Ora, nella nuova fase – ha aggiunto – caratterizzata dal forte avanzamento della campagna di vaccinazione lavoriamo con ISS e Regioni per adeguare il modello immaginando una maggiore centralità di indicatori quali l’incidenza e il sovraccarico dei servizi ospedalieri».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Report Altems: «Se il personale assunto è specializzato anti-Covid, il SSR è “resiliente”»
Lo studio dell’Altems ha incrociato due dati fondamentali: l’assunzione di nuovo personale in tutte le 21 Regioni e Province Autonome italiane e il volume di interventi chirurgici erogati (extra Covid) durante il primo lockdown. Ecco i risultati
di Isabella Faggiano
Gimbe, il calo di casi e decessi prosegue. Consegnato 55% delle dosi di vaccino previste per questo semestre
In discesa casi, decessi e ospedalizzazioni. Attenzione però al testing, in netto calo rispetto ai primi mesi dell'anno. Sui vaccini si apra di nuovo discussione su AstraZeneca: open day ai giovani sì o no?
Vaccini aperti a tutti ma ogni Regione va da sé. Qual è la situazione?
Stop alle classi d’età, da oggi (teoricamente) le adesioni ai vaccini sono libere in tutta Italia. Ecco come si muovono le Regioni e come prenotarsi
Le nuove raccomandazioni del Cts su ristoranti, cerimonie e palestre. Le novità sulla zona bianca
L'obiettivo è quello di trascorrere la fase delle riaperture nella maniera più sicura possibile e senza confusione a causa delle tante attività coinvolte
Covid-19, gli infermieri per i vaccini a domicilio ai fragili. Il protocollo Ministero-Regioni-Fnopi
In campo infermieri e infermieri pediatrici. Oltre al compenso aggiuntivo, previsti 6,16 euro a inoculazione. Mangiacavalli (Fnopi): «Un ulteriore tassello che dimostra il ruolo e la rilevanza di un’assistenza infermieristica». Contrari Fials e Nursing Up
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM