Salute 13 Gennaio 2021 09:59

Cosa spinge una persona a tatuarsi? Lo psicoterapeuta: «Comunicare e relazionarsi senza parole»

«Impossibile categorizzare chi si tatua dalla testa ai piedi: c’è chi lo fa per trasformare il proprio corpo in un’opera d’arte, chi per diventare qualcun altro. Il tatuaggio non è più una scelta definitiva: può essere rimosso, ricoperto o modificato»

di Isabella Faggiano
Cosa spinge una persona a tatuarsi? Lo psicoterapeuta: «Comunicare e relazionarsi senza parole»

È un modo di comunicare senza l’utilizzo delle parole. A se stesso o a pochi intimi se il tatuaggio è in una zona nascosta del corpo; a chiunque se ben visibile anche all’occhio di un passante. E probabilmente Gregory Paul McLaren – in arte Rich – che, con il cento per cento della pelle ricoperta da inchiostro, detiene il titolo di uomo più tatuato del mondo, ha voluto comunicare un insieme di queste cose.

Cosa spinge una persona a tatuarsi

«Il tatuaggio è un segno che una persona decide di fare sul proprio corpo per se stesso e per gli altri – spiega Antonio Chimienti, psicologo, psicoterapeuta, membro del Comitato di redazione dell’Ordine degli Psicologi del Lazio -. Un elemento di auto-narrazione, un modo di comunicare senza parole, tanto che in alcuni casi viene scelto proprio per rivelare un parte di sé che, altrimenti, si riuscirebbe difficilmente a mostrare».

Dalla comunicazione alla relazione

«Il tatuatore non svolge più una professione meramente tecnica, ma si è trasformato in un artista che rivela qualcosa di sé attraverso lo stile con cui sceglie di rappresentare un determinato segno del corpo del tatuato», sottolinea l’esperto. Ancora, la relazione instaurata da un tatuaggio può essere di natura intima «non solo con due tatuaggi uguali impressi su corpi diversi, come dimostrazione dell’amore dell’uno per l’altro, ma anche con disegni complementari che rivelano il loro significato solo se osservati insieme», aggiunge Chimienti.

Nel tatuaggio, poi, può essere contenuto un vero e proprio enigma da risolvere con l’aiuto della tecnologia: «Immagini di onde sonore impresse sul corpo che, inquadrate con lo smartphone – racconta lo psicologo -, riproducono un suono che può essere anche molto intimo, come la risata del proprio figlio».

Segni e simboli non più indelebili

Il tatuaggio è costituito da un segno, quello impresso sul corpo, e da un significato, quello attribuito nel momento in cui lo si sceglie. «Nel corso della vita può accadere che il significato attribuito al simbolo tatuato perda di senso, tanto da essere rifiutato», dice lo psicoterapeuta. Un cambiamento che, oggi, non rappresenta più un problema: «Pur continuando ad associare l’aggettivo “indelebile” alla parola “tatuaggio”, sappiamo bene che anche questo non ha più nulla di definitivo. I tatuaggi possono essere rimossi, ricoperti da un altro tatuaggio, modificati. Sono dei cantieri aperti su cui sempre si può rimettere mano e che, pertanto, hanno modificato il loro significato nel corso degli anni».

Il tatuaggio è una scelta individuale

Allo stesso tempo ci sono individui che nel tatuaggio hanno trovato il loro stile di vita: persone tatuate dalla testa ai piedi, occhi compresi. «Non credo si possa categorizzare una scelta di questo tipo – commenta lo psicologo – perché persone interamente tatuate possono averlo fatto per ragioni completamente diverse e di conseguenza non possono essere inserite in una medesima categoria. C’è chi lo fa perché vuole trasformare il proprio corpo in un’opera d’arte, chi vuole diventare qualcos’altro, ricorrendo anche alla body modification o ad impianti sottocutanei».

«Ma come per qualsiasi altra forma di comunicazione o di relazione, anche quella del tatuaggio non può essere generalizzata: solo un’analisi clinica compiuta caso per caso può rivelare la personalità di un individuo ed eventualmente – conclude Chimienti – associarne il significato celato in un tatuaggio. Se un significato realmente esiste».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
L’OMS lancia un’indagine in 26 Paesi europei per valutare le conseguenze del Covid sulla psiche
De Girolamo (IRCCS Fatebenefratelli): «Questionario online per 10000 cittadini tra i 18 e i 70 anni per conoscere ripercussione che avrà il virus su sfera economica, percezione della malattia attraverso l’informazione e ruolo del vaccino»
di Federica Bosco
Assistenza psicologica e Legge di Bilancio, Lazzari (CNOP): «Assenti prevenzione e risposta al disagio legato alla pandemia»
Stanziati 500 mila euro per assistere i genitori che perdono i propri figli. Il presidente degli psicologi: «Mi sarei aspettato un provvedimento per i parenti dei deceduti Covid»
di Isabella Faggiano
Scrivere un diario per non perdere di vista la rotta della propria esistenza
Il diario è un mezzo terapeutico e di auto-osservazione. I consigli della psicoterapeuta: «Porsi degli obiettivi, scrivere con costanza, rileggere periodicamente e confrontare la realtà dei fatti con i propri desideri».
di Isabella Faggiano
Psicologia, Lazzari (CNOP): «Non c’è stato adeguamento organizzativo in Ssn»
Il presidente Cnop David Lazzari plaude alla norma del Dl Ristori che incide sull’organizzazione dei servizi psicologici. Ma sottolinea: «Paghiamo arretratezza culturale. In questo momento ogni Regione ha modelli diversi, o per meglio dire spesso non ne ha. Questo fatto pesa molto negativamente»
I traumi da Covid di medici, pazienti e familiari nel racconto della psicoterapeuta
Torricelli: «Dalla paura dell’ignoto al tormento per il dolore altrui. Straziante anche il dispiacere di coloro che non hanno potuto dire addio ai propri familiari»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 15 gennaio, sono 93.129.104 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.994.440 i decessi. Ad oggi, oltre 35,57 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...