Salute 16 Settembre 2014

Bisturi? No, cesoie: sanità a rischio tagli

Minaccia di una riduzione di tre miliardi con la spending review. Il ministro Lorenzin getta acqua sul fuoco, ma le Regioni restano sul piede di guerra

Immagine articolo

Servono soldi e servono ora. Il governo Renzi va alla ricerca di 20 miliardi di euro per confezionare la sanguinosa manovra del 2015. E dove li cerca? Laddove sono sempre stati trovati: nella sanità.

Voci sempre più insistenti parlano di tagli per oltre tre miliardi nel Fondo sanitario, ovvero in quell’ammasso di risorse che permettono la sopravvivenza, seppur tra mille difficoltà, del nostro Ssn. Una notizia che fa a cazzotti con quanto dichiarato dal Governo stesso negli scorsi mesi e che rischia di rompere definitivamente l’asse con le Regioni – non ce n’è una che non si sia opposta con forza a questa eventualità – oltre che compromettere la salute stessa dell’intero sistema.

A dirlo non è l’opposizione né catastrofisti a pagamento. È il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, che negli scorsi mesi, oltre ad aver promesso che grazie al Patto per la Salute da poco varato gli eventuali risparmi raccolti in ambito sanitario sarebbero rimasti nel settore, si era sbilanciata affermando che “se sulla sanità dovessero piovere nuovi tagli, gli italiani dovrebbero rinunciare nel medio periodo al Sistema sanitario come lo conosciamo oggi”, rendendo necessario il ricorso “ad assicurazioni private o ad altri sistemi”. Oggi il Governo tenta comunque di gettare acqua sul fuoco, con la stessa Lorenzin che invita a “non fare allarmismi” perché, ad oggi, il taglio di tre miliardi al Fondo non sarebbe a suo dire, previsto. Ciò che serve, invece, è “lavorare in modo forte nella lotta agli sprechi”, attraverso le misure previste dal Patto per la Salute, ovvero: centrale unica di acquisti, nuovo sistema di benchmark anche per acquisti di nuovi dispositivi e farmaci, digitalizzazione sanitaria e implementazione della cabina di monitoraggio del patto”.

Come detto, però, i più arrabbiati sono i governatori: Stefano Caldoro, presidente della Regione Campania, afferma che, “fermo restando tutti i discorsi e gli impegni presi sull’efficienza, gli accordi stipulati in materia di sanità con il governo vanno rispettati”. Il governatore toscano Enrico Rossi tenta di spostare l’attenzione dell’esecutivo sulle “pensioni superiori ai 3mila euro”, che rappresentano “una cifra alta e più che sufficiente per vivere”, specialmente in un Paese “in cui la sanità è pubblica e per tutti”. Una rivolta popolare è invece il rischio che si corre, secondo il presidente lombardo Roberto Maroni e il leader della Lega Nord Matteo Salvini, a tagliare ulteriormente una spesa già ridotta all’osso dalle ultime manovre.

Articoli correlati
L’ex ministro Beatrice Lorenzin chiude il ciclo di incontri dei “Venerdì degli igienisti dentali”
Tra gli ospiti dell'evento UNID anche Fernando Capuano, presidente della Simedet, l'avvocato Laila Perciballi in rappresentanza del Movimento consumatori e il Presidente dell’Ordine TSRM-PSTRP di Roma e provincia, Claudio Dal Pont
Rapporto Gimbe, Lorenzin: «Non può non destare preoccupazione. Ci aspetta un autunno difficile»
L’ex ministro della Salute a Farma & Friends: «Necessaria una chiamata alle armi di tutte le forze politiche. Gli operatori della sanità sono preoccupati per i tagli preventivati al settore»
Epatite C, nuovi farmaci eradicano il virus. Vella (ISS): «Lavorare sui pazienti che non sanno di avere l’infezione»
È quanto emerso durante i lavori del convegno "L'Europa e l'Italia nell'obiettivo dell'eradicazione dell'infezione da HCV", svoltosi a Roma presso il Ministero della Salute. «Consiglierei ai medici di famiglia di far fare uno screening per l’Epatite C a tutti quei pazienti che hanno avuto dei fattori di rischio», sottolinea Adriano Pellicelli, direttore del Dipartimento Malattie del Fegato dell’Ospedale San Camillo di Roma
A Milano è il giorno del Patto per la Scienza di Burioni e Silvestri. Garattini: «Metodologia scientifica va insegnata a scuola»
Alla Statale l’evento di presentazione del Patto promosso dai virologi Burioni e Silvestri. Tra gli ospiti l’ex ministro della Salute Lorenzin e l’ex Magistrato Raffaele Guariniello. Presidente del Patto l’epidemiologo Pierluigi Lopalco
Ricerca, assegnati 95 mln di euro per nuovi progetti. Grillo: «Dobbiamo valorizzare il nostro “made in Italy”»
Attraverso il Bando della Ricerca Finalizzata 2018 sono stati esaminati oltre 1.700 progetti. 5 milioni sono andati a ricercatori under 33
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano